Cina, il codice della vita eterna (digitale) | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

TECNO-RESURREZIONI

Cina, il codice della vita eterna (digitale)

11 Giu 2013

Nei cimiteri di Shangai e delle altre grandi città è di gran moda: un codice sulle lapidi per poter rivedere e riascoltare i defunti. A Londra invece un’azienda lo fa con un microchip inserito nel granito.

Un Qr code su una tomba cinese
All’ombra de’ cipressi e dentro l’urne confortate di pianto è forse il sonno della morte men duro? Forse sì, ma solo grazie a un disegnino astratto che, lungi dall’avere proprietà esoteriche o magiche (anche se per qualcuno la tecnologia è pur sempre una stregoneria), è semplicemente la rappresentazione grafica di un codice. Si chiama QR, Quick Read, e sempre più spesso si trova anche sui giornali per consentire ai lettori, inquadrandolo con la fotocamera del proprio smartphone, di accedere a contenuti multimediali extra. Nel caso in questione, il contenuto del QR è lo stesso dell’urna confortata di pianto: il caro estinto stesso. Che, senza nemmeno disturbarsi a gridare “Lazzaro, vieni fuori!”, risorge a nuova vita (digitale) tornando a elargire ai congiunti sorrisi, consigli, parole di conforto, magari anche qualche allegra canzoncina o qualche fiaba per i nipotini… Insomma, il trapassato rivive in qualsiasi forma si possa registrare su un computer: mancheranno forse abbracci, coccole e carezze, ma a chi importa nell’era in cui la felicità è un “like” su Facebook?

L’idea del morto risorto in digitale, benché non nuova (da qualche anno esistono negli States diverse imprese di pompe funebri che offrono questo servizio, e a Londra ha vinto il Contactless & Mobile Innovation Award 2013 un’azienda che resuscita i morti nello stesso modo ma grazie a un microchip affogato nel granito invece che con un QR) è diventata una vera e propria moda in Cina, dove i cimiteri di Shanghai, Shenyang, Xiamen e Fujian sono ormai invasi da codici bidimensionali che riportano in vita perlopiù celebrità, vip e ricconi, ma in molti casi anche gente comune che cerca, in questo modo, di esorcizzare la paura del trapasso. Da sempre, infatti, uno dei timori della morte non è legato alla paura di essere dimenticati? Beh, d’ora in poi niente più oblio grazie al QR: per risentirsi i consigli del nonno o ritrovare la simpatia della suocera, basta andare al cimitero e accendere il telefonino.

Nel frattempo, mentre i congiunti si consolano con foto e video del trapassato, chissà che il caro estinto trasformato in digitale non sia finito in un mondo illusorio dove si possono schivare i proiettili rallentando il tempo… Perché a quel punto il biblico “polvere sei e polvere tornerai” andrebbe riformulato in “reale sei e matrix diventerai”. E l’inventore della resurrezione via QR avrebbe senza dubbio diritto al premio Innovazione per aver tolto all’uomo ogni speranza di avere pace almeno nell’aldilà.

Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

  • Sgt.Mat

    Già, anche in Italia qualcuno ha avuto questa curiosa idea: http://www.kuerbo.it/ Bha, chissà come andrà a finire…

Articoli correlati