Aziende e nuova economia digitale: come gestire le innovazioni del web? | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Appuntamenti

Aziende e nuova economia digitale: come gestire le innovazioni del web?

09 Ott 2014

Altri argomenti

Da internet alle app ai social network: le innovazioni digitali sono strumenti utili per gestire il patrimonio aziendale. Ma come usarli e quali sono le nuove forme di protezione a disposizione delle imprese? Se ne discuterà a Parma il 31 ottobre al Congresso Nazionale di Diritto Industriale

Internet, apps, social networks, software e nuove tecnologie: le innovazione del nuovo web possono essere uno strumento utile per gestire meglio il patrimonio aziendale nel mercato globale e nella nuova economia digitale. Ma come gestirli?  Esperti del settore, imprenditori, avvocati e consulenti ne parleranno al Congresso Nazionale di Diritto Industriale, in programma a Parma il 31 ottobre.

L’evento, giunto alla quattordicesima edizione, ha come tema “Fare & brevettare le innovazioni del nuovo web” ed è dedicato alle più recenti innovazioni della Rete e alle nuove forme di protezione a disposizione delle imprese. L’evoluzione della rete Internet, prima col web interattivo (il web 2.0) e poi col semantic web, che consente oltre all’interazione anche l’elaborazione dei contenuti (il web 3.0), se da un lato costituisce una delle manifestazioni più evidenti e clamorose della nuova economia digitale, con cui le imprese di tutti i settori devono fare i conti, dall’altro pone anche una serie di problemi completamente nuovi, che comportano l’interazione di discipline diverse ed anche la necessità di confrontare ed integrare le competenze dei giuristi e dei consulenti in proprietà industriale con quelle dei tecnici e degli esperti della rete: temi come quelli del trattamento (ma anche della possibile protezione e negoziazione) dei big data, dei confini tra diritto d’autore e brevetto per proteggere le applicazioni della rete, delle forme di contraffazione realizzate attraverso il web rappresentano infatti snodi decisivi per le imprese che intendano competere con successo sul mercato globale e per i professionisti che le assistono.

Di tutto ciò discuteranno alcuni tra i maggiori esperti del settore: Giorgio Rapari, Presidente di Assintel, docenti universitari come Pietro Paganini, Valeria Falce, Emilio Tosi, Luca Nivarra; magistrati di grande esperienza come Gabriella Muscolo, oggi componente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato; Ricercatori e Dottori di Ricerca come Mariangela Bogni, Andrea Stazi, Davide Mula, Silvia Magelli, Giovanni Ciccone; Consulenti in Proprietà Industriale come Luciano Bosotti e Mario Botti; e naturalmente rappresentanti delle imprese, come Marco Ferrari, Fausto Jori, Andrea Mungo, che condivideranno le proprie esperienze sul campo.

 

Altri argomenti

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati