Fare co-innovazione tra insurtech e smart mobility: la partnership Telepass-ITAS Mutua - Economyup

EMBEDDED INSURANCE

Fare co-innovazione tra insurtech e smart mobility: la partnership Telepass-ITAS Mutua



Grazie al nuovo accordo, Telepass proporrà attraverso la propria piattaforma specifici prodotti assicurativi sviluppati da ITAS e creati appositamente per essere fruiti in mobilità. “La cooperazione è la miglior competizione” dice il CEO Gabriele Benedetto

10 Ott 2022

Mobilità e assicurazione sono oggi due settori sempre più connessi, che si evolvono fianco a fianco per venire incontro alle nuove esigenze del consumatore sempre più attento a intermodalità, sostenibilità e semplicità. Si colloca in questo contesto la partnership tra Telepass e ITAS Mutua, la più antica compagnia assicurativa italiana con oltre 200 anni di storia, un accordo pensato per offrire servizi innovativi ai propri reciproci e potenziali clienti.

“La cooperazione è la miglior competizione” sostiene Gabriele Benedetto, amministratore delegato di Telepass. “Se è vero che la competizione aiuta il cliente finale per i vantaggi che genera, la cooperazione – pur più impegnativa – significa dividersi una torta in modo equo rispetto al valore apportato da ciascuno, con l’obiettivo di crescere, migliorarsi, guadagnare e offrire anche maggiori vantaggi alle persone”.

Una filosofia che Telepass porta avanti da molto tempo con diverse operazioni di co-innovazione, al fine di sviluppare un ecosistema integrato e sempre più completo di servizi per la mobilità urbana ed extraurbana e portare valore per i clienti, le aziende e l’intero settore. Già Telepass ha avviato un percorso nel ramo insurance, come dimostra l’importante progetto sviluppato con Generali: il lancio di Next, un nuovo Telepass che è un assistente per la mobilità.

“Noi di Telepass abbiamo capito che per crescere bisogna guardare oltre”, spiega Benedetto, “ed è il motivo per cui abbiamo creato un ecosistema di partnership a beneficio della mobilità. Questa strategica partnership con ITAS Mutua si aggiunge alle altre già siglate negli ultimi anni con realtà di cui condividiamo la visione e la missione, consentendoci al contempo di proseguire il nostro percorso per facilitare sempre di più la vita delle persone in movimento”

Telepass e ITAS Mutua: un ecosistema integrato di mobilità e insurtech

Grazie al nuovo accordo, Telepass proporrà attraverso la propria piattaforma specifici prodotti assicurativi sviluppati da ITAS e creati appositamente per essere fruiti in mobilità.

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce e affidabile nel tuo marketing: scopri come!

Allo stesso tempo, attraverso la vasta rete di intermediari sul territorio ITAS Mutua metterà gratuitamente a disposizione dei propri soci assicurati l’abbonamento all’ecosistema dei servizi per la mobilità di Telepass, a cominciare da quelli legati all’auto – come il pagamento del pedaggio autostradale, i parcheggi, le strisce blu e i traghetti – per poi allargarsi, nell’arco di un anno, alla totalità dell’offerta per la mobilità quotidiana, come la sharing mobility, i treni, i taxi e il trasporto pubblico locale.

“Nell’ultimo anno, abbiamo registrato un sempre maggiore interesse del mondo assicurativo per il settore della mobilità, di cui siamo da sempre leader e di cui siamo diventati un caso di studio per la prestigiosa università statunitense di Harvard,” afferma Benedetto. “In questo contesto, la partnership con Itas rappresenta un esempio virtuoso con il quale si dimostra come sia possibile creare innovazione di prodotto e di servizio quando si uniscono competenze provenienti da settori differenti”.

I nuovi prodotti insurtech nell’ecosistema Telepass: si parte dallo sci

Tra le polizze acquistabili direttamente dai clienti Telepass sono compresi prodotti di “instant insurance” legati, ad esempio, alle attività sportive come lo sci alpino, per il quale è scattato l’obbligo assicurativo dallo scorso 1° gennaio 2022.

Telepass, infatti, dal 2019 è entrata nel settore degli sport invernali attraverso la commercializzazione del proprio Skipass che consente, senza preventive code alle casse, l’accesso ad oltre 40 comprensori sciistici in tutta Italia. E, anticipa Benedetto, presto ci saranno novità su questo fronte: “abbiamo ancora sorprese da annunciarvi.”

Maura Valentini

Laureata in lingue orientali, sono un'amante di Giappone e innovazione. Parte del gruppo Digital360 dal 2020, scrivo per le testate EconomyUp, InsuranceUp e Proptech360.