Venture Capital, Angelo Moratti raccoglie 100 milioni per le startup del lifestyle italiano | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INVESTIMENTI

Venture Capital, Angelo Moratti raccoglie 100 milioni per le startup del lifestyle italiano

06 Giu 2018

L’obiettivo di Milano Investment Partners, sgr fondata dal vicepresidente della società petrolifera Saras, è rendere scalabile a livello globale il business delle giovani imprese e la capacità di implementare la loro strategia digitale. Mip I può contare su investitori come Banco Bpm. Ecco il team

Milano Investment Partners, sgr fondata dall’imprenditore Angelo Moratti – vicepresidente della società petrolifera Saras e da tempo interessato agli investimenti in startup – ha annunciato il closing del fondo Mip I, focalizzato su aziende del settore lifestyle italiano (fashion, food, design, sport e travel). Lo strumento d’investimento, ha spiegato Moratti (che coprirà il 10% della raccolta) al Sole 24 Ore, interverrà su aziende che, dopo aver superato la fase di early stage, stanno ora attraversando una fase di espansione: “Si tratta di investimenti con un minor rischio rispetto alla fase early stage delle startup perché si tratta di modelli di business già testati. Le aziende in questa fase hanno bisogno di capitali per fare un salto dimensionale e noi possiamo fornire loro non solo investimenti, ma anche la capacità di rendere scalabile a livello globale il loro business e la capacità di implementare la loro strategia digitale”.

Leggi tutti i nostri articoli sul Venture Capital

Moratti ha composto una squadra di giovani per la gestione del fondo: i partner operativi sono Stefano Guidotti, fondatore ed ex-ceo di U-Start, che è ad della società di gestione del risparmio; Paolo Gualdani, managing director di Acm dal 2008, che è amministratore della società; e Igor Pezzilli, co-founder di Lazada e ora amministratore della sgr. Il petroliere spiega che “la nuova generazione di imprenditori italiani è stata educata all’estero o ha avuto esperienze internazionali, ha un’infarinatura digitale e sta scoprendo nicchie di prodotti da sviluppare partendo dalla valorizzazione delle eccellenze italiane. Loro rappresentano il nostro target e a loro che guardiamo per realizzare partecipazioni di minoranza”. Moratti ha quindi confermato al quotidiano economico che Mip I ha “un obiettivo di raccolta di 100 milioni di euro e possiamo ad oggi già contare investitori del calibro di Banco Bpm, family office e un network di imprenditori, che oltre agli investimenti potranno costituire la rete di supporto allo sviluppo delle imprese su cui punteremo”.

Venture capital e private equity: Europa in crescita, Italia terra di conquista

E che potranno contare su un network di competenze: Moratti negli ultimi anni ha già “importato” in Italia il modello Usa per il supporto delle aziende attraverso network ed expertise: ad esempio accompagnando il team di Warren Buffett sui mercati europei, ma anche curando l’ingresso in Italia di Starbucks fino all’accordo con Princi. “L’intenzione – conclude Moratti parlando dell’operatività del fondo – è quella di investire da soli, ma siamo aperti a coinvestimenti con altri fondi nel caso ci fosse una comunanza di interessi”.

Venture capital, al via il più grande fondo italiano (con dentro Intesa Sanpaolo e Fondazione Cariplo)

Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati