I cinesi comprano metà del lusso mondiale (e preferiscono l'ecommerce) | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Mercati

I cinesi comprano metà del lusso mondiale (e preferiscono l’ecommerce)



102 miliardi di dollari: è stata la spesa del 2013, il 47% dell’ammontare mondiale. Ma il 57% è stato fatto all’estero. Perché i cinesi non fidano di fare shopping in casa. E per questo ordinano online. Uno stimolo per tutto il Made in Italy

di Redazione EconomyUp

26 Feb 2014


Ogni anno vengono spesi 217 miliardi di dollari in vestiti, scarpe, gioielli, orologi e ogni altro bene di lusso. Quasi la metà li comprano i cinesi. Ed è ancora più interessante sapere come e dove. Secondo una ricerca del Fortune Character Institute di Shanghai i cinesi nel 2013 hanno speso 102 miliardi, il 47% del totale mondiale della spesa per comprare lusso. Oltre la metà di questi soldi (il 57%) vengono però spesi quando si viaggia all’estero, da New York a Roma. Quel che viene speso in Cina si divide però fra negozi fisici (il 20%) e negozi online (23%).

Insomma i cinesi si fidano ancora poco a fare shopping in casa perché il rischio di trovare falsi è altissimo e quindi preferiscono rivolgersi altrove. Il web quindi sta diventando un canale molto importante. Un ulteriore argomento a favore dell’e-commerce che le imprese italiane, soprattutto quelle piccole e medie che spesso sono produttori di qualità, ancora curano poco per non dire trascurano. E un suggerimento per chi si è spinto già in azioni commerciali in Cina: urgono importanti campagne di accreditamento dei brand e di certificazione dei venditori. 

Redazione EconomyUp