Milano, inaugurate le isole digitali | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione

Milano, inaugurate le isole digitali

15 Ott 2013

Sono aree con wi-fi gratuito, colonnine per la ricarica di dispositivi elettronici, totem touch screen e quadricicli elettrici, con le quali la metropoli lombarda si prepara all’Expo 2015. Ecco come funzionano

Sono state inaugurate lunedì 14 ottobre a Milano le prime 15 “isole digitali” che, in vista di Expo 2015, apriranno a milanesi ma anche (e soprattutto) ai turisti le porte del web e di tutto quanto avviene nella metropoli lombarda. Nelle aree sono infatti presenti wi-fi gratuito, colonnine per la ricarica di dispositivi elettronici, totem touch screen e quadricicli elettrici.

Grazie alle “isole” sarà possibile scoprire tutto ciò che accade in città: dalle notizie del Comune a quelle turistiche, dagli eventi artistici e culturali alle informazioni su viabilità e trasporti pubblici. Dei 22 totem messi a disposizione da Telecom Italia, inoltre, 7 sono dotati di tecnologia Pos e Nfc per interagire con i telefonini e per poter usare i nuovi servizi che saranno sviluppati per l’Expo: da prenotazione e acquisto di biglietti per gli eventi alla richiesta di certificati della pubblica amministrazione. Il sistema di illuminazione intelligente a led varia la luminosità interna in base al numero di persone presenti, mentre un sistema di videosorveglianza ad alta definizione è collegato con la centrale della polizia locale.

Le prime 15 aree sono state sistemate nelle zone Bocconi, Porta Vittoria, Cinque Giornate, Porta Venezia, Hoepli, Cusani, Sant’Agostino, Pagano, Cadorna, Amendola Fiera, Bisceglie, XXV Aprile, Centrale Fs, Gioia e Loreto: in totale mettono a disposizione 60 mezzi elettrici biposto in condivisione (EQSharing). Il tutto a costo zero per i milanesi: i 3 milioni di euro spesi per le prime “isole” sono stati pagati dagli sponsor privati (da Telecom Italia ad A2a, da Microsoft a Ducati Energia) che hanno risposto ai bandi pubblici, mentre altri 960 mila euro (per procedere al primo ‘allargamento’ del servizio) arriveranno da un bando della Regione Lombardia per il programma europeo “Por”.

Intervistato da AssoDigitale, Carlo Purassanta, amministratore delegato di Microsoft, spiega come funzionano.

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati