Ri-generiamo l'Italia partendo dalle start up | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Progetti

Ri-generiamo l’Italia partendo dalle start up

04 Lug 2013

TrentaQuaranta è una nuova associazione che ha l’ambizione di ri-pensare il nostro Paese. Prima iniziativa questo weekend a Solomeo, nell’azienda di Brunello Cucinelli, dove 10 start up incontranno industriali tessili. Un’occasione di contaminazione fra l’esperienza e l’entusiasmo

Il manifesto di Re-Fashion, l'iniziativa di TrentaQuaranta e Brunello Cucinelli per fare incontrare start up e industriali tessili
Workin RE-generation: è il motto è la missione di TrentaQuaranta, associazione nata con l’ambizione (e il sogno) di poter cambiare una piccola parte del nostro mondo. Ci credono giovani opinion leader di diversa estrazione (imprenditori, professionisti, docenti universitari e anche due politici che vivono in modo anticonformistico il proprio ruolo: un parlamentare e il più giovane sindaco di una grande città) ma di due generazioni: trentenni e quarantenni che vogliono”rigenerare” il nostro Paese per sfuggire al rischio del declino.

TrentaQuaranta non è un nuovo think-tank, non è un ente politico, non è un incubatore di nuove imprese e non fa attività d’impresa,  non è un’associazione di categoria,  non fa lobbying. E’ una nuova filosofia di azione sociale, un  metodo di cambiamento e RI-Generazione che trova sintesi nella forza propulsiva della generazione dei 30-40.

Con questa filosofia abbiamo deciso di cominciare dalle start up e stiamo già lavorando sul tema del lavoro e dell’Expo2015. Convinti che, al di là della moda, le start up possano diventare un volano per spingere la nostra regione/Paese a rigenerarsi, abbiamo analizzato le eccellenze internazionali (Silicon Valley, Israele, Cile) e messo a frutto le esperienze di coaching di alcuni di noi. Sono emerse tre linee guida: start up in Italia non significa e non deve significare solo digital, ma significa rigenerare i settori tradizionali (come tessile, food, design) con le nuove idee di giovani startupper. Digital si, quindi, ma come supporto e stimolo per aziende che devono innovare il loro business model. I veri venture capitalist in Italia possono essere gli imprenditori tradizionali, che hanno competenze e capitali per poter scommettere su nuove idee e/o talenti. E’ strategico per noi unire i puntini sparsi nell’ecosistema: startupper, mentor, investitori. TrentaQuaranta non è un nuovo player ma un facilitatore

La prima iniziativa “verticale” è  RE Fashion, il 5 e 6 luglio, a Solomeo, in “casa” di Brunello Cucinelli,  imprenditore “illuminato” che ha accettato di incontrare 10 start up e di fare incontrare con altri industriali del settore. Perché il tessile? Bastano tre numeri per rispondere: 51.000 aziende, 
446.000 addetti, 15% del totale dell’export nazionale. E’ uno dei settori distintivi e portanti del made in Italy grazie a creatività, qualità del prodotto, moda e tecnologia. Attraverso la RI-generazione portata dalle start up può trovare nuovo slancio.  Non sarà una passerella di casi di successo, ma un’opportunità di contaminazione fra l’entusiasmo e freschezza di giovani e l’esperienza di imprenditori/mentors consolidati. Un incontro fra soggetti che in modi e tempi diversi hanno scelto la strada dell’innovazione. Percorrerla insieme è una delle condizioni che può portare il Paese a raggiungere la meta necessaria: la crescita.

Matteo Fenaroli è presidente di TrentaQuaranta

 

di Matteo Fenaroli