SNFC investe su BlaBlaCar: perché le ferrovie francesi puntano sulla sharing economy | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SMART MOBILITY

SNFC investe su BlaBlaCar: perché le ferrovie francesi puntano sulla sharing economy

15 Nov 2018

Il colosso delle ferrovie francesi ha puntato, insieme ad altri investitori, 101 milioni sulla piattaforma per il carpooling sulle lunghe distanza. Obiettivo: creare di una soluzione di mobilità condivisa intermodale, che coinvolga non solo le automobili e gli autobus ma anche i treni

101 milioni di euro di finanziamento: è quanto mette sul piatto SNFC, il colosso delle ferrovie francesi, insieme ad altri investitori, a favore di BlaBlaCar, la più grande piattaforma al mondo per il carpooling su lunghe distanze. L’obiettivo? Supportare l’ambizione di BlaBlaCar di diventare il player di riferimento per i viaggi interurbani su strada.

Perché SNFC investe su BlaBlaCar

Unendo le forze, SNCF e BlaBlaCar intendono lavorare alla creazione di una soluzione di mobilità condivisa intermodale, che coinvolga non solo le automobili e gli autobus (BlaBlaCar), ma anche i treni (OUI.sncf).

“SNCF e BlaBlaCar sono due realtà che condividono la stessa ambizione: potenziare la mobilità condivisa su larga scala. Questa collaborazione rafforza la vision “da porta a porta” di SNCF e i primi risultati potrebbero iniziare già a vedersi alla fine del 2018 con una nuova mobilità integrata su OUI.sncf” spiega Guillaume Pepy, Presidente di SNCF.

“Una collaborazione con SNCF costituirebbe un punto di svolta fondamentale per lo sviluppo di una mobilità sempre più intermodale e ‘da porta a porta’. Questa è un’ambizione comune che insieme potremmo realizzare con più facilità” puntualizza Nicolas Brusson, co-Founder e CEO di BlaBlaCar.

Non solo. BlaBlaCar e SNFC sono sempre più vicine perché la piattaforma di sharing economy ha presentato un’offerta di acquisizione di Ouibus, filiale di SNCF leader nel settore autobus a lunga percorrenza in Francia, già attiva in Italia con decine di collegamenti verso Milano e Torino.

Sharing economy, cosa è (e perché è difficile dire cosa è)

BlaBlaCar presenta un’offerta per l’acquisizione di Ouibus: ecco perché

Quest’operazione consentirebbe a BlaBlaCar di estendere per la prima volta la sua offerta di mobilità al di fuori del carpooling.

Con più di 65 milioni di utenti in 22 Paesi, BlaBlaCar ha diffuso l’utilizzo di una soluzione di trasporto alternativa come il carpooling e nell’ultimo anno ha registrato una crescita del 40%: da agosto 2017 oltre 50 milioni di passeggeri hanno viaggiato a bordo di un’auto condivisa. Attraverso la collaborazione con Ouibus, la piattaforma mira a integrare l’offerta di viaggi in carpooling con soluzioni di trasporto in autobus di lunga percorrenza e diventare così il punto di riferimento per i viaggi interurbani su strada.

In tre anni di forte crescita, Ouibus ha costruito un network che collega 300 città in Francia ed Europa, già utilizzato da più di 12 milioni di passeggeri. BlaBlaCar, dal canto suo, permette di raggiungere con facilità anche i piccoli centri, grazie a una presenza capillare sul territorio, con decine di migliaia di punti di ritrovo scelti da conducenti non professionisti per condividere il viaggio e le relative spese. Combinando queste due soluzioni di viaggio complementari, BlaBlaCar conferma l’intenzione di potenziare la mobilità condivisa ottimizzando il tasso di occupazione dei veicoli in circolazione, siano questi automobili o autobus, e offrendo soluzioni di viaggio sempre più convenienti ai passeggeri.

Sharing Economy in Italia: parlano Enjoy, Supermercato24 e BlaBlaCar

Il progetto di acquisizione permetterebbe a BlaBlaCar di arricchire la sua offerta, che verrebbe in seguito estesa anche ad altri partner e operatori di autobus locali in tutta Europa. La piattaforma potrà così soddisfare vari tipi di esigenze dei viaggiatori, come prenotare con largo anticipo (o, viceversa, all’ultimo minuto) o trovare viaggi da e per i piccoli centri a un prezzo sempre conveniente. BlaBlaCar ritiene che questa sinergia possa favorire sia i conducenti che intendono continuare a condividere i loro viaggi, sia le compagnie di autobus partner, che potranno iniziare a offrire i loro posti sulla piattaforma.

“Questo è un momento molto importante per Ouibus: siamo sicuri che questo progetto sarà per noi un’ottima occasione di espansione internazionale. Siamo molto orgogliosi di continuare il nostro viaggio al fianco di BlaBlaCar, che negli ultimi dieci anni si è dimostrata capace di reinventare il modo di viaggiare su strada”, spiega Rolande de Barbentane, CEO di Ouibus.

“Siamo davvero entusiasti di unire le nostre forze a quelle del team di Ouibus: grazie a questa partnership sarà infatti possibile trovare diverse soluzioni di viaggio direttamente sulla nostra piattaforma. Questo progetto va a supportare la nostra ambizione di creare un’offerta globale, che combini auto e bus” afferma Nicolas Brusson, co-Founder e CEO di BlaBlaCar.

E Frédéric Mazzella, Presidente e Founder di BlaBlaCar: “Questo progetto è assolutamente in linea con la nostra vision, quella di offrire una soluzione di mobilità condivisa conveniente e alla portata di tutti, mirata a ridurre l’impatto dei viaggi sull’ambiente. La nostra mission è sempre stata quella di ottimizzare il tasso di occupazione dei veicoli in circolazione e un autobus pieno produce dieci volte meno CO2 per persona rispetto a chi viaggia in auto da solo. Integrando offerte complementari su BlaBlaCar – il carpooling di media e lunga distanza e da oggi gli autobus – renderemo ancora più semplice e immediata la ricerca di una soluzione di viaggio ai i nostri utenti, i quali oggi si vedono costretti a interfacciarsi con un’infinità di piattaforme e siti web”.

 

Articoli correlati