La mobile bank N26 vale 3,5 miliardi: è una delle fintech più valutate d’Europa | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CHALLENGER BANKS

La mobile bank N26 vale 3,5 miliardi: è una delle fintech più valutate d’Europa



La mobile bank tedesca estende il suo round di investimento Series D di gennaio (300 milioni di dollari) a 470 milioni. È nella top ten delle fintech più valutate al mondo e, ad oggi, ha raccolto più di 670 milioni di dollari. I fondi verranno utilizzati per continuare l’espansione internazionale

18 Lug 2019


N26 è una delle fintech più valutate d’Europa e nella top ten delle fintech più valutate al mondo. La mobile bank estende di 170 milioni di dollari il round di investimento Series D dello scorso gennaio (300 milioni) portandolo così a 470 milioni di dollari. L’estensione porta la valutazione di N26 a 3.5 miliardi di dollari, rendendola la startup tedesca con la valutazione più alta.

N26 estende il suo round di investimento Series D a 470 milioni di dollari

Tutti gli investitori precedenti del round di investimento Series D dello scorso gennaio 2019 (300 milioni di dollari) hanno riconfermato il loro investimento nella società, rafforzando così la loro fiducia nella crescita e nel successo globale di N26. Tra i partecipanti, vi sono molti investitori consolidati, inclusi Insight Venture Partners, GIC (il fondo sovrano di Singapore), Tencent, Allianz X, Valar Ventures di Peter Thiel, Earlybird Venture Capital e Greyhound Capital. Ad oggi, N26 ha raccolto più di 670 milioni di dollari.

“Ancora una volta, i nostri investitori hanno riposto la loro fiducia in noi. Questo ci permetterà di accelerare la nostra espansione globale. L’ulteriore aumento di valutazione è una grande conferma dello sviluppo della società degli ultimi mesi”, afferma Maximilian Tayenthal, cofondatore di N26.

N26, che cosa farà con i fondi aggiuntivi

N26 utilizzerà i fondi aggiuntivi per condurre l’espansione in Europa, Stati Uniti e Brasile. La società, inoltre, investirà in ulteriori features innovative. Ad esempio, N26 ha recentemente rilanciato la sua membership premium con N26 You e presto lancerà Shared Spaces.

Che si tratti della suddivisione del pagamento delle bollette dell’affitto o della pianificazione della prossima vacanza di gruppo, Shared Spaces permetterà ai consumatori di creare account secondari con N26 e di condividerli con altre 10 persone. Inoltre, N26 sta pianificando di rafforzare il suo investimento nella crescita organizzativa e strutturale.

Negli ultimi 12 mesi, N26 ha triplicato i suoi dipendenti a più di 1.300 risorse e continuerà ad assumere per le sedi di Berlino, New York, Barcellona, Vienna e São Paulo.

“La convinzione secondo la quale le migliori startup consumer siano nate in Silicon Valley sta diventando sempre più desueta. N26 è l’esempio numero uno di innovazione digitale che si sta muovendo nella direzione opposta, dall’Europa agli Stati Uniti ed oltre. Assistiamo a clienti che da ogni parte del mondo sono in attesa di un profondo cambiamento nel fare banca e sono entusiasti nel supportare N26 nel suo viaggio per la trasformazione globale delle banche”, afferma James Fitzgerald, General Partner di Valar Ventures, basato a New York.

Che cosa fa N26

N26, storia e obiettivi della prima banca mobile first

N26 sta costruendo la prima Mobile Bank globale. Il suo obiettivo è rendere i servizi bancari più flessibili e trasparenti per i propri clienti. Che si tratti di caratteristiche già esistenti, come le notifiche in tempo reale e l’assenza di commissioni sui pagamenti tramite carta effettuati in tutto il mondo, o di funzionalità previste per il futuro, come la condivisione dei conti con un semplice clic, N26 continua a risolvere i problemi legati ai servizi bancari che i consumatori digitali di tutto il mondo si trovano a dover affrontare.

Dal lancio nel gennaio 2015, N26 ha vissuto una storia di successo straordinaria. Oggi, la Mobile Bank serve più di 3.5 milioni di clienti in 24 mercati europei, con 16 milioni di transazioni al mese. La scorsa settimana, la Mobile Bank ha lanciato la sua app di mobile banking negli Stati Uniti, il suo primo mercato al di fuori dell’Europa. La società sta pianificando anche il suo lancio in Brasile e punta a raggiungere più di 50 milioni di clienti in tutto il mondo nei prossimi anni.

Challenger banks: che cosa sono, come funzionano, le europee e le italiane