L'imprenditore dell’anno EY è Sonia Bonfiglioli; Roboze la startup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

EDIZIONE 2018

L’imprenditore dell’anno EY è Sonia Bonfiglioli; Roboze la startup

21 Nov 2018

Imprenditrice dell’anno è per la prima volta una donna: la presidente e AD della Bonfiglioli Riduttori, motori per automazione industriale. Nella categoria startup vince Alessio Lorusso, founder della società pugliese che produce e vende soluzioni innovative per la stampa 3D

Sonia Bonfiglioli, Presidente e Amministratore Delegato della Bonfiglioli Riduttori S.p.A., è il Vincitore Nazionale della XXII edizione del Premio EY L’Imprenditore dell’Anno. L’importante riconoscimento è riservato a imprenditori italiani alla guida di aziende con un fatturato di almeno 25 milioni di euro, che abbiano saputo creare valore, con spirito innovativo e visione strategica, contribuendo alla crescita dell’economia.

Eccellenza e forte visione aziendale, ma anche innovazione. Sono tanti i premi assegnati alle realtà industriali e anche alle nuove imprese. Tra questi, il Premio Start up è stato conferito a Roboze, società costituita dall’imprenditore barese Alessio Lorusso, che sviluppa soluzioni distampa 3D grazie a tecnologie brevettate.

Il Premio EY Imprenditore dell’Anno

Per la prima volta, il premio che celebra l’ingegno italiano viene assegnato ad una donna. Sono state la determinazione e tenacia con cui ha portato il Gruppo ad affermarsi come una realtà mondiale fra le più importanti del proprio settore e la capacità di raccogliere e affrontare le sfide promuovendo ricerca e innovazione a convincere la giuria. La crescita di Bonfiglioli (che vanta ormai un 80% di prodotti utilizzati fuori dai confini nazionali) resta fortemente legata al fattore umano: la vincitrice ha voluto dedicare il riconoscimento alle 3700 persone che fanno parte del Gruppo e a tutte le piccole aziende che hanno contribuito allo sviluppo di una grande realtà industriale. Donato Iacovone, Amministratore Delegato di EY in Italia e Managing Partner dell’area Mediterranea, ha dichiarato: “La storia ultraventennale del Premio dimostra come nel nostro Paese esista un tessuto imprenditoriale sano, capace di superare anche i periodi più critici, trasformandoli in un’opportunità per migliorare e reinventarsi, investendo in innovazione e internazionalizzazione”. Gli imprenditori e tutte le persone che costituiscono il fitto tessuto industriale del paese sono il motore e la forza da sostenere la crescita.

La prima donna Imprenditore dell’Anno: chi è Sonia Bonfiglioli

Imprenditrice, laurea in ingegneria meccanica, MBA presso Profingest (ora BBS), AMP – Advanced Management Program – presso IESE. Il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Bonfiglioli Riduttori S.p.A, figlia dell’imprenditore Clementino Bonfiglioli, è cresciuta accompagnando tutti i passi del padre ed ha imparato ad amare l’azienda fin dal 1982, anno in cui entra per la prima volta a far parte del CDA della società. Nel 1992, al termine del percorso accademico, si è dedicata completamente all’azienda, cercando di dare continuità ed entrando a pieno titolo nelle dinamiche. Ha preso contatto immediato con la realtà produttiva, trascorrendo dapprima sei mesi in officina al montaggio dei riduttori e, successivamente, facendo esperienza in diverse funzioni aziendali tra cui la progettazione, le vendite, il marketing e le relazioni sindacali. Questo coinvolgimento in prima persona nelle varie attività e nei differenti reparti le ha permesso di realizzare importanti progetti di miglioramento gestionale e di razionalizzazione della gamma prodotti, nonché di siglare accordi con importanti fornitori. Grazie alla sua visione strategica, ha guidato l’azienda in una più vasta dimensione internazionale, promuovendo investimenti e sviluppo di nuove società in Italia e all’estero, mettendo le basi per la costruzione di stabilimenti in India, Slovacchia, Vietnam, Cina, USA e Brasile. Nel 2008 è stata nominata Amministratore Delegato e nel 2010, dopo la morte del padre, è diventata Presidente del Consiglio di Amministrazione.

Bonfiglioli Riduttori S.p.A., l’azienda  leader nell’automazione industriale

Bonfiglioli progetta, fabbrica e distribuisce una gamma completa di motoriduttori, motori elettrici, riduttori epicicloidali e inverter, in grado di soddisfare le esigenze più complesse nei settori dell’automazione industriale, delle macchine mobili e dell’energia rinnovabile. Il Gruppo serve più applicazioni e settori di qualsiasi altro produttore di azionamenti ed è leader di mercato in numerosi settori. Fondata nel 1956, Bonfiglioli è presente in tutto il mondo con 21 filiali commerciali, 14 impianti produttivi, 250 partner nella distribuzione e conta circa 3.700 dipendenti. Le aree di business racchiudono tutto il know-how e l’esperienza che ha guidato la crescita aziendale, nel segno dell’eccellenza, dell’innovazione e della sostenibilità.

Chi è la startup vincitrice: Roboze

Roboze è una startup fondata a Bari, in Puglia, nel 2014 da Alessio Lorusso. Roboze sviluppa, produce e vende soluzioni innovative per la stampa 3D.  Utilizzando una tecnologia brevettata, offre strumenti potenti ma abbordabili che comprendono una combinazione di stampanti 3D di alta qualità e polimeri termoplastici avanzati. Prima di sviluppare i prodotti, Roboze ha studiato i bisogni degli utenti in questa industria in evoluzione e ha deciso di sfidare il pensiero standard su design, ingegneria meccanica, tecnologia di stampa e accessibilità dei materiali. Lo fa ricercando e sviluppando in continuazione soluzioni attuali per varie industrie che sono in procinto di adottare la stampa 3D e vogliono diventare migliori, più veloci e più profittevoli. Secondo la giuria istituita da EY Alessio Lorusso è un valido rappresentante dell’eccellenza del Made in Italy che con lungimiranza e coraggio affronta le sfide tra futuro e tecnologia avanzata.

Gli altri premi e riconoscimenti

Le storie imprenditoriali che premiate sono trasversali: provengono da diverse aree del territorio, del Nord, del Centro e del Sud, e operano nei più diversi settori. Queste aziende testimoniano come in ogni regione sia possibile cogliere le sfide del presente, crescere ed essere competitivi sui mercati globali. Oltre al prestigioso riconoscimento per l’Imprenditore dell’Anno e per la Startup dell’anno, sono stati conferiti altri premi anche a sei vincitori di categoria, più due Premi Speciali Giuria.

I riconoscimenti sono stati consegnati a:

  • Enrico e Guido Gennasio di AlfagommaCategoria Industrial Products
  • Mauro Fanin di Cereal DocksCategoria Food & Beverage
  • Nunzio Colella di Capri (Alcott)Categoria Fashion & Retail
  • Marco Bernardi di IllumiaCategoria Innovation & Digital Transformation
  • Antonio, Alberto e Giandomenico Auricchio di Gennaro AuricchioCategoria Family Business
  • Aldo Spinelli, Giovanni Anzani e Alberto Spinelli di PoliformCategoria Globalization
  • Andrea Rigoni di Rigoni di AsiagoPremio Speciale “Sostenibilità”
  • Carlo Piacenza di Fratelli PiacenzaPremio Speciale “Eccellenza e Tradizione”
  • Alessio Lorusso di RobozePremio Start up

Industrial Products

Il premio è stato consegnato a Enrico e Guido Gennasio, rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato di Alfagomma, per essere riusciti a creare un eccellente e solido gruppo industriale a livello internazionale, integrando perfettamente le varie acquisizioni e trasferendo la giusta passione a tutti i collaboratori.

Food & Beverage

Ad essere premiato per la categoria è stato Mauro Fanin, Presidente e Amministratore Delegato di Cereal Docks, per aver creato una realtà leader nel settore agroindustriale, grazie anche alla particolare attenzione ai processi, alla trasparenza e al rispetto dei doveri di comunicazione ai clienti e ai consumatori.

Fashion & Retail

Nunzio Colella, Fondatore e Amministratore Unico di Capri (Alcott), ha vinto invece il Premio Fashion & Retail per essere riuscito, partendo unicamente dal proprio ingegno ed entusiasmo, a costruire una realtà composta da una fitta rete di punti vendita,  promuovendo un rapporto inclusivo con i dipendenti e valorizzando il proprio territorio di appartenenza.

Innovation & Digital Transformation

Il tema dell’innovazione e della trasformazione digitale ha visto per protagonista il settore dell’energia. In particolare, il Premio Innovation & Digital Transformation è stato assegnato a Marco Bernardi, Presidente di Illumia, per aver creato un laboratorio di innovazione e sperimentazione continua, capaci di imporsi come il primo Family Business Italiano nel mercato retail di energia e gas.

Family Business

Antonio, Alberto e Giandomenico Auricchio, Presidente e Amministratori Delegati della Gennaro Auricchio, hanno vinto il Premio Family Business, per essere riusciti con spirito di squadra ed attenzione alle persone, a raggiungere grandi traguardi, attraverso un modello di business vincente basato sulla qualità del prodotto e un’unione saldissima che sa rigenerarsi di padre in figlio garantendo continuità e sviluppo.

Globalization

Come ogni anno, EY focalizza l’attenzione sulla globalizzazione assegnando il Premio Globalization. Quest’anno, a vincerlo sono stati Aldo Spinelli, Giovanni Anzani e Alberto Spinelli, Presidente e Amministratori Delegati di Poliform, per la lungimiranza, il dinamismo e la determinazione con cui hanno saputo sviluppare il proprio brand, leader nel mercato dell’arredamento e portabandiera del design italiano nel mondo.

Premi Speciali

La giuria 2018 ha deciso di assegnare due premi speciali. Il Premio Speciale “Sostenibilità” è andato ad Andrea Rigoni, Amministratore Delegato di Rigoni di Asiago, per aver innovato le tecniche di produzione e l’offerta dei propri prodotti, senza mai rinunciare alla qualità e alla propria identità etica aziendale, valorizzando sempre la sana alimentazione, fino a diventare leader di mercato del proprio settore. Il Premio Speciale “Eccellenza e Tradizione” a Carlo Piacenza, Presidente della F.lli Piacenza per aver affermato la propria azienda “come eccellenza nel settore dei tessuti di lusso, conquistata attraverso una sapiente gestione della materia prima unita all’artigianalità del made in Italy”.

La giuria

Ad assegnare i premi la Giuria, presieduta da Gianni Mion, Presidente di Fila S.p.A. e di Space3 S.p.A., e composta da Alberto Baban, Imprenditore; Paolo Boccardelli, Direttore di LUISS Business School; Guido Corbetta, Professore ordinario di Corporate Strategy presso l’Università Bocconi di Milano; Monica Mandelli, Managing Director in KKR &  Co. a New York; Marco Nocivelli, Presidente e Amministratore Delegato Gruppo Epta; Cristina Scocchia, Amministratore Delegato di KIKO S.p.A.; Paolo Scudieri, Amministratore Delegato di Adler Plastic S.p.A..

Articoli correlati