Sergio Tacchini rivuole il suo marchio: "Offro 5 milioni ai cinesi" | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

AZIENDE STORICHE

Sergio Tacchini rivuole il suo marchio: “Offro 5 milioni ai cinesi”

04 Giu 2014

L’ex campione di tennis e la sua famiglia vogliono riacquistare il brand di abbigliamento sportivo ceduto nel 2007 alla cinese Hembly e ora in liquidazione: “La nostra offerta è superiore alle altre”. Ma il primo tentativo è andato a vuoto

“Ridateci il marchio Sergio Tacchini, siamo pronti a offrire 5 milioni di euro”. L’appello accorato è della famiglia Tacchini, intenzionata a riacquistare il brand di abbigliamento sportivo, ora in liquidazione, ceduto ai cinesi della Hembly e ribattezzato Sergio Tacchini International. Ad annunciare il progetto di riportare in mani italiane l’azienda, fondata nel 1966 dall’omonimo campione di tennis piemontese degli anni ’60 per sette anni membro della squadra di Coppa Davis italiana, sono stati lo stesso ex tennista Sergio e il figlio Alessandro durante una conferenza stampa nel municipio di Novara.

“La scelta di vendere, nel 2007, è stata difficile, ma l’acquirente cinese ci sembrava il giusto interlocutore per rilanciare il marchio, soprattutto in Cina e nei mercati emergenti asiatici. Purtroppo non è stato così, oggi il marchio, che generava un fatturato di circa 100 milioni di euro, è quasi sparito dal mercato. Assistere a questa situazione è per noi molto difficile ed è per questo motivo che abbiamo deciso di provare a ricomperarlo”, ha affermato Sergio.

L’offerta, 5 milioni di euro da versare al futuro concordato per riavere il marchio e un investimento di 50 milioni in cinque anni per rilanciare la Tacchini, è stata inviata da tempo. “Il 14 aprile – hanno detto  Sergio e il figlio Alessandro, amministratore delegato di Sandy’s, marchio dell’abbigliamento con sede a Novara – abbiamo inviato all’attuale proprietaria del marchio, la Sergio Tacchini International srl in liquidazione, un’offerta di 5 milioni di euro, offerta sensibilmente superiore a quanto fatto da Wintex Italiana (l’azienda italiana emanazione di società di Hong Kong a cui nel giugno 2013 il marchio è stato affittato fino al 2017, ndr) e auspichiamo che questa proposta venga accettata per permetterci di rilanciare il marchio, valutato dagli esperti 2,3 milioni di euro, nel migliore dei modi”.  

Riottenere il brand sarà tutt’altro che semplice. L’offerta scadeva il 30 maggio e finora l’unica comunicazione ricevuta dai cinesi è una nota diffusa pubblicamente in cui si afferma che per vincoli contrattuali non si può procedere ad alcuna vendita. “Siamo stati informati – ha ammesso l’ex titolare del brand – che il marchio Sergio Tacchini non può essere oggetto di cessione”. Ma non sarà questo a fermare il tentativo.  “È comunque nostra intenzione procedere per valutare tutti gli scenari possibili per poter riacquisire il marchio”.

Il piano è ambizioso. I Tacchini vogliono creare una “nuova sede a Novara, dove verranno prese tutte le decisioni, così da uniformare la qualità e il processo di produzione”. A questo si aggiungerebbe una forte accelerazione sul retail: “Contiamo di riaprire una trentina di negozi monomarca e ripartire con una ventina di dipendenti”. In uno scenario in cui, dal 2008 al 2012, sono state ben 437 le aziende italiane acquisite da stranieri (fonte: Rapporto Outlet Italia di Eurispes), vedere che almeno qualcuna fa anche il percorso di ritorno sarebbe un buon segnale per tutto il made in Italy.
 

di Maurizio Di Lucchio

  • Lore

    Sergio tacchini solo 3 anni fa fatturava 30 milioni, oggi riceve 150.000 euro, pazzesco.
    L’azienda di proprietà’ della cinese Jenny tang e ‘ stata data in affitto ad un’azienda fantoccio del suo fidanzato per poter liberamente licenziare i dipendenti in Italia. Risultato: la cinese licenzia i dipendenti perché’ l’azienda riceve dall’affitto solo 150.000 euro, l’azienda fantoccio fattura milioni che ritornano, grazie ad una scatola, manco a dirlo, cinese, nelle tasche della proprietaria di tacchini ( la cinese) . Questi non sono evasori, sono criminali. Dai Sergio! Non mollare!!!!!! Sei stato e sei un campione, ti volgiamo campione anche domani! Lorenzo.

Articoli correlati