REPORT

Export digitale, i valori crescono ma le PMI non hanno una strategia sulle vendite online

Le vendite online all’estero, sia B2C sia B2B, sono ancora poco sfruttate dalle PMI italiane. I valori crescono, ma solo per l’aumento dei prezzi. Mancano strategie, competenze e risorse. I risultati e le analisi dell’Osservatorio Export Digitale del Politecnico di Milano

Pubblicato il 06 Giu 2023

Export digitale

Export digitale, un’opportunità che le PMI italiane ancora non riescono a cogliere.  C’è uno spazio di crescita sui mercati internazionali che le piccole e medie imprese non vedono e non sanno sfruttare per mancanza di una strategia digitale che permetta di usare i canali di vendita online, sia nel B2C sia nel B2B. Lo confermano i dati e le analisi dell’edizione 2023 dell’Osservatorio Export Digitale del Politecnico di Milano, da cui emerge ancora un difficile rapporto fra innovazione e PMI.

Export digitale, è meno del 9% dell’export italiano

L’export digitale italiano dei beni di consumo in maniera diretta (cioè B2C, tramite sito proprio o marketplace) o intermediato (B2B2C, tramite retailer online) nel 2022 ha raggiunto il valore di 18,7 miliardi, in crescita del 20,3% rispetto al 2021 (in linea con la performance complessiva dell’export italiano), per un aumento annuo di circa 3 miliardi di euro, raggiungendo una quota pari all’8,8% dell’export italiano complessivo. I settori più rilevanti sono il Fashion, 10,1 miliardi di euro, il 54% del totale, il Food & Beverage, 2,6 miliardi di euro, +18,2% rispetto al 2021, e l’Arredamento, 1,3 miliardi di euro, in crescita del +13% rispetto al 2021.

Export digitale B2B, 175 miliardi di euro nel 2022

Sul fronte del commercio tra aziende, invece, l’export digitale B2B ha raggiunto nel 2022 il valore di 175 miliardi di euro, in crescita del +20% rispetto ai 146 miliardi del 2021, pari a circa il 28% del totale dell’export italiano). In termini di incidenza, i settori che pesano di più sono l’Automotive (38 miliardi di euro, 22% del totale), il Fashion (26 miliardo di euro, 15% del totale) e la Meccanica (17,8 miliardi di euro, 10% del totale), ma le crescite maggiori si riscontrano nel Farmaceutico (+47%), nell’Elettronica di consumo (+21%) e nel Fashion (+20%).

L’importanza dell’export digitale

“Nonostante lo scenario economico negativo, nel 2022 le esportazioni italiane sono cresciute notevolmente, più per l’aumento dei costi di produzione e dei prezzi che dei volumi: se i brand italiani non hanno osservato un aumento degli ordini cross-border, sono comunque riusciti a mantenere le loro quote di mercato – spiega Riccardo Mangiaracina, Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Export Digitale -. In un contesto turbolento, il canale online rappresenta opportunità non ancora pienamente compresa dalle PMI per raggiungere mercati lontani, conoscere meglio i propri clienti e ottimizzare i processi di vendita. Oggi, più che mai, è necessario creare cultura e diffondere conoscenza per agire con consapevolezza in una strategia di Export digitale”.

I paesi per l’export online

L’Osservatorio ha elaborato un indicatore per identificare i paesi di maggiore interesse per l’export digitale italiano, tra 20 principali economie mondiali. Ai primi posti, in questa particolare classifica, si trovano Stati Uniti, UK, Germania, Svizzera, e Francia, una classifica che rispecchia l’attuale elenco dei principali paesi destinatari dell’export complessivo italiano. Proseguendo nel ranking, emergono paesi come Singapore (6/20), Canada (7/20) e Corea del Sud (8/20) grazie a ottimi punteggi in ambito commerciale, infrastrutturale (sia ICT che logistico) e amministrativo. Importanti partner commerciali, come la Spagna, si posizionano più in basso nel ranking (11/20) per basse performance economiche e regolamentari e una penetrazione del mercato e-commerce contenuta.

La maturità delle PMI nell’export online

L’Osservatorio ha sviluppato una mappatura per misurare il livello di maturità su 6 aree funzionali che caratterizzano una strategia di export digitale, da cui emerge che la maggioranza delle PMI si colloca in stadi iniziali di maturità per molte delle dimensioni indagate. I livelli di digitalizzazione più bassi nell’adozione di canali di vendita digitali, nell’uso di tecnologie a supporto dell’export e nell’utilizzo di cruscotti di indicatori strutturati per la valutazione dei progetti di internazionalizzazione.

Questo fenomeno può essere spiegato da una scarsa propensione alla digitalizzazione, frutto di una carenza di competenze sui temi dell’innovazione digitale e tecnologica e di una cultura aziendale ancorata ai paradigmi del passato, nonché da una limitata disponibilità di risorse da allocare. Al contrario, la maggiore maturità si ritrova nel marketing & comunicazione e nella governance del progetto.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

E
Redazione EconomyUp
email Seguimi su

Articoli correlati

Articolo 1 di 3