Decreto Rilancio, focus sull'innovazione: ecco il PDF del testo in Gazzetta Ufficiale | Economyup

IL PROVVEDIMENTO

Decreto Rilancio, focus sull’innovazione: ecco il PDF del testo in Gazzetta Ufficiale



È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Rilancio che prevede misure di sostegno all’economia italiana per 54,9 miliardi di euro. Contiene anche risorse per l’ecosistema dell’innovazione. Ecco il pdf completo

20 Mag 2020


Il Decreto Rilancio convertito in legge

Finanziamenti per startup, innovazione e venture capital, 500 milioni di euro per un Fondo per il trasferimento tecnologico, altri 20 milioni per un Centro di innovazione nell’automotive a Torino: sono alcuni degli elementi contenuti nel testo del decreto Rilancio, presentato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte il 13 maggio scorso e pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella notte tra il 19 e il 20 maggio 2020.

Il testo, in vigore a partire dal 20 maggio, prevede un insieme di risorse pari a 54,9 miliardi di euro per l’inizio della ripartenza economica in Italia dopo il lockdown e la crisi causata dalla pandemia da coronavirus. Ora però, è stato calcolato, serviranno 98 decreti attuativi.

QUI IL TESTO COMPLETO DEL DECRETO RILANCIO IN PDF

Il Decreto Rilancio pubblicato in Gazzetta Ufficiale comprende varie misure di sostegno e bonus economici: tra questi i provvedimenti che riguardano l’ecosistema dell’innovazione e delle startup innovative, il mondo della ricerca e quello dei videogame.

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

La parte che riguarda startup e innovazione comprende: risorse aggiuntive pari a 100 milioni di euro al programma per finanziare per le startup innovative nel 2020; 10 milioni di euro per acquisire servizi da incubatori, acceleratori ecc.; ulteriori 200 milioni di euro per il 2020 per il Fondo di sostegno al venture capital; detrazione al 50 per cento per investimenti nel capitale sociale di start­up innovative (idem per pmi innovative); equiparazione delle startup a università e istituti di ricerca per quanto riguarda le spese ammissibili;  altri 200 milioni di euro al Fondo di garanzia per startup e pmi innovative, e l’istituzione di un Fondo che, partendo da una dotazione di 4 milioni di euro, eroga contributi a fondo perduto per chi fa videogames.

Per quanto riguarda il trasferimento tecnologico, verrà creato un Fondo per promuovere iniziative e investimenti utili alla valorizzazione e all’utilizzo dei risultati della ricerca presso le imprese in Italia, con particolare riferimento alle startup innovative. In questo modo si punta ad agevolare la collaborazione di soggetti pubblici e privati nella realizzazione di progetti di innovazione e spin-off.  Il Ministero dello sviluppo economico potrà intervenire attraverso la partecipazione indiretta in capitale di rischio e di debito. Per l’attuazione di questi interventi il Mise ha deciso di avvalersi di Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo sostenibile, che agirà attraverso una Fondazione che dovrà essere costituita, la “Fondazione Enea Tech”.