Manager italiani, imparate da Angela che da Burberry è volata ad Apple | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Modelli

Manager italiani, imparate da Angela che da Burberry è volata ad Apple



Angela Ahrendts, fino a pochi giorni fa CEO della casa di moda inglese, ha puntato tutto sul digitale. E ha vinto. Ecco come ha fatto nell’analisi di un esperto: Marco Massarotto, patron dell’agenzia Hagakure. Una lezione per molte imprese del Made in Italy

di Redazione EconomyUp

17 Ott 2013


Marco Massarotto, digital entrepreneur, city explorer, taste hunter (come lui stesso ama definirsi) , ha scritto un bel post su una manager e un caso aziendale sui quali tanti manager e tanti imprenditori italiani dovrebbero riflettere, e non solo per qualche momento. Stiamo parlando di Angela Ahrendts, fino a pochi giorni CEO superpagata di Burberry, visto è stata appena ingaggiata da Apple come responsabile del retail, toccherà a lei reinventare gli Apple store quindi. In questo video possiamo vederla mentre racconta le sue idee sullo storytelling e sull’importanza che ha per un brand globale.

 

Siamo di fronte al caso di una manager 50enne che in un azienda molto british e old è riuscita a imporre con successo una visione all digital con risultati che hanno richiamato l’attenzione della multinazionale di Cupertino. Lo ha ha fatto con una convinzione e una determinazione rari tra i manager italiani, sempre incerti fra carenze personali e presunte compatibilità ambientali. Non si può fare, il mercato non è pronto, l’azienda tantomeno sono le frasi ricorrenti fra manager di piccole e grandi imprese in difficoltà nel compredere quello che è già accaduto e sta continuando ad accadere. 

Massarotto, che con digitale ci vive e ci lavora (è fondatore e patron dell’agenda Hagakure) riassume così la lezione di Angela: importanza dello storytelling; misurazione; cultura (digitale) interna; importanza della musica e della visual culture; scambio digital-physical, Digital, anzi mobile, first; budget and boldness. 

I dettagli in un post tutto da leggere. Meditate, manager (e imprenditori)

Redazione EconomyUp