BlaBlaCar, ora il passaggio in auto si paga online. E scoppiano le polemiche | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Innovazione

BlaBlaCar, ora il passaggio in auto si paga online. E scoppiano le polemiche

12 Mag 2015

La community di ride sharing lancia in Italia il sistema di prenotazione online. Già attivo nella tratta Milano-Genova, sarà esteso su territorio nazionale entro fine anno. Le spese di prenotazione? «Saranno trattenute dall’azienda per crescere» dice Andrea Saviane, country manager Italia di BlaBlaCar

Andrea Saviane, country manager Italia di BlaBlacCar
Aggiornamento della piattaforma e adeguamento al corso dei tempi o semplicemente un’idea per incassare? Se lo stanno chiedendo in molti da quando BlaBlaCar, la più grande community di ride sharing al mondo, introduce in Italia il suo sistema di prenotazione online, già attivato in Francia e Spagna. Da oggi, anche nel nostro Paese è possibile prenotare e pagare il proprio posto in auto in anticipo, sul sito BlaBlaCar.it o tramite le app per iOS e Android, e assicurarsi un passaggio verso la destinazione desiderata. Il nuovo sistema è attivo dal 12 maggio nella tratta Milano-Genova, e sarà esteso gradualmente a tutto il territorio nazionale entro la fine dell’anno.

«La scelta della tratta Milano-Genova è dovuta al fatto che nel capoluogo lombardo ci sono tanti pendolari genovesi che ogni mattina utilizzano l’auto per andare al lavoro» spiega Andrea Saviane, country manager Italia di BlaBlacCar.

Ma vediamo nel dettaglio come funziona il nuovo servizio. E perché potrebbe suscitare parecchie polemiche.

BlaBlaCar mette in contatto automobilisti con posti liberi a bordo e persone che desiderano viaggiare nella stessa direzione, permettendo loro di condividere le spese di benzina e pedaggio. Fino a ieri, i passeggeri italiani potevano cercare il viaggio di loro interesse tra le offerte di passaggio pubblicate dai conducenti. La piattaforma dava loro la possibilità di entrare in contatto: durante il viaggio, il conducente e i passeggeri si scambiavano in contanti il contributo alle spese che l’automobilista aveva richiesto per ogni persona.

Il nuovo sistema di prenotazione online è diverso. D’ora in poi, il viaggiatore che grazie a BlaBlaCar trova un passaggio per la propria destinazione può prenotarlo attraverso un pagamento online (con carta di credito, carta prepagata o PayPal): l’importo comprende il contributo alle spese richiesto dal conducente per quel viaggio e la quota delle spese di prenotazione, che per il viaggio medio (340 km) è del 12% sul costo del passaggio. L’intero importo viene trattenuto da BlaBlaCar: a viaggio avvenuto, BlaBlaCar versa sul conto corrente o conto PayPal del conducente il contributo alle spese che è stato richiesto per ogni passeggero nell’offerta di viaggio. «Le spese di prenotazione vengono invece trattenute da BlaBlaCar e sono destinate a coprire i costi di gestione della sua infrastruttura e a rendere finalmente sostenibile il suo business, con l’obiettivo di continuare a investire in innovazioni tecnologiche per offrire agli utenti la miglior esperienza di viaggio possibile» spiegano dall’azienda.

Ma come reagiranno i passeggeri italiani, tenendo presente che l’italiano medio ha molta più confidenza con i contanti che con i pagamenti online e che il servizio non è più gratuito? «Siamo certi che il nuovo sistema di prenotazione piacerà in Italia, perché consente un’organizzazione del viaggio più veloce e ancora più precisa», spiega Saviane. Che aggiunge: «Abbiamo dalla nostra anche l’esperienza di altri Paesi in cui il sistema di prenotazione online è stato accolto in maniera positiva ed è stato perfezionato nel tempo sulla base dei suggerimenti dei nostri utenti».

Il sistema della prenotazione online è infatti frutto di una lunga esperienza: è attivo in Francia dal 2011 e in Spagna dal 2014. A seguito della sua introduzione, BlaBlaCar ha registrato una crescita della sua community: solo in Francia, gli utenti sono aumentati di ben cinque volte da quando il pagamento online è disponibile. Uno sviluppo di tali proporzioni è atteso anche in Italia, dove BlaBlaCar è presente dal 2012.

«Del resto, guadagno a parte per BlaBlaCar, i’introduzione del sistema di prenotazione online facilita l’organizzazione dei viaggi in auto condivisi e garantisce importanti vantaggi sia ai passeggeri che ai conducenti» spiegano dall’azienda. Il pagamento online assicura una maggiore responsabilizzazione nei confronti del viaggio condiviso: nei Paesi in cui è già stato introdotto, il sistema ha determinato un crollo del numero degli annullamenti dei viaggi, rendendo il ride sharing una soluzione di trasporto su cui tutti possono contare.  Non solo. La prenotazione via internet garantisce a tutti i viaggiatori un indennizzo in caso di annullamenti last minute: in caso di cancellazione del viaggio da parte del conducente, il passeggero può essere rimborsato dell’intero importo pagato online; e il conducente può ricevere il contributo richiesto per il suo passaggio anche da un passeggero che non si sia presentato alla partenza. Il pagamento online, inoltre, contribuisce a generare fiducia tra gli utenti della community perché, per la prima volta, al passeggero è consentito vedere il profilo completo non solo del conducente ma anche di ogni altro viaggiatore che ha effettuato la prenotazione del posto per il suo stesso viaggio. I profili completi e verificati da BlaBlaCar contribuiscono da sempre all’affidabilità del servizio, insieme ai feedback che conducenti e passeggeri sono invitati a lasciarsi reciprocamente al termine di ogni tragitto per valutare l’esperienza di viaggio appena conclusa. Infine, il pagamento online permette anche un risparmio di tempo a passeggeri e conducenti al momento del loro primo contatto: grazie all’aggiornamento automatico dei posti disponibili per ogni viaggio, gli utenti che sono alla ricerca di un passaggio possono sapere quali delle offerte sulla tratta di loro interesse abbia ancora posti liberi. I passeggeri possono così evitare di contattare utenti con viaggi al completo, e i conducenti non ricevono ulteriori richieste quando i posti a bordo della loro auto sono esauriti.

 

  • Manuel 83

    Le nuove regole di bla bla car, costringono, ebbene si, costringono a pagare il proprio posto in auto in anticipo, ma non solo, non si può contattare il conducente prima di aver pagato, in altri termini, non si può stabilire prima un accordo, per esempio: dove ci incontriamo?
    E se a me non andasse bene attraversare tutta la città per raggiungere il conducente?
    E se io fossi il conducente? Non mi sentirei in obbligo nei riguardi del passeggero ad attraversare la città e andarlo a prendere? e tutto per cosa? Per far guadagnare bla bla car, volete guadagnare, ok, ma in questi termini spero ci sarà una forte trasmigrazione verso altre e più etiche tipologie/piattaforme di viaggio condivise.
    Ho appena passato tutto il pomeriggio a cercare di contattare il team (290 persone) di bla bla car con nessun risultato è questa la trasparenza? provate anche voi a contattarli e sappiatemi dire se ci siete riusciti e come, e poi scrivono “la tua esperienza ci interessa, raccontacela”. Ma raccontatela ad un’altro va!

  • man

    IN pratica non puoi contattare il conducente (se sei un passeggero) fino a che non hai pagato, e se poi il conducente o il passeggero non trovano un accordo su dove vedersi?!
    Ma è solo un esempio, provate a contattare il centro d’assistenza (il team di bla bla car è composto da 290 persone), provate provate, vedrete che bei risultati!!

  • silvano

    Pensavo che blablacar fosse la prima e migliore app NO PROFIT creata apposta per le esigenze sociali. Con questo nuovo metodo complicherà tutto. Dovrò cercarmi un’altra piattaforma simile

  • Maria

    Ho dato dei passaggi più di un mese fa e ancora non mi sono stati accreditati i soldi da blablacar e non esiste un modo per contattarli telefonicamente! Il metodo precedente era ottimo adesso invece é impossibile solo una truffa

  • Gigi

    poco tempo fa ho fatto una prova,ho inserito in blablacar due viaggi Su tratta simile. 1con prenotazione online 1 con il vecchio sistema e…con la prenotazione online nessun contatto con il vecchio sistema 3 posti andate a buon fine.
    probabilmente questo ha blablacar non interessa però con il tempo sono quasi sicuro che perderanno moltissimi contatti. purtroppo penso che il pagamento anticipato non sia una buona soluzione e mi dispiace perché il vecchio sistema funzionava davvero bene.

  • Sabrina

    Ho cercato un passaggio per Milano e ho trovato la sorpresa dell’obbligo della prenotazione on-line, mi sembra un po’ troppo, in più,aumenta la spesa per il viaggio e sinceramente non so quanto valga a questo punto rischiare di trovarsi male con una paersona sconosciuta se il risparmio è irrisorio. A questo punto, credo che opterò per viaggiare da sola con la mia auto, almeno, faccio ciò che voglio, senza dovermi adeguare agli orari e alle fermate di altre persone. Ch epeccato!!! Sarebbe comunque il caso di protestare con i gestori di questo sito. Prendessero pure una percentuale, ma più bassa e senza costringere le persone a pagare in anticipo. Saluti a tutti.

  • erman

    Non riesco ad ottenere l acredito da bla bla car dicendomi continuamente di controllare i dati.e si che sono esatti mai avuto problemi con altri solo con loro.e una truffa per non pagare

  • Mark

    Che sistema inutile, invece di semplificare le cose li complicano, in un mercato che sta cambiando e c’e’ bisogno di aver una gestione semplice delle cose sti fenomeni fanno il contrario, purtroppo sempre piu’aziende hanno alla guida amministratori incometenti, in poltrona zostanzialmente cechi che guidano altei cechi.. Che teistezza assoluta

  • splisp

    Mi sono cancellato dal servizio dopo la prima esperienza con il nuovo sistema di prenotazione. Mi ha creato più problemi che altro: rispondevo ai messaggi dei passeggeri interessati, poi scoprivo che erano stati bloccati dal moderatore; avevo posti liberi per metà viaggio ma non potevano essere prenotati perchè altre persone avevano prenotato ma solo per la prima metà (una tappa intermedia la faccio senza problemi, in un viaggio di 400km da A da C, e avevo la fortuna di trovare passeggeri da A a B e altri da B a C ma la piattaforma non lo ha consentito). Spero di trovare alternative, perchè viaggiare in compagnia spesso è meglio, quando il viaggio è lungo)

  • antiblabla

    Come tutto in Italia anche questo nuovo genio Andrea Saviane ha pensato bene di rovinare una delle cose che funzionava. Non riesco a parlare e prendere appuntamento con chi mi sta contattando, ma non vi preoccupata, per il vostro sito il tempo è contato……ragazzi abbiate pazienza e si tornerà come prima……….BLA BLA FALLIMENTO

  • maurizio

    troppo complicata la nuova piattaforma, troppo rigida, ho viaggiato sempre col vecchio metodo e mi sono trovato bene. Cercherò un ‘alternativa

  • Luca

    Una vera cagata! blabla funzionava davvero bene prima. come al solito le cose vanno cambiate per fargli guadagnare compensi esagerati.. si potrà che su 6 euro ne vogliono 1,5 per loro? speriamo si valorizzi presto un alternativa! in questo modo il sistema non è più sostenibile,e nemmeno vantaggioso. perderanno tantissimi conducenti e viaggiatori.Complimentoni!!

Articoli correlati