#swmilan14, il senso positivo di 140 ragazzi che provano a fare impresa | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Formazione sul campo

#swmilan14, il senso positivo di 140 ragazzi che provano a fare impresa

03 Feb 2014

Grande effervescenza al Tag di viale Monza per Startup Weekend Milano. Il segretario generale di Italia Startup, che era in giuria, racconta com’è andata. Oltre alla vittoria del team più giovane, Keep My Staff, con un software 3d per la sicurezza nei negozi

Il team di Keep My Staff, vincitori di Startup Weekend Milano 2014
Clima molto effervescente ed energetico in TAG Milano per la terza edizione dello Startup Weekend Milano. Da giorni l’evento era soldout (le domande di partecipazione hanno abbondantemente superato il numero di posti disponibili). I 12 team, per un totale di quasi 140 tra ragazzi e ragazze, sparsi su 2 piani dello spazio di coworking, hanno lavorato tutto il weekend – dal venerdì sera alla domenica pomeriggio – per elaborare i progetti imprenditoriali.

Le idee di partenza erano 50 ma ne sono state selezionate 12, dai partecipanti stessi, che sono state poi oggetto di business plan da parte di altrettanti team che si sono aggregati in modo spontaneo intorno ai progetti selezionati. La giuria, 9 componenti, è arrivata la domenica nel primo pomeriggio. Ogni team ha avuto 5 minuti per presentare il progetto e 3 minuti di spazio per le domande. I giurati avevano tre criteri di valutazione da seguire: customer validation (la potenzialità del mercato di riferimento del progetto proposto); business model (la consistenza e la sostenibilità economica di ciascun progetto); execution (la realizzabilità e la “messa a terra” dei progetti).

Grande movimento e molta attesa nel salone “underground” di TAG Milano nella fase di pitching, che si è svolta senza ritardi e sbavature, con domande pertinenti e spesso molto dirette. La “camera di consiglio” dura poco: tra le “top 3” che ciascun giurato è richiesto di indicare emerge un consenso pressochè unanime sui 3 progetti che poi vengono premiati.

Vince la squadra più giovane (Keep My Staff) con ben quattro diciassettenni dell’istituto Galielo Galieli di Crema (Singh, Rosario Emanuel,

Federico Barilli, Segretario Generale di Italia Startup
Enrico e Michele) guidati dal professore Cesare Bornaghi  con un solido background tecnico: il progetto è relativo a un software di sicurezza, con tecnologia 3D contro i furti nei negozi. Secondi e terzi (Socialgfree e Diabday) due progetti a sfondo sociale, guidati da una ragazza celiaca e da un ragazzo diabetico, entrambi molto bravi a coordinare due iniziative mirate a dare le opportune informazioni e i servizi adeguati ai pazienti di due patologie (nel caso della celiachia un’intolleranza) molto diffuse in tutto il mondo. Applausi convinti sia durante i pitch che ancora di più ai 3 vincitori.

La sensazione finale è molto positiva: 140 giovani che ci credono e ci provano; aggregati in modo spontaneo e capaci di elaborare progetti di buona e anche ottima qualità, alcuni dei quali presentati in modo efficace e convincente. Aldilà dei vincitori e dei vinti, tutti si sentono parte di un’esperienza molto entusiasmante e molto formativa: anche coloro che non hanno portato a casa premi, hanno colto – durante il pitch e nella successiva fase di domande – difetti e potenzialità della propria idea di business. Le opportunità non finiscono qui: per tutti o per molti può essere l’inizio di un nuovo percorso professionale.

* Federico Barilli è segretario generale di ItaliaStartUp

 

  • raimondobruschi

    Pensando di fare cosa gradita a chi non abbia potuto essere presente e partecipare, qui trova interviste nel durante ed i pitch (presentazioni) finali dei progetti http://bruschi.com/swmilano14

Articoli correlati