Eni Next: il CVC di Eni lancia una call per startup che innovano l'uso della CO2 - Economyup

CORPORATE VENTURE CAPITAL

Eni Next: il CVC di Eni lancia una call per startup che innovano l’uso della CO2



C’è tempo fino all’11 aprile per partecipare al contest di Eni Next, corporate venture capital di Eni, rivolto a startup early stage. Obiettivi finali: lotta ai cambiamenti climatici, decarbonizzazione del mix produttivo energetico globale e spinta all’economia circolare. Qui come candidarsi

22 Mar 2022


La call di Eni Next

Eni Next, la società Corporate Venture Capital di Eni, lancia una call per startup early-stage che propongano soluzioni innovative di utilizzo della CO2. Fino all’11 aprile 2022 sono aperte le candidature per il contest che rientra nella strategia di open innovation di Eni (ovvero il modello di innovazione distribuita, individuato una ventina di anni fa dallo studioso statunitense Henry Chesbrough, che coinvolge afflussi e deflussi di conoscenza gestiti in modo mirato tra i confini dell’organizzazione).

QUI UN ELENCO DI TUTTE LE AZIENDE CHE FANNO CORPORATE VENTURE CAPITAL IN ITALIA

Come funziona la call per startup di Eni Next

La lotta ai cambiamenti climatici, la decarbonizzazione del mix produttivo energetico globale e la spinta all’economia circolare sono i principali driver che guidano il rinnovato interesse di aziende, industrie e investitori verso metodi innovativi di utilizzo della CO2.

WHITEPAPER
Startup: quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
Open Innovation
Startup

Eni Next gioca un ruolo chiave nel percorso di Eni verso la neutralità carbonica e come tale è alla ricerca di Startup Early-Stage che operino in queste principali categorie di prodotti derivanti dall’utilizzo della CO2:

  • Carburanti: metano, metanolo e idrocarburi liquidi come, ad es. carburanti aeronautici
  • Sostanze chimiche e polimeri: olefine, aromatici, plastiche, schiume, resine, etc.
  • Materiali da costruzione da substrati inorganici naturali (minerali quali aggregati, additivi cementizi, etc.) e artificiali (es. scarti industriali)
  • Processi di lavorazione di calcestruzzi e malte
  • Miglioramento dell’efficienza dei processi biologici come la crescita del raccolto e delle alghe

Le startup selezionate saranno valutate per potenziali investimenti azionari da Eni Next e le soluzioni saranno considerate per l’avvio di test pilota e implementazioni nei siti industriali di Eni.

Come iscriversi

Per candidarsi occorre registrarsi a QUESTO LINK, per poi compilare un set minimo di informazioni, secondo quanto richiesto nel modulo di proposizione. E’ inoltre possibile allegare documenti utili ad approfondire e valutare al meglio la  soluzione da parte del CVC di Eni. In caso di interesse le startup verranno contattate per ulteriori approfondimenti.