Faceit, 15 milioni di dollari alla startup italiana dei giochi online | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Venture capital

Faceit, 15 milioni di dollari alla startup italiana dei giochi online

29 Gen 2016

Basata a Londra, la società di Niccolò Maisto, Michele Attisani e Alessandro Avallone è stata finanziata da United Ventures, Anthos Capital e Index Ventures. Userà la somma per ampliare il team e continuare a sviluppare la piattaforma di online gaming che consente di partecipare a tornei in modalità multiplayer

Una startup italiana basata a Londra, Faceit (giochi online), ha ottenuto un round di finanziamento da 15 milioni di dollari da alcuni investitori tra i quali l’italiana United Ventures. La somma sarà utilizzata per ampliare il team e continuare a sviluppare la tecnologia e la piattaforma.

Fondata nel 2012 e guidata dal Ceo Niccolò Maisto, dal Coo Michele Attisani e da Alessandro Avallone, Chief Gaming Officer, Faceit è una piattaforma di online gaming sulla quale è possibile giocare competizioni in modalità multiplayer. In pratica consente ai giocatori di cimentarsi in tornei e campionati per guadagnare premi reali e virtuali attraverso una gestione automatizzata del torneo e una tecnologia matchmaking. Gli sviluppatori possono avere accesso a un kit di sviluppo software (Sdk) che consente loro di integrare tornei e matchmaking user-friendly nei loro titoli, per consentire ai giocatori di prendere parte ai giochi competitivi online a tutti i livelli di abilità.

Oltre a United Ventures, co-fondata da Massimiliano Magrini, la società è stata finanziata da Anthos Capital e Index Ventures.

Attualmente Faceit è utilizzata da centinaia di organizzatori di tornei e da oltre 3,5 milioni di utenti che scaricano una media di 3 sessioni di gioco al giorno.

L’anno scorso la startup ha siglato collaborazioni con vari partner, tra cui Twitch, Valve, Time Warner’s Turner Broadcasting e con il colosso di Hollywood Wme|Img. Nei prossimi mesi annuncerà nuovi integrazioni ai giochi, nuove partnerships e nuovi prodotti. Questo mese ha aperto un ufficio a Los Angeles: la presenza in Nord Amercia dovrebbe contribuire a rafforzare i rapporti con gli sviluppatori, gli editori e altri partner che risiedono negli Stati Uniti. (L.M.)

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati