Ernesto Ferrario, AD Electrolux: "L'innovazione non va avanti se non ci credono i capi azienda" | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

ECONOMYUP TV

Ernesto Ferrario, AD Electrolux: “L’innovazione non va avanti se non ci credono i capi azienda”

06 Nov 2018

La multinazionale degli elettrodomestici affronta la trasformazione digitale cercando di costruire la relazione con un cliente sempre più esigente e valutando idee innovative di startup e fornitori attraverso l’Innovation Lab in Italia. Ernesto Ferrario presiede anche l’Innovation Board: “Il management deve crederci”

Ricostruire la relazione con il cliente: è il primo punto che Ernesto Ferrario, amministratore delegato di Electrolux, mette nell’agenda della trasformazione digitale. Il cliente, che “è diventato molto esigente, vuole la consegna entro due giorni dall’acquisto, l’installazione e un’assistenza tecnica professionale. Per questo – dice Ferrario in questo videointervista realizzata in occasione del Digital Summit EY Capri 2018 – occorre formare personale specialiazzato e mettere in piedi un sistema logistico adeguato”.

Electrolux scommette sull’open innovation. Ha aperto un’Innovation Factory a Pordenone e ha un Open Innovation Board per ricevere idee e proposte di startup o fornitori. Board che è presieduto dallo stesso AD con altre due persone. “Se il management non crede nell’innovazione – concludere Ferrario – è difficile andare avanti”.

 

Articoli correlati