Francesco Micheli: «Ho sempre fatto startup nella mia vita» | Economyup

Non solo venture

Francesco Micheli: «Ho sempre fatto startup nella mia vita»



L’imprenditore milanese, tra gli uomini più ricchi del mondo, lo ha detto in un’intervista a Virus. Lo chiamano spesso “finanziere”. Ma sostiene che la finanza è «un utensile per le aziende». E invita a «buttarsi comunque»: «Certe volte se si salta, se si corre, ci si riesce»

di Pierluigi Paracchi

02 Mar 2015


Francesco Micheli intervistato da Nicola Porro a Virus«Tenga conto che ho sempre fatto start-up nella mia vita».
Parto da qui. Mi hanno avvisato che Francesco Micheli ha rilasciato lo scorso 26 febbraio un’intervista tv, cosa rara, a Virus – Il contagio delle Idee, trasmissione condotta dal giornalista Nicola Porro su RaiDue.

Sul portale Rai ho rivisto in streaming. L’intervista è interessante nonostante l’incalzare di domande del giornalista che non permette all’intervistato di scaricare in video tutti i cavalli di cui è dotato.

Qui puoi rivedere l’intervista a Francesco Micheli

Ma partiamo dalle start-up. Micheli ha storia lunga, senza andare troppo indietro merita ricordare che nel 1999 è stato co-fondatore con Silvio Scaglia di quel che oggi è nota come Fastweb e nel 2004 di Genextra, società di investimento nelle biotecnologie.

Fastweb è una delle poche storie di successo italiane della fu new economy targata 2000; Genextra ha finanziato, tra altre, Intercept Pharmaceuticals, startup biotech, che al Nasdaq vale ora circa 5 miliardi di dollari.

Lo “startupparo” italiano Micheli Francesco è a buon diritto nella classifica di Forbes tra gli uomini più ricchi del pianeta. 

Si può fare. Anche da qui.

WHITEPAPER
Cosa vuol dire investire in startup? 10 cosa da sapere
Startup

1. Per prima cosa è apprezzabile che la parola start-up sia stata utilizzata per descrivere successi, imprese, innovazioni e valore economico; spesso oggi è abusata per etichettare quanto il tasso di disoccupazione non motiva.

2. Secondo, spesso Micheli viene definito come finanziere ma in realtà è un imprenditore; mette insieme con sapiente regia dei talenti. La finanza e soprattutto la cultura finanziaria, però, sono elementi centrali dell’intrapresa moderna, sia quando questa è rivolta al settore digitale piuttosto che alle biotecnologie. Senza dimenticare comunque che «la finanza è un utensile per le aziende”.

Micheli cita, infatti, la Classe Creativa del professor Richard Florida«Se collaborano uomini di scienza, delle arti, del pensiero, e imprenditori c’è migliore qualità di vita e aumenta la produttività».

E come non condividere:
·  «In questo Paese si perde tantissimo tempo»
·  «Buttarsi comunque. È l’opposto dell’approccio intellettuale. Certe volte se si salta, se si corre, ci si riesce»
·  «Quelli che si sono fatti prendere da una comoda situazione di protezione in un modo o nell’altro sono finiti»
·  «Questo Paese ha dei valori straordinari nella scienza».

Insomma, la cultura è ciò che differenzia un imprenditore mediocre da uno visionario; si devono osservare e ascoltare Larry Page di Google, Mark Zuckerberg di Facebook, Elon Musk di Tesla e Nick Leschly di BlueBirdBio, ma anche trarre ispirazioni senza necessariamente attraversare gli oceani o vedere un TED.

* Pierluigi Paracchi è Chairman & CEO Genenta Science @pigiparacchi

Pierluigi Paracchi

Pierluigi Paracchi è cofondatore di Genenta Science, startup che sviluppa terapie geniche antitumorali. È stato fondatore e CEO di Quantica SGR, fondo VC che ha investito nella biotech EOS, poi…