Banda larga: Telecom, Invitalia e Italtel investono 61 milioni per la Sicilia | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione

Banda larga: Telecom, Invitalia e Italtel investono 61 milioni per la Sicilia

21 Nov 2013

Incrementare la capacità della rete e favorire la diffusione di servizi innovativi: è questo il piano dei tre investitori. Che vogliono portare un’iniezione di tecnologia in tutta la Regione, sostenendo la crescita di imprese, istituzioni e cittadini

Sessantuno milioni di euro per la diffusione della rete a banda larga e per favorire l’utilizzo di servizi innovativi in Sicilia: è quanto previsto dal Contratto di Sviluppo firmato da Invitalia, Telecom Italia e Italtel. Una vera e propria novità per la Regione che favorirà la crescita di imprese, istituzioni e cittadini.

L’investimento di Telecom Italia è pari a oltre 41 milioni di euro e prevede l’incremento della capacità della rete a banda larga fissa e mobile su tutto il territorio siciliano, attraverso l’estensione della fibra ottica nella infrastruttura di rete, in sostituzione delle tratte in rame, con l’obiettivo di dare impulso ai servizi innovativi. Il progetto sarà inoltre utile per il successivo sviluppo della rete ultrabroadband di nuova generazione.

L’intervento di Italtel è di  20 milioni di euro, di cui 18 milioni per realizzare una piattaforma ad elevato contenuto di software per fornire servizi video, voce e internet attraverso le reti di ultima generazione, e 2 milioni per diversificare la produzione dello stabilimento di Carini (Palermo), creando l’infrastruttura per l’operatività di una software factory e di un polo di ingegneria per la produzione industriale di prodotti ad elevato contenuto software.

Il piano presentato da Telecom Italia e Italtel è finanziato da Invitalia con 18 milioni di euro di contributi in conto impianti.

Per l’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, “questo accordo porta una robusta iniezione di tecnologia in tutta la Sicilia e consente di creare, attraverso una rete di nuova generazione, un potenziale strumento di crescita per imprese, istituzioni e cittadini. Il contratto di sviluppo, gestito dalla nostra Agenzia e finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico, si conferma una misura efficace grazie alle procedure semplificate e ad un iter temporale finalmente compatibile con le esigenze dei territori”.

Questa iniziativa è la conferma che la partnership pubblico-privato e le sinergie tra gruppi industriali sono determinanti per sostenere le aree più deboli del paese, soprattutto in una fase difficile come quella che stiamo attraversando. La realizzazione di infrastrutture di telecomunicazioni tecnologicamente avanzate è, infatti, un importante fattore per la crescita della competitività e lo sviluppo territoriale”, ha dichiarato Roberto Opilio, Direttore Technology di Telecom Italia.

 “Il piano previsto da questo contratto di sviluppo è un passo avanti significativo nel percorso di digitalizzazione e diffusione dei servizi innovativi che il nostro Paese deve compiere, in particolare nelle regioni del Sud – ha commentato Stefano Pileri, amministratore delegato di Italtel -. Per Italtel la partecipazione a questo progetto è doppiamente importante. Da un lato, costituisce una valida opportunità per il nostro polo di ricerca palermitano; dall’altro, ci permette di esprimere al meglio le nostre competenze tecnologiche e la capacità di R&S di prodotti innovativi nell’ambito delle reti e dei servizi di nuova generazione che utilizzano video, voce e dati”.

Quello appena firmato è il quarto contratto di sviluppo del 2013. I primi tre sono stati siglati tutti in Campania,  attivando investimenti superiori a 100 milioni di euro.

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati