Switch2Product 2019, ecco i vincitori del premio per idee imprenditoriali del Polimi | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

Switch2Product 2019, ecco i vincitori del premio per idee imprenditoriali del Polimi



Si è conclusa l’XI edizione della challenge Switch2Product, nata dalla collaborazione tra Politecnico di Milano, Deloitte e PoliHub. Premiate 23 idee imprenditoriali e tecnologie innovative su 150 progetti tecnologici presentati. Ecco quali sono i vincitori di quest’anno

12 Dic 2019


Diag Nose, un naso elettronico permette di diagnosticare precocemente il cancro alla prostata, e altri 22 progetti che abbracciano vari settori (dal green all’Industrial Manufacturing, dall’ICT al MedTech, dall’IoT agli Smart Product) sono i vincitori della XI edizione di Switch2Product Innovation Challenge, il programma nato per valorizzare soluzioni innovative, nuove tecnologie e idee di impresa proposte da studenti, ricercatori, docenti e alumni del Politecnico di Milano.

Che cos’è Switch2Product

Giunto alla undicesima edizione, Switch2Product è un programma organizzato dal Technology Transfer Office (TTO) del Politecnico di Milano, da PoliHub Innovation District & Startup Accelerator e da Deloitte Italia. L’edizione 2019 di Switch2Product è estesa alla partecipazione dell’Università Bocconi e del CNR (Centro nazionale delle ricerche). Switch2Product punta a valorizzare le proposte di studenti, ricercatori e docenti del Politecnico di Milano (e non solo) offrendo loro risorse economiche – nella forma dei Grant S2P – per supportare lo sviluppo tecnologico e un percorso di accelerazione di business dedicato. Switch2Product aiuta a sviluppare tecnologie e/o a creare impresa partendo da progetti imprenditoriali innovativi.

Le migliori 70 idee selezionate nella prima fase hanno avuto accesso al Workshop Idea Development & Pitch, workshop che ha aiutato i team proponenti a strutturare una presentazione efficace della propria idea innovativa. I progetti hanno poi affrontato un’ulteriore selezione, passando da 70 a 30 finalisti e questi ultimi hanno avuto accesso all’Innovation Boost Program, il percorso a quattro tappe di empowerment tecnologico e imprenditoriale progettato su misura per valorizzare il potenziale innovativo e di business delle idee e definire un concreto piano di sviluppo grazie al supporto dei professionisti di Politecnico, Polihub e Deloitte. Fra i 30 finalisti sono poi stati selezionati 20 progetti vincitori.

I premi di Switch2Product

I 23 progetti selezionati abbracciano diversi settori: dalle Environmental & Green Technology all’Industrial Manufacturing, dall’ICT al MedTech, dall’IoT agli Smart Product.

I team vincitori saranno ammessi al Programma di Accelerazione imprenditoriale, finalizzato alla realizzazione del proprio progetto di innovazione che include il consolidamento delle competenze di team, la prototipazione e lo sviluppo del prodotto, la strategia per l’ingresso nel mercato e il contatto con i fondi di investimento, nonché il test del modello di business.

Eifom, Eye4Nir, Polymer Flakes e Bi Rex sono le soluzioni innovative selezionate dal Politecnico di Milano per ricevere il grant S2P da 30.000 € ciascuno dedicato alla prima prototipazione e validazione in campo della tecnologia proposta.

È, invece, Diag Nose ad aggiudicarsi il grant Disruptive Innovation, del valore di 60. 000 €, consegnati dal Rettore, per essersi distinta per il carattere di radicalità dell’innovazione proposta.

A SOS Cooks e CELTIS il grant di Electrolux di 30.000 euro ciascuno mentre a HMDrive e Lamp il grant, sempre di 30.000 € ciascuno, di e-Novia. A FreSH Megnets il grant di 30.000 euro di CNR – Centro Nazionale delle Ricerche.

Il progetto Gel Proximity, grazie al Premio MIP, avrà la possibilità di accedere gratuitamente ai corsi dell’Academy, offerti dalla Business School del Politecnico di Milano.

Tutti i progetti vincitori avranno inoltre la possibilità di essere supportati nella promozione e divulgazione delle loro idee verso stampa specializzata, industrial partner e investitori e potranno accedere a spazi comuni, servizi e facility presso PoliHub per tutta la durata del percorso di accelerazione.

I Team vincitori di Switch2Product

Alcuni momenti dell’evento e le premiazioni dei vincitori

Amazing

Un motore grafico basat sulla mesh per applicazioni AR e VR che riduce l’utilizzo della memoria e preserva i dettagli.

Approxima

Innovativo approccio transcatetere per terapia tricuspide e della valvola mitrale.

BAMBI

WHITEPAPER
Design Thinking: come aiuta le aziende ad aumentare la capacità innovativa?
CIO
Open Innovation

Un’idea semplice e geniale per combattere la mortalità post parto.

Bi Rex (Ades)

Trattamento innovativo e sostenibile per il recupero di prodotti ad alto valore da biomasse, derivanti dalle lavorazioni agro-industriali.

Blink

Ecosistema urbano di logistica dell’ultimo miglio per consegne ad alto valore aggiunto ed ecologiche basate su multimodalità, micro-hub distribuiti e IoT.

 Braiker

Laboratorio-on-chip per analisi biomediche multiple e veloci da sangue, dedicato alla rilevazione di traumi cerebrali.

Celtis

Processo di stampa multijet a freddo per parti metalliche: l’uso dei campi elettrostatici per nuovo paradigma della manifattura additiva.

Diag Nose

Un naso elettronico permette di diagnosticare il cancro alla prostata e determinarne l’aggressività in modo precoce e non invasivo.

Eifom

Un sistema di monitoraggio innovativo basato sulle fibre ottiche. L’integrazione di un sistema di monitoraggio consente di acquisire informazioni sullo stato di salute dei componenti e di controllarne il funzionamento al fine di evitare collassi dovuti agli stati di degrado e impostare nel contempo programmi di manutenzione più efficienti.

Eye4Nir

Vedere l’invisibile con lo smartphone. Una fotocamera iperspettrale capace di operare sia nel visibile (VIS) che del vicino infrarosso (NIR).

FreSh Megnets

Nuovi magnetometri MEMS basati sullo spostamento magnetico di frequenza indotto per le unità di misura inerziale di prossima generazione.

Gel Proximity

Progetto che permetterà ai negozi online di accedere a oltre 25.000 punti di ritiro con una unica integrazione aiutando lo sviluppo dell’ecommerce.

HMDrive

Head Mounted Display (HMD) con telecamere integrate e capacità computazionale che, muovendosi solidalmente con la testa del pilota, è in grado di coprire completamente il suo campo visivo e di proiettare informazioni in realtà aumentata.

Lamp

SoC open-source con ISA RISC-V per R&D e didattica in ambito sicurezza, ottimizzazione energetica e progetto di piattaforme per IoT.

Moove

Piste ciclabili modulari, prefabbricate, in plastica riciclata, senza scavi, riposizionabili, con elettronica, sensori, led radenti ed IoT.

Near Tube

Tubo endotracheale adattivo a bassa resistenza e zero spazi morti per una ventilazione meccanica più sicura ed efficace.

Polymer Flakes

Flakes polimerici customizzabili per il recupero di inquinanti da fluidi contaminati e/o la separazione cromatografica di biofarmaci.

SOS Cooks

Strumento che monitora gli odori emessi durante la cottura e ti avvisa quando la cena è “cotta a puntino”.

Specto

Spettrometri ottici miniaturizzati di nuova generazione per la diagnostica biomedica precoce e quantitativa e il rilevamento dei materiali.

SSIS

Innovazione nella riqualificazione energetica delle città attraverso processi di edilizia e industria 4.0 per la sostenibilità ambientale.

Tediel

Sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti e servizi innovativi elettronici digitali ad alto valore tecnologico.

Textudo

Superficie ibrida e customizzabile per l’architettura e il design in cemento e tessuto 3D, con texture/pattern tessile mantenuti

The FlowCatcher

Una dashboard digitale basata sui dati per il processo decisionale in tempo reale, a breve e lungo termine nella gestione e progettazione dei servizi di mobilità condivisa.

Molte le novità quest’anno

Oltre alla conferma per il secondo anno della partnership con l’Università Bocconi, si aggiungono le sezioni lombarde del CNR – Centro Nazionale delle Ricerche. Per questa edizione il montepremi complessivo di oltre 200 mila euro messo a disposizione dal Politecnico per lo sviluppo tecnologico si è ampliato grazie alle ulteriori premialità messe a disposizione da Electrolux ed e-Novia, quali partner industriali per le startup che saranno in grado di rispondere ai bisogni di innovazione delle aziende. Il programma di trasferimento e potenziamento imprenditoriale si è ulteriormente arricchito della presenza di Poli360, il fondo del valore di 60 milioni di euro, nato dall’alleanza tra il Politecnico di Milano e 360 Capital Partners e dedicato al technology transfer.

“Una partnership che si rafforza di anno in anno”

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

“Switch2Product è ormai una tradizione e questa terza edizione è infatti segnale di una partnership tra Deloitte, Politecnico e Polihub che si rafforza di anno in anno e dà vita a iniziative che fungono da polo di attrazione e di sviluppo di innovative soluzioni per tutti gli attori che vogliono giocare un ruolo centrale nella partita dell’innovazione” afferma Andrea Poggi, Innovation Leader di Deloitte North & South Europe. “Anche quest’anno Deloitte ha messo in campo alcune delle sue competenze distintive e le skill di Officine Innovazione, la società del network impegnata a sviluppare l’ecosystem, il mondo delle startup e dei venture capital per identificare asset e soluzioni tecnologiche innovativi da accelerare e innestare nelle soluzioni degli altri business Deloitte per fornire innovazione sempre più solida e concreta ai nostri clienti. La conoscenza del mercato di Deloitte, integrata con la profondissima capability tecnica in svariati settori del Politecnico di Milano ha permesso a S2P di crescere ulteriormente anche per il grado di innovatività raggiunta”.