Paola Corna Pellegrini, AD Allianz Partners, è la Tecnovisionaria 2018: ha promosso la cultura digitale | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVATION MANAGEMENT

Paola Corna Pellegrini, AD Allianz Partners, è la Tecnovisionaria 2018: ha promosso la cultura digitale

di Luciana Maci

23 Mag 2018

L’Amministratore Delegato e Direttore Generale della multinazionale delle assicurazioni in Italia ha ricevuto il Premio Internazionale per aver promosso la digitalizzazione e aver creato un Innovation Lab aziendale. Puntando sulla customer experience: “Vogliamo anticipare le esigenze del cliente”

Ha saputo promuovere una cultura aziendale innovativa e digitalizzata e ha creato un Innovation Lab aziendale che ha contribuito al dialogo tra la sua azienda e le università: con queste motivazioni Paola Corna Pellegrini, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Allianz Partners in Italia, ha ricevuto il Premio Internazionale Tecnovisionarie2018, dedicato alle donne che, attraverso le proprie scelte professionali, dimostrano di possedere visione, privilegiando l’impatto sociale, la trasparenza nei comportamenti e l’etica.

Il riconoscimento, giunto alla XII edizione, quest’anno era ispirato al tema “Being Digital”, premiando il talento, la genialità e la creatività di donne che guardano al futuro coniugando tecnologia e innovazione, mettendo al centro la persona. Paola Corna Pellegrini ha ampiamente mostrato di avere queste doti nell’ambito di Allianz Partners, che è particolarmente aperta a iniziative di open innovation, la modalità per cui le organizzazioni ricercano innovazione al proprio esterno e in collaborazione con altri partner.

CHE COS’È TECNOVISIONARIE

Promosso da Women&Tech – Associazione Donne e Tecnologie, il Premio Internazionale Tecnovisionarie viene attribuito ogni anno a donne che, nella loro attività professionale, hanno testimoniato di possedere visione, privilegiando l’impatto sociale, la trasparenza nei comportamenti e l’etica. Sono le “Tecnovisionarie” nel settore della ricerca, dell’innovazione, dell’impresa, dei media e della cultura. Giunto alla sua XII edizione, dal tema “Being Digital”, il Premio vanta una Giuria composta da qualificati esponenti degli ambiti tematici delle diverse categorie di concorso, del mondo della cultura e della comunicazione. La cerimonia di premiazione ha avuto luogo il 21 maggio scorso presso il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia “Leonardo da Vinci” di Milano. Le precedenti edizioni hanno ottenuto riscontro di pubblico e hanno ricevuto il sostegno e il patrocinio di numerose imprese e istituzioni.

L’associazione che promuove il premio, Women&Tech-Associazione Donne e Tecnologie, nasce nel 2009 da un’idea di Gianna Martinengo, condivisa da un network di aziende e persone che mettono a disposizione le proprie competenze per realizzarne la mission.

PERCHÉ TECNOVISIONARIE HA PREMIATO PAOLA CORNA PELLEGRINI

La giuria de “Le Tecnovisionarie2018” ha premiato Paola Corna Pellegrini per aver promosso una cultura aziendale innovativa e digitalizzata. Tra le iniziative più rilevanti, lo sviluppo dell’InnovationLab@AllianzPartners, un progetto che grazie al continuo dialogo tra azienda e università, ha saputo arricchire i servizi digitali di Allianz Partners migliorando l’user experience anche delle nuove generazioni.

“Sono particolarmente lusingata per aver ricevuto questo riconoscimento che premia lo sforzo di anni nello sviluppare all’interno dell’azienda una cultura dell’innovazione di cui sono fautrice da sempre”, ha commentato Paola Corna Pellegrini. “Per noi la customer experience passa attraverso un cambio di paradigma che vede oggi la triade di assicurazione, servizio e tecnologia alla base di tutte le nostre offerte finalizzate a soddisfare e ad anticipare le esigenze dei clienti, Business Partner o consumatore finale”.

CHE COSA FA ALLIANZ PARTNERS

Dedicata ad assicurare protezione e cura in tutto il mondo, Allianz Partners offre soluzioni di assistenza ed assicurative a persone ed aziende nelle seguenti aree di competenza: assistenza, international health, automotive e assicurazione viaggio. Queste soluzioni, che rappresentano una combinazione di assicurazione, servizio e tecnologia, sono disponibili per i business partner o attraverso i canali digitali e diretti, con i quattro brand commerciali: Allianz Assistance, Allianz Care, Allianz Travel e Allianz Automotive. La famiglia globale conta oltre 19.000 dipendenti, è presente in 78 paesi, parla 70 lingue diverse e gestisce 54 milioni di casi all’anno, proteggendo clienti e dipendenti in tutti i continenti.

In Italia Allianz Partners è presente con le due sedi di Milano e Casarano, con oltre 700 collaboratori, di cui oltre 230 nel Contact Center e 220 nella Centrale Operativa che supportano quotidianamente i clienti, 24h/24 per 365 giorni l’anno, gestendo complessivamente più di 6,5 milioni di chiamate e circa 600 mila casi all’anno.

ALLIANZ PARTNERS: CO-INNOVATION E OPEN INNOVATION

Allianz Partners ha dimostrato di essere impegnata in varie iniziative di open innovation e co-innovazione. In particolare ha continuato a stringere accordi e partnership con altri soggetti per raggiungere obiettivi comuni. Come si legge in un comunicato di Assinews.it, nel 2018 Allianz Partners ha firmato un contratto con Samsung per un programma di copertura assicurativa rivolta all’elettronica di consumo per telefoni cellulari, nonché con AliExpress, fornendo copertura assicurativa ai clienti che utilizzano il proprio cellulare per fare acquisti. Allianz Partners ha inoltre perfezionato vari accordi con eBay, Huawei e Oppo.

Nei servizi finanziari digitali, Allianz Partners, in collaborazione con VISA, ha sviluppato una soluzione di pagamento innovativa, Allianz Prime: una carta di pagamento virtuale che consente pagamenti veloci, semplici e sicuri via mobile, online o in negozio. Nel corso del 2017, Allianz Partners ha collaborato con i principali player Fintech in rapida crescita in Europa, come N26 e Revolut, fornendo loro servizi di assistenza aggiuntivi in materia di viaggi, assistenza medica, protezione degli elettrodomestici e dispositivi mobile o digital risk.

Allianz Partners promuove inoltre la diffusione di nuove forme di mobilità collaborando con i principali attori del settore automobilistico. Dal 2017 è il partner assicurativo esclusivo di car2go in Europa, dimostrando un approccio innovativo attraverso l’adozione della struttura tariffaria “car-to-minute” di car2go per la responsabilità civile.

Il gruppo offre inoltre soluzioni assicurative come l’estensione di garanzia per Tesla, per le auto connesse, basate sul “pay-as-you-drive” o sulla soluzione “pay-how-you-drive”, in collaborazione con marchi automobilistici come Opel e Seat. Parte del portafoglio è anche una soluzione assicurativa globale per i veicoli autonomi di EasyMile, pioniere francese nella mobilità sostenibile. L’assistenza stradale on-demand è ora disponibile in Cina, dove Allianz Partners ha lanciato un nuovo servizio con la piattaforma cinese di noleggio veicoli LeCheBang e presto con Waze in Europa.

Luciana Maci

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati