Attenzione, Apple sta per sconfinare nel fashion | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Moda & Tech

Attenzione, Apple sta per sconfinare nel fashion

04 Lug 2013

Che c’azzecca un top manager della moda come Paul Deneve, ex amministratore delegato di Yves Saint Laurent, con Apple? La questione ci riguarda molto da vicino, più di quanto si possa pensare. Perché la corporation di Cupertino si prepara a entrare in territori del made in Italy

Che c’azzecca un top manager della moda come Paul Deneve, ex amministratore delegato di Yves Saint Laurent, con Apple? La questione ci riguarda molto da vicino, più di quanto si possa pensare.

Deneve entra a Cupertino come vicepresident per occuparsi dei “progetti speciali” e risponderà direttamente al boss Tim Cook. Certo, Deneve non è una new entry assoluta, dal momento che nella prima metà degli anni Novanta occupava di marketing per la mela morsicata in Europa. Ma perché adesso? E che cosa sono i “progetti speciali”?  I giornali americani scrivono che guiderà l’operazione iWatch. Ma si fa fatica a pensare che un manager del suo livello sia andato lì solo per lanciare un orologio, per quanto rivoluzionario possa essere.

Il tema vero sono i wearable device, i computer che nei prossimi anni indosseremo con gli occhiali (vedi GoogleGlass), l’0r0logio appunto, una t-shirt o, perché no, un paio di scarpe (ricordate il kit Nike per le sneakers? A proposito Cook è nel board Nike…). Sono una delle più promettenti frontiere di business e Apple vuole affrontarla con stile, come fosse un grande marchio di fashion.

Ecco il motivo per cui la questione ci riguarda e dovrebbe preoccuparci: Apple sta preparando un nuovo sconfinamento verso i territori della moda che sentiamo giustamente nostri ma dove rischiamo di perdere terreno se i nostri meravigliosi stilisti e il nostro straordinario artigianato non coglieranno le opportunità del digitale, che non significa solo ecommerce. Perché non potrebbe essere uno di loro a vestire di stile la tecnologia invece di una corporation americana che ancora qualcuno si ostina a considerare solo un produttore di tecnologia?

 

di Giovanni Iozzia

Articoli correlati