Zuegg, il made in Italy che "frutta" negli Usa | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La buona economia

Zuegg, il made in Italy che “frutta” negli Usa

02 Mar 2015

Il gruppo veronese che produce marmellate e succhi di frutta, fondato nel 1890, è arrivato a essere presente in 700 negozi della catena Walmart e punta a rilevare una fabbrica sul territorio statunitense. In programma c’è anche un’espansione in Africa e in Asia

Oswald Zuegg, presidente e amministratore delegato di Zuegg
Una marmellata globale made in Italy che spopola negli Usa. È quella di Zuegg. L’azienda veronese che produce confetture, succhi di frutta e semilavorati di frutta per l’industria lattiero-casearia è partita pochi anni fa alla conquista del mercato statunitense e ora è presente in 700 punti vendita del colosso americano della grande distribuzione Walmart, si appresta a entrare in una catena di cash&carry ed è alla ricerca di uno stabilimento nella parte settentrionale degli Stati Uniti, al confine con il Canada, dove produrre confetture e fare un salto dimensionale ancora più rilevante.

Il successo in terra statunitense arriva proprio in concomitanza con i 125 anni di vita del gruppo (fondato nel 1890 a Lana D’Adige, vicino Merano, da Maria Weigleiter, bisnonna dell’attuale presidente e amministratore delegato Oswald Zuegg) e con l’acquisto del 28% della società da parte di Oswald. Con questa operazione – a vendere le quote sono state tre parenti – l’imprenditore altoatesino ha raggiunto il controllo del 100% della società.

Il gruppo, che l’anno scorso ha realizzato un fatturato di 271 milioni di euro (+6% rispetto al 2013, 58% da business diretto alle aziende e il resto diretto ai consumatori), ha 569 dipendenti e opera in sei stabilimenti: due in Italia, due in Germania, uno in Francia e in Russia.

Zuegg riesce a ottenere buoni risultati in vari settori: in quello dei succhi di frutta (il marchio è Skipper), ha fatto registrare un balzo dello 0,4% nonostante il mercato italiano sia calato di oltre il 5%. Lo stesso si può dire per le confetture: nell’ultimo anno l’incremento è stato dell’11,2%. Con questa crescita, Zuegg ha portato la sua quota di mercato a 20,5 e lo guida insieme a Rigoni di Asiago. All’estero i competitor più importanti sono la francese Bonne Maman e la svizzera Schwartau.

Per Expo, Zuegg ha in agenda diversi progetti di promozione, tra cui una confettura limited edition ai fichi rossi e allo zenzero disponibile solo durante l’Esposizione universale.

Ma non c’è solo l’America. Dopo aver puntato sulla Russia, il gruppo guidato da Oswald Zuegg punta all’espansione anche in Africa e in Asia, tanto che secondo le previsioni fatte dal presidente nel 2020 il fatturato potrebbe triplicare e gli addetti arrivare a quota 2000. 

Articoli correlati