Henkel mette il turbo al suo venture capital: parte Henkel X Ventures per investire con i partner | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CORPORATE VENTURE CAPITAL

Henkel mette il turbo al suo venture capital: parte Henkel X Ventures per investire con i partner



Dopo aver avviato nel 2017 un fondo da 150 milioni di euro per investimenti in startup, Henkel accelera sul corporate venture capital lanciando un’unità dedicata, Henkel X Ventures. “Collaboreremo con ogni tipo di organizzazione, la collaborazione è la nuova competizione” dice il General Partner Marius Swart

22 Ott 2019


Henkel, la grande azienda chimica tedesca  attiva in tutto il mondo, mette il turbo alla sua attività di venture capital lanciando Henkel X Ventures, la nuova unità che si occuperà di accelerare l’innovazione e gli investimenti in capitale di ventura in partnership con altre realtà internazionali. La presentazione della nuova iniziativa di corporate venture capital è avvenuta di recente all’Università Bocconi di Milano. Partner dell’iniziativa, oltre allo stesso ateneo, H-FARM, Antai Ventures Builder, APX by Axel Springer & Porsche e Axel Springer.

Come funziona Henkel X Ventures

Henkel, multinazionale di Dusseldorf che fornisce una varietà di prodotti, dai detergenti agli adesivi, aveva già avviato un fondo di VC nel 2017, Henkel X, con dotazione di 150 milioni di euro, che finora ha investito in 11 startup attive in diversi settori, dal beauty all’homecare fino agli advanced materials. Per esempio di recente ha puntato su Truman, startup statunitense che vuole ridurre i rifiuti in plastica vendendo ai clienti capsule concentrate che possono essere diluite in acqua.

Adesso Henkel ha lanciato la nuova unità Henkel X Ventures e vi ha messo a capo Rahmyn Kress e Marius Swart, gli architetti della recente trasformazione digitale dell’azienda.

L’unità punta a selezionare le startup su cui investire, aumentando la focalizzazione sullo sviluppo, l’innovazione e l’imprenditorialità. La rete di partner distribuita in Europa e fuori Europa consentirà a Henkel X Ventures di realizzare questa visione e sostenere i nuovi imprenditori, mettendo a disposizione competenze, risorse e canali di accesso ai mercati.

“La collaborazione è la nuova competizione”

“Ho fondato Henkel X insieme a Marius Swart, e oggi siamo orgogliosi di guidare la naturale evoluzione in Henkel X Ventures per accelerare l’innovazione e l’imprenditorialità insieme ai nostri partner”, ha spiegato Rahmyn Kress, prima Chief nominato Global Head of Henkel X Ventures. “Vogliamo collaborare con ogni tipo di organizzazione. La collaborazione è la nuova competizione”, ha aggiunto Marius Swart, cofondatore di Henkel X e General Partner di Henkel X Ventures.

Henkel X Partners vede la partecipazione di rappresentanti internazionali di note aziende, imprenditori, accademici, imprese famigliari e realtà di venture capital, accomunati dalla visione di accelerare il potenziale innovativo delle proprie organizzazioni attraverso le partnership e la collaborazione.

La presentazione di Henkel X Partners a Milano

L’evento di presentazione si è svolto a porte chiuse lo scorso 9 ottobre alla Bocconi a Milano e ha fatto seguito alla Chatham House Rule, assicurando ai partecipanti la possibilità di discutere apertamente, con la piena garanzia di confidenzialità, le sfide e le opportunità dei nuovi scenari competitivi, ipotizzando soluzioni che potranno contribuire allo sviluppo dell’intera economia.

Con il motto “Better together for Europe”, gli imprenditori hanno confrontato le loro opinioni ed esperienze: come crescere da startup a scaleup, le tendenze più interessanti e le aree più promettenti per gli investimenti venture capital. Alcune startup che già collaborano con Henkel X Ventures. Tra queste, come detto, ci sono Truman e Youtiful, che sono intervenute nel corso della giornata, mentre altri neoimprenditori accuratamente selezionati hanno presentato i loro progetti.

Non sono mancate testimonianze di leadership al femminile provenienti dal mondo della tecnologia, incluse le fondatrici di Comftech, Smartzer, WeRoad e Connexia. Alcune startup, anche italiane, hanno presenziato nell’area espositiva.