iPhone di Stato? Come rivedere la puntata di #EconomyUpTv | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Le nostre iniziative

iPhone di Stato? Come rivedere la puntata di #EconomyUpTv

13 Mar 2015

In che modo l’intervento statale può sostenere l’innovazione? Se ne parla nella puntata del magazine andata in onda il 17 marzo con Fabio Sdogati (Politecnico di Milano). La storia della settimana è quella di Musement. Infine, dibattito con Giacomo Biraghi (Tavoli Tematici Expo 2015) su Expo2015 e startup

iPhone di Stato? È questo il titolo della nuova puntata di EconomyUp, andata in onda il 17 marzo su Reteconomy Sky 816 e in web streaming su reteconomy.it dedicata al modo in cui lo Stato può sostenere l’innovazione.

– CLICCA QUI PER RIVEDERE LA PUNTATA

La domanda è: ci può essere sviluppo di nuova imprenditoria senza un ruolo pubblico forte? Partendo dalle tesi dell’economista Mariana Mazzucato, secondo cui l’intervento statale ha reso possibili, ad esempio, quasi tutte le innovazioni presenti in un oggetto come l’iPhone, si discute su come pubblico e privato possano interagire per aiutare la crescita delle startup.

Se ne parla con Fabio Sdogati, professore di Economia internazionale al Politecnico di Milano, e autore del blog “Scenari economici”. Da Londra, Stefano Tresca, mentor dell’incubatore Level39 e investitore, spiega come i fondi pubblici del governo britannico a favore delle nuove imprese vengano gestiti da operatori privati.

La storia della settimana è quella di Musement, una startup che vende “esperienze di viaggio” e ha appena raccolto un round di finanziamento di 5 milioni di euro. In studio c’è il ceo e co-fondatore Alessandro Petazzi.

Un altro tema della puntata, infine, è Expo 2015: le startup come stanno sfruttando questa opportunità? Lo racconta Giacomo Biraghi, coordinatore dei Tavoli tematici Expo 2015. Chiude la puntata TicTech, lo spazio in cui Damiano Frosi e Marco Planzi propongono una visione scanzonata e irriverente della tecnologia e dell’innovazione.

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati