L'Università più social? È la telematica di Pegaso | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il report

L’Università più social? È la telematica di Pegaso

di Redazione EconomyUp

03 Apr 2014

Altri argomenti

L’80% degli atenei ha un profilo sul social di Zuckerberg e il 76% cinguetta su Twitter. È quanto emerge dalla ricerca #socialUniversity, condotta dal Centro Nexa su Internet & Società del Politecnico di Torino. Se l’ateneo di Pegaso è il più attivo su facebook, utilizzato soprattutto per interagire con gli studenti, su Twitter, usato per divulgare informazioni, l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche batte tutti

I social network entrano anche nel mondo accademico. Secondo quanto emerge dalla ricerca #socialUniversity, condotta dal Centro Nexa su Internet & Società del Politecnico di Torino, infatti, le Università italiane sono sempre più connesse e comunicano con i loro studenti anche via Facebook e Twitter.

L’ 80% degli atenei ha un profilo sul social di Zuckerberg e il 76% cinguetta su Twitter. Le Università più social sono concentrate al Nord (90%) mentre al Sud la percenduale si ferma al 45%.

Ma chi guida la classifica? Su Facebook l’Ateneo più attivo è l’Università telematica di Pegaso, mentre su Twitter l’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche batte tutti.

E che cosa fanno gli istituti accademici sui social network? Dalla ricerca emerge che “le università utilizzano i social network per portare avanti diversi tipi di attività: dalla promozione e documentazione degli eventi interni all’ateneo, alla pubblicazione di promemoria per scadenze burocratiche, fino alle attività di segreteria e sportello informazione per gli studenti e alla promozione della propria offerta formativa (questo tipo di comunicazione è più frequente da parte di università private, sia telematiche che non). In generale una maggior frequenza di pubblicazione non significa necessariamente una maggiore qualità dei post, anzi spesso può essere segno della presenza dipost automatici caricati automaticamente da siti esterni”.

Ecco il report in versione completa


Altri argomenti

Redazione EconomyUp

Articoli correlati