Gli auguri del Quirinale a chi ha il coraggio di intraprendere e di innovare | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Scenari

Gli auguri del Quirinale a chi ha il coraggio di intraprendere e di innovare

di Giovanni Iozzia

02 Gen 2014

Altri argomenti

È un ingrediente necessario per la ripresa del 2014, ha detto il Presidente della Repubblica nel suo discorso di fine anno. Napolitano ha incoraggiato chi, giovane e meno giovane, nel 2013 ha fatto start up. E ha dato il suo riconoscimento alle imprese che hanno guadagnato competitività rinnovandosi

Il coraggio di intraprendere e di innovare è uno degli ingredienti necessari per  ritrovare la via della crescita e affrontare il 2014 con spirito positivo. Ce lo ha ricordato anche il Presidente della Repubblica nel suo discorso di fine anno. Per la prima volta Giorgio Napolitano ha dato spazio alla voce dei cittadini, alle preoccupazioni e persino alla disperazione, alle difficoltà di trovar lavoro o fare impresa in Italia ma ha dato anche tempo alla voglia, alla capacità e alla necessità di fare, con convinzione e con passione, con lo stesso spirito che animò nonni e genitori nel secondo dopoguerra.

Il coraggio degli italiani è in questo momento l’ingrediente decisivo per far scattare nel 2014 quella ripresa di cui l’Italia ha così acuto bisogno, ha detto il Presidente. E serve anche il coraggio di intraprendere e innovare: “quello che mostrano creando imprese più donne, più giovani, più immigrati che nel passato”. Le parole del Presidente suonano come un incoraggiamento ai tanti giovani e meno giovani che nel 2013 appena finito hanno fatto startup, e stanno mettendo in gioco se stessi e le loro idee, e anche ome un sostegno a tutto quel sistema, fatto di investitori, incubatori, acceleratori, che lavorano per creare un ambiente favorevole alla nascita di nuove imprese.

Importante, però, anche il passaggio dedicato dal Presidente a chi ha reagito e sta reagendo alla crisi con il “coraggio dell’innovazione”: “Quella parte dell’industria ha così guadagnato competitività nelle esportazioni, ed esibito eccellenze tecnologiche, come dimostrano i non pochi primati della nostra manifattura nelle classifiche mondiali”. In quella parte dell’industria vanno cercate gli esempi da seguire per ritrovare slancio e impulso necessari non solo per far ripartire l’economia ma anche per ritrovare la fiducia. Una chiara indicazione quella di Napolitano a trovare e valorizzare le buone pratiche con uno spirito di appartenza a una collettività che dovrebbe essere orgogliosa dei suoi campioni e non invece impaniata nelle sue inefficienza e cattive abitudini.

Un discorso preceduto da polemiche ma accolto da un ottimo ascolto televisivo nonostante i tentativi di boicottaggio: Napolitano è espressione del sistema politico che lui stesso denuncia come inadeguato e inefficiente ma non per questo rinuncia a essere alfiere di tutti i cittadini, anche di chi vuole fare impresa. E non è un segnale da poco, viste le radici comuniste del Presidente. Auguri quindi dal Quirinale a tutti gli startupper, gli imprenditori e gli innovatori.

Altri argomenti

Giovanni Iozzia

Ho studiato sociologia ma da sempre faccio il giornalista e seguo la tecnologia . Sono stato direttore di Capital, vicedirettore di Chi e condirettore di PanoramaEconomy.