L'imprenditore seriale (dentro e fuori l'azienda): come rivedere la puntata | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

EconomyUpTv

L’imprenditore seriale (dentro e fuori l’azienda): come rivedere la puntata

26 Ott 2016

Nella puntata del nostro magazine televisivo andata in onda il 25 ottobre su Reteconomy l’incontro con un serial entrepreneur italiano (Marco Magnocavallo, founder dell’e-commerce di vini Tannico) e un “evangelista” del digitale (Fabio Santini, direttore della divisione Developer Experience and Evangelism di Microsoft)

Giovanni Iozzia con Marco Magnocavallo
Creare imprese per poi rivenderle e ripetere l’operazione. Il modello dell’imprenditorialità seriale che si è affermato in Silicon Valley può essere vincente anche in Italia. Se ne parla nella puntata di EconomyUp, L’imprenditore seriale (dentro e fuori l’azienda), andata in onda martedì 25 ottobre su Sky 512 Reteconomy.

CLICCA QUI PER RIVEDERE LA PUNTATA

Il serial entrepreneur italiano che incontriamo è Marco Magnocavallo, 43 anni, che ha già fondato 9 imprese e che con l’ultima, Tannico, ha appena raccolto un finanziamento di 3,8 milioni, il maggiore tra le startup food-tech italiane.

Se da una parte ci sono gli imprenditori seriali, dall’altra ci sono gli abilitatori, le persone che creano le condizioni ambientali favorevoli alla nascita di startup digitali ma anche alla creazione di una cultura in grado di generare domanda. Uno di questi è Fabio Santini, evangelist di Microsoft Italia. Per la precisione, direttore della divisione Developer Experience and Evangelism. Nel corso della puntata ci racconta cosa significa essere un “evangelista” e come Microsoft sta supportando le startup con il programma GrowItUp.

Chiude la puntata la “nota stonata” di Giovanni Iozzia: in questa occasione, il video-editoriale è dedicato all’attenzione riservata alla figura imprenditoriale di Bernardo Caprotti dopo la sua morte. C’è chi dimentica, probabilmente, che il fondatore di Esselunga rappresenta anche i limiti del capitalismo italiano.

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati