«Come sfondare a Londra? Imparate dai più bravi e scegliete l'incubatore adatto» | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La videointervista

«Come sfondare a Londra? Imparate dai più bravi e scegliete l’incubatore adatto»

13 Gen 2015

Stefano Tresca, mentor di acceleratori inglesi di rilievo, come Level39 e Virgin Startup, spiega perché la capitale britannica è diventato l’hub europeo della nuova imprenditoria e dà alcune dritte per evitare gli errori più comuni e fare successo come startupper

Sopravvivere a Londra, centro della finanza internazionale e del fintech europeo, è il primo passo verso l’internazionalizzazione? Lo chiediamo a Stefano Tresca, avvocato con oltre 15 anni di esperienza nelle startup e mentor di acceleratori inglesi di rilievo, come Level39 e Virgin Startup.

Tresca spiega a EconomyUp quali sono i primi passi da compiere nella capitale inglese e quali gli errori da evitare per potersi affermare come giovane imprenditore su una piazza internazionale.

Londra – spiega il mentor da Level39, il più importante incubatore fintech europeo – è un ecosistema a tutti gli effetti che vanta un link diretto e privilegiato con gli Stati Uniti. Per affermarsi è necessario essere i più bravi e saper apprendere dai più bravi quando li si incontra. Non come fanno alcuni italiani, che tendono a sopravvalutarsi.

Scegliere l’incubatore più adatto al proprio tipo di business («per esempio Level39 è forte nella finanza, Virgin Startup per il mondo social e The Bakery per l’ecommerce») è una mossa che può aiutare molto, Ma soprattutto, sottolinea Tresca, è necessario respirare il clima internazionale della città, conoscere più persone possibile, allargare il proprio network e ricordarsi che «Londra ha regole uniche».

Articoli correlati