Voucher Innovation Manager: dal 7 novembre le imprese possono chiedere il contributo | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVAZIONE E PMI

Voucher Innovation Manager: dal 7 novembre le imprese possono chiedere il contributo



A partire dal 7 novembre le imprese potranno compilare le richieste per ottenere il Voucher Innovation Manager, il contributo fino a 40mila euro per ingaggiare professionisti e società di consulenza che le aiuteranno a innovare. Ma le domande potranno essere inviate dal 3 dicembre. Ecco tutti i dettagli

30 Set 2019


Le regole per le imprese che intendono richiedere il voucher per l’Innovation Manager ora ci sono: a partire dal 7 novembre le imprese e le reti d’impresa potranno avviare la compilazione della domanda per richiedere il contributo destinato a pagare un “consulente dell’innovazione. Domanda che potrà poi essere inviata a partire dal 3 dicembre.

È stato, infatti, pubblicato il decreto del MiSE che completa l’attuazione della norma e stabilisce, dal lato delle imprese richiedenti, termini e modalità di presentazione delle domande per l’erogazione del Voucher Innovation Manager. La misura ha l’obiettivo di sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle piccole e medie imprese (pmi) e delle reti d’impresa presenti su tutto il territorio nazionale.

Voucher Innovation Manager, il contributo per le PMI 

Nell’ambito del Piano Nazionale “Impresa 4.0” – “figlio” del Piano Industria 4.0 varato dall’allora governo Renzi (e poi confermato dal governo Gentiloni e leggermente ridimensionato da quello giallo-verde) – la Legge di Bilancio 2019 ha previsto la creazione di un contributo a fondo perduto, nella forma di voucher. Obiettivo: sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale delle PMI e delle reti di impresa di tutto il territorio nazionale attraverso l’introduzione in azienda di figure manageriali in grado di implementare le tecnologie abilitanti prevista dal Piano Impresa 4.0 e di ammodernare gli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali. La misura è stata portata avanti attraverso il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 7 maggio 2019 e il Decreto direttoriale del 29 luglio 2019.

Per quanto riguarda l’iscrizione all’albo dei manager e delle società di consulenza, il fischio d’inizio è stato alle ore 10.00 del 27 settembre 2019. Il tempo scadrà entro le ore 17.00 del 25 ottobre 2019. La procedura è esclusivamente informatica e avviene sul sito del Ministero.

Innovation Manager, via all’iscrizione all’elenco del MISE: che cosa fare (anche nelle aziende)

Con il decreto direttoriale 25 settembre 2019 sono stati invece stabiliti i termini e le modalità di presentazione, da parte delle pmie delle reti, delle domande di agevolazione nonché delle relative richieste di erogazione.

Che cosa devono fare le aziende per ottenere il Voucher

Per beneficiare del voucher le imprese dovranno seguire tre fasi:

— a partire dalle ore 10.00 del 31 ottobre 2019 sarà possibile effettuare la verifica preliminare dei requisiti di accesso alla procedura informatica esclusivamente attraverso una specifica richiesta attraverso posta elettronica certificata (PEC) secondo le modalità descritte dal decreto direttoriale del 25 settembre

— la compilazione della domanda potrà essere effettuate a partire dalle ore 10.00 del 7 novembre 2019 e fino alle ore 17.00 del 26 novembre 2019; 

— l’invio della domanda di accesso alle agevolazioni, potrà essere effettuato a partire dalle ore 10.00 del 3 dicembre 2019.

Innovation Manager: 50 milioni di euro le risorse  per le imprese

Per il Voucher per l’Innovation manager sono disponibili le risorse stanziate dalla legge di bilancio 2019, per le annualità 2019 e 2020, pari complessivamente a 50 milioni di euro. L’agevolazione verrà concessa sulla base di una procedura a sportello, per cui le domande inviate dalle imprese e dalle reti d’impresa verranno ammesse alla fase istruttoria sulla base dell’ordine cronologico di presentazione.