Biotech: chi è Silvano Spinelli, il nuovo Venture Partner di Sofinnova che lancerà il fondo Telethon | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL PERSONAGGIO

Biotech: chi è Silvano Spinelli, il nuovo Venture Partner di Sofinnova che lancerà il fondo Telethon

12 Mar 2018

Ha fatto una exit da 400milioni e ora guida BiovelocITA, primo acceleratore italiano per il red-biotech sostenuto proprio dal VC francese che, tra le polemiche, ha ottenuto i soldi da ITAtech. Ora l’imprenditore seriale è chiamato al nuovo incarico in occasione della partenza di un nuovo fondo da gestire con la Fondazione

Sofinnova Partners, società di venture capital europea specializzata in bioscienze e salita negli ultimi mesi alla ribalta delle cronache per il caso Itatech, ha nominato Silvano Spinelli Venture Partner.

Silvano Spinelli

Protagonista di una mega-exit nel 2014, quando ha venduto la sua startup bio-tech Eos agli americani per oltre 400 milioni di euroSpinelli l’anno dopo ha lanciato BiovelocITA, primo acceleratore italiano interamente dedicato al red-biotech, co-fondato con Gabriella Camboni e proprio con Sofinnova Partners, con cui peraltro ha una frequentazione decennale.  Il Red Biotech è il “reparto di assalto” del settore biotecnologico, ovvero l’insieme di tecnologie che utilizzano organismi viventi (batteri, lieviti, cellule vegetali e animali) o loro componenti sub-cellulari per produrre quantità commerciali di prodotti utili all’uomo o sviluppare microorganismi adatti ad usi terapeutici.

La nuova vita di Silvano Spinelli “acceleratore” di startup biotech: come rivedere la puntata

Ora l’imprenditore, pur continuando il proprio impegno come presidente del Consiglio di Amministrazione di BiovelocITA , affianca a questo ruolo quello di Venture Partner di Sofinnova.

Venture Capital in Italia, il governo vuole aiutarlo ma troppi soldi vanno ai francesi

Come Venture Partner, si legge in una nota, Silvano porta in Sofinnova un’esperienza ventennale di imprenditore seriale nel biotech e una profonda conoscenza del settore in Italia. Con il lancio del Fondo Sofinnova Telethon, il fondo di trasferimento tecnologico specializzato nella lotta contro le malattie genetiche rare, nato recentemente grazie a un accordo con il Gruppo BEI e Cassa Depositi e Prestiti (CDP), Silvano metterà a disposizione dei giovani imprenditori e dei ricercatori la sua esperienza per lo sviluppo in Italia di nuove aziende biotech.

Silvano Spinelli e Sofinnova Partners collaborano ormai da quasi 20 anni. Nel 1999 Sofinnova Partners ha investito in Novuspharma S.p.A., una società focalizzata in oncologia che Spinelli aveva fondato e che si quotò al Nuovo Mercato nel 2000, raccogliendo oltre 160 milioni di Euro. Novuspharma venne successivamente acquisita da Cell Therapeutics nel 2003. Sofinnova Partners ha poi favorito nel 2006 la creazione di EOS (Ethical Oncology Science). Spinelli è stato CEO e Presidente di EOS fino all’acquisizione della società da parte di Clovis Oncology nel 2013 per 470 milioni di dollari. Come detto, più recentemente, nel 2015, Silvano Spinelli, Gabriella Camboni e Sofinnova Partners hanno creato BiovelocITA S.r.l., il primo acceleratore del red-biotech in Italia. BiovelocITA ha raccolto 15 milioni di euro dai fondatori e da investitori privati italiani ed è impegnata a sviluppare progetti in collaborazione con scienziati italiani di primo piano.

“Con Sofinnova Partners abbiamo in comune la stessa concezione dell’imprenditorialità. Ovvio che io sia molto felice di entrare come Venture Partner in un team di cui mi sono sempre sentito una parte. Insieme abbiamo già creato tre società in Italia e sono certo che faremo molto di più nel prossimo futuro anche grazie a BiovelocITA.  Con il nuovo fondo Sofinnova Telethon si apre una nuova ed esaltante prospettiva per il biotech in Italia: per me l’opportunità unica di mettere a disposizione delle nuove startup italiane la mia esperienza e la mia passione.” dichiara Silvano Spinelli.

Graziano Seghezzi, Managing Partner di Sofinnova Partners, sottolinea: “Silvano è un imprenditore seriale con grande capacità di visione a lungo termine. Abbiamo concordato la sua nomina a Venture Partner come la naturale evoluzione di una collaborazione che dura ormai da molti anni. Negli ultimi 20 anni, Sofinnova Partners è stata molto attiva nel mercato biotech in Italia. Adesso, con BiovelocITA ed il Fondo Sofinnova Telethon, rafforziamo le nostre attività grazie ad un team italiano dedicato. Silvano è un asset di grande importanza per la nostra strategia di crescita”

CHE COS’È SOFINNOVA PARTNERS

Sofinnova Partners, società con  sede a Parigi, riunisce 12 professionisti d’investimento altamente qualificati provenienti da tutta Europa, dagli Stati Uniti e dalla Cina. L’attenzione di Sofinnova Partners è incentrata su modelli tecnologici ad alto contenuto innovativo e su imprenditori visionari. L’obiettivo della società è di operare come socio fondatore ed investitore principale in startup e in spin-off d’impresa. In oltre 40 anni, Sofinnova Partners ha promosso e finanziato quasi 500 società creando leader di mercato mondiali. Oggi Sofinnova Partners ha un volume totale di fondi in gestione superiore a 1,3 miliardi di euro.

SOFINNOVA E IL CASO ITATECH

Sofinnova è finita sotto i riflettori perché le è stata assegnata in gestione una parte del capitale di ItaTech,, piattaforma di investimento della dotazione iniziale di 200 milioni di euro erogati in parti uguali da Cassa Depositi e Prestiti e Fondo Europeo degli Investimenti per finanziare il trasferimento tecnologico. Un elemento messo in evidenza da EconomyUp ormai nello scorso autunno, che ha provocato molte reazione e alcune interrogazioni parlamentari. Il nodo della questione: il venture capital in Italia è a livelli minimi rispetto ad altri Paesi europei, eppure si affidano capitali italiani a società non italiane…Per questo a inizio febbraio Adusbef (Associazione Italiana Difesa Utenti Servizi Bancari, Finanziari, Assicurativi), a firma del suo presidente onorario Elio Lannutti, ha presentato un esposto alla Corte dei Conti per chiedere che, nell’interesse della collettività, venga fatta luce sul possibile grave danno erariale che l’operazione comporterebbe.

Caso ITAtech, Adusbef presenta un esposto alla Corte dei Conti per fare chiarezza

 

Articoli correlati