Unicredit lancia il primo hub per le imprese italiane in Bulgaria | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Internazionalizzazione

Unicredit lancia il primo hub per le imprese italiane in Bulgaria

30 Ott 2014

L’istituto di credito ha inaugurato a Sofia l’UniCredit International Center, una struttura per supportare le aziende tricolori che vogliono espandere il proprio business nel Paese dell’Europa Orientale. Sarà un “temporary office” dotato di spazi e di facility logistiche in cui saranno organizzati eventi tematici e di networking

Nasce a Sofia il primo business center di UniCredit a disposizione delle aziende italiane che vogliono espandersi ed entrare in Bulgaria e nei Paesi Balcanici. L’UniCredit International Center, questo il nome della struttura inaugurata il 30 ottobre, sarà un hub di sostegno alla clientela della banca che svolge attività di business nel Paese. Si configura come un temporary office dotato di spazi e di facility per le aziende che vogliono internazionalizzarsi in Bulgaria.

La creazione dell’UniCredit International Center è una delle tappe del progetto di supporto all’internazionalizzazione delle imprese italiane portato avanti dall’istituto di credito. L’iniziativa fa leva sull’ampiezza della rete UniCredit nel mondo (un network internazionale distribuito in 50 Paesi, 17 dei quali con una banca commerciale radicata sul territorio). In Bulgaria l’istituto è presente con UniCredit Bulbank.

I Paesi Balcanici in generale e la Bulgaria in particolare, rappresentano un’area di interesse per l’imprenditoria italiana – soprattutto per le Pmi – in virtù della loro collocazione geografica e di una serie di vantaggi. Il Paese, membro dell’Unione europea, offre diverse opportunità di business. I settori economici predominanti per le aziende italiane sono quelli delle costruzioni, tessile ed energia.

Con un Pil di circa 40 miliardi di euro e un’inflazione limitata, la Bulgaria avrà in dotazione fondi dall’Ue per oltre 14 miliardi di euro fino al 2020. Nel World Competitiveness Index del World Economic Forum si posiziona al 54° posto (54/148), mentre nell’indice di facilità di fare impresa nel 2013 occupa la 58° posizione su 189 Paesi. Tra i vantaggi competitivi, oltre alla stabilità del cambio, legato all’euro, esiste una tassazione fiscale agevolata e un costo competitivo della manodopera anche per i lavori qualificati.

L’Italia è oggi uno dei principali partner commerciali di tutti i Paesi dell’Europa sudorientale. Nel corso del 2013, l’export italiano verso quell’area ha raggiunto i 13,6 miliardi di euro, un valore superiore a quello generato nello stesso periodo dall’export verso la Cina o verso l’India e il Brasile insieme.

Le imprese italiane attualmente presenti in Bulgaria sono più di 1.000, mentre l’interscambio con l’Italia – terzo partner commerciale del Paese – è di 4,2 miliardi di euro. La quota italiana di export (cioè quanto l’Italia esporta rispetto all’import bulgaro complessivo) è superiore al 7%, un valore più che doppio rispetto alla presenza del Made in Italy nel mondo.

UniCredit Bulbank è la prima banca del Paese, con una quota di mercato di circa il 15%, ha una forte presenza territoriale (oltre 200 filiali) ed è leader nel corporate banking sull’intera gamma di soluzioni finanziarie a supporto delle imprese. UniCredit Bulbank serve 1860 aziende internazionali, di cui 580 italiane che si sono internazionalizzate nel Paese.

L’UniCredit International Center – oltre a mettere a disposizione facility logistiche – organizzerà occasioni di business to business networking, eventi tematici di settore, iniziative di co-marketing che andranno ad affiancarsi alle competenze degli specialisti di UniCredit nella consulenza, nel supporto legale e fiscale alla costituzione di società e nella creazione di relazioni con le autorità locali.

Maurizio Di Lucchio

Articoli correlati