Gay (Confindustria): «Le startup non devono rimanere nuove imprese piccole» | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

La videointervista

Gay (Confindustria): «Le startup non devono rimanere nuove imprese piccole»

22 Set 2014

«Vogliamo aiutare gli startupper a crescere e a fare sistema», dice il presidente dei Giovani dell’Associazione degli imprenditori. «L’innovazione è un processo difficile che impatta sulle aziende tradizionali. Ma è necessaria per creare occupazione e tornare a crescere»

Lui la chiama la policy del doppio give back: i padri danno ai figli che restituiscono con nuove imprese, innovando. È l’idea di Marco Gay, presidente dei Giovani di Confindustria che, in questa intervista a EconomyUp, spiega perché la sua associazione è aperta ad accogliere e sostenere coloro che vogliono scommettere sul futuro con una nuova impresa. Per aiutarli, Gay pensa persino a una tassa, una patrimoniale, per chi ha liquidità importante: il prelievo dovrebbe appunto essere utilizzato per investire sulle startup.

Lo stimolo delle startup, poi, potrebbe far sì che escano dai cassetti tutti quei brevetti che le imprese, soprattutto medie e piccole, hanno magari registrato senza però portarli sul mercato. L’innovazione, però, dovrebbe partire anche dall’interno delle aziende con spin-off di progetti che potrebbero generare nuove imprese

Redazione

Articoli correlati