Se Twitter influenza gli investimenti finanziari | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Il report

Se Twitter influenza gli investimenti finanziari



Giornali online, blog e social network: gli investimenti sono sempre più condizionati dalle fonti di informazione digitale che giocheranno un ruolo chiave nel prossimo futuro. È quanto emerge dall’analisi di Brunswick Group, secondo il quale la Rete sarà sempre più influente sulle decisioni d’investimento.

di Redazione EconomyUp

03 Mar 2014


In una società che è sempre più digitale e vive sempre più in Rete, anche le decisioni d’investimento sono sempre maggiormente influenzate dai media digitali. Che si tratti di giornali online, blog o social network, le fonti d’informazione digitale giocano un ruolo sempre più importante riguardo agli investimenti. E secondo un report di Brunswick Group, che ha raccolto le opinioni di circa 500 tra analisti e investitori istituzionali in Nord America, Europa e Asia, la Rete sarà sempre più influente anche in futuro per quanto riguarda le raccomandazioni e le decisioni d’investimento.

I risultati principali dalla ricerca mostrano che:
– Il 70% degli investitori ritiene che i media digitali giocheranno un ruolo sempre più
importante riguardo agli investimenti.
– Il 29% degli investitori segue e approfondisce notizie trovate su servizi di micro-blogging
quali Twitter.
– L’influenza di Twitter sta aumentando, anche grazie alle integrazioni su altre
piattaforme quali Bloomberg.
– Gli intervistati hanno dato un ranking medio di 1.9 alle informazioni raccolte
direttamente dalle società, più alto di qualunque altra fonte (più bassa la cifra, più
influente la fonte).
– Il 35% degli investitori considera i servizi real time quali Bloomberg tra le fonti più utili
al proprio lavoro, in crescita rispetto al 22% dell’ultimo questionario.

Ecco il report completo.

Redazione EconomyUp