Fintech, le migliori 250 aziende nel mondo: ecco dove sono e quanti soldi hanno raccolto dal 2013 | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

Fintech, le migliori 250 aziende nel mondo: ecco dove sono e quanti soldi hanno raccolto dal 2013

24 Ott 2018

Dalle startup early stage agli unicorni, che sono 25, una lista di CB Insights raccoglie le società che stanno portando la disruption nei servizi finanziari. Negli ultimi 5 anni hanno raccolto circa 53 miliardi di dollari di finanziamenti. L’unica italiana presente è Satispay

Hanno raccolto circa 53 miliardi di dollari di finanziamenti dal 2013 a oggi, e annoverano startup early stage così come unicorni: sono le aziende della lista Fintech 250 del 2018, stilata da CB Insights, le più prestigiose del settore fintech nel mondo. (Clicca qui per leggere il report in versione completa)

La lista raccoglie a livello mondiale le più prestigiose aziende impegnate nello sviluppo di una tecnologia finanziaria innovativa.

“Dopo aver selezionato nel 2017 le prime Fintech 250, abbiamo visto queste aziende raccogliere complessivamente 23 miliardi di dollari, inclusi 30 round superiori ai 100 milioni di dollari. 22 delle “Fintech 250” hanno già fatto exit, metà tramite IPO” ha detto Anand Sanwal, CEO di CB Insights. E ha aggiunto: “Quest’anno abbiamo aggiunto 113 nuove società alle Fintech 250 selezionate grazie all’algoritmo Mosaic di CB Insights, e il risultato finale è un gruppo ampio che copre tutti i segmenti della tecnologia applicata alle assicurazioni al banking fino al mercato dei capitali. Siamo impazienti di seguire i successi di questo nuovo gruppo di aziende”

Il team di ricerca di CB Insights ha selezionato le società Fintech 250 sulla base di diversi fattori, tra cui i dati presentati da ciascuna azienda e il loro Mosaic Score. Il punteggio Mosaic, basato sull’algoritmo di CB Insights, misura la salute generale e il potenziale di crescita delle aziende. Attraverso questo approccio, basato su evidenze e dati statistici, il punteggio Mosaic può aiutare a prevedere il momento di crescita di una società, in base al contesto generale e alla sostenibilità finanziaria.

Ecco, allora, le 250 società fintech nel mondo selezionate da CB Insights:

 

Clicca qui per vedere l’immagine 

 

I NUMERI della lista Fintech 250 di CB Insights

Ecco tutti i numeri che emergono dal report di CB Insights

Unicorni: 30 delle società della “Fintech 250” hanno raggiunto una valutazione di 1 miliardo di dollari o superiore, entrando così nel club degli “unicorni”.

Trend di finanziamento: dal 2017, queste 250 società hanno raccolto finanziamenti per 31,85 miliardi di dollari in 373 deal.

Mega round: da metà ottobre 2013 a metà ottobre 2018 ci sono stati ben 83 mega round (superiori a 100 milioni di dollari) nelle 250 società della lista, e 33 di questi sono avvenuti nel 2017.

Fuori dagli Usa: il 44% delle società della “Fintech 250” edizione 2018 hanno sede fuori dagli Stati Uniti. la Gran Bretagna è la patria della maggior parte delle aziende non-Usa della lista, seguita dall’India.

I maggiori investitori VC: il maggior investitore nelle aziende della “Fintech 250” è Ribbit Capital, che ha finanziato diverse società dell’elenco compresi Nubank, Revolut, and PolicyBazaar (nuovi unicorni del 2018) e società che sono tornate nuovamente a far parte della lista come Robinhood, Wealthfront, Gusto, Coinbase, Cross River Bank, e Upgrade.

Il maggior finanziamento: Ant Financial ha raccolto un finanziamento (serie C) senza precedenti di 14 miliardi di dollari nel 2 quadrimestre 2018, che ha coinvolto tra gli altri finanziatori anche General Atlantic, Warburg Pincus, GIC, Sequoia Capital China, Silver Lake Partners, T. Rowe Price, Temasek Holdings, e Primavera Capital Group.

La società più finanziata: Ant Financial è anche la società più finanziata della “Fintech 250”, avendo raccolto circa 19,1 miliardi di dollari in 4 investimenti.

Fintech, tutto quel che fa Alibaba in Cina con Ant

Satispay, l’unica fintech italiana nella lista di CB Insights

Satispay, l’azienda italiana che sta rivoluzionando il settore dei pagamenti, è l’unica società italiana a entrare nella lista Fintech 250 2018 stilata da CB Insights. La società viene riconosciuta così come una tra le principali società fintech mondiali a più rapida crescita, al fianco di grandi colossi già attivi in tutto il mondo.

Guarda la videointervista ad Alberto Dalmasso, co-founder e CEO di Satispay

Satispay è un servizio di mobile payment basato su un network alternativo alle carte di credito e debito: libero, efficiente, gratuito e sicuro. Disponibile per iPhone, Android e Windows Phone, può essere utilizzato da chiunque abbia un conto corrente bancario per scambiare denaro con i contatti della propria rubrica telefonica e pagare nei punti vendita ed e-commerce convenzionati con la stessa semplicità con cui si invia un messaggio. Per gli utenti il servizio è completamente gratuito, non ci sono infatti costi di iscrizione, di invio o ricezione pagamenti. Per gli esercenti aderenti al servizio non sono previsti costi di attivazione o canoni mensili ma soltanto una commissione fissa di 0,20 € per i pagamenti superiori a 10 €: tutti gli incassi inferiori a questa soglia non hanno alcuna commissione.

Satispay, una startup da 100 milioni: chiude un round da 10 e nel 2019 punta a 50

 “È un grande onore essere stati notati e inseriti nella lista mondiale Fintech 250 di CB Insight, insieme alle più importanti realtà innovative protagoniste del fintech internazionale” dice Dalmasso. “Il nostro obiettivo è sempre stato quello di sviluppare un modello che cambiasse radicalmente la gestione del denaro per tutti, semplificandola. Essere in questa lista ci conferma una volta di più che la nostra missione ha un significato e un valore per il mercato domestico così come per quello internazionale, ed è un ulteriore elemento di spinta e motivazione per tutto il team verso il raggiungimento degli ambiziosi obiettivi che ci siamo posti”. 

Oltre agli evidenti vantaggi economici, Satispay consente anche di migliorare l’esperienza del cliente, rendendo più rapido ed efficiente il pagamento e riducendo i tempi di attesa alla cassa. Sono questi i motivi che convincono piccoli negozi e grandi brand a integrare Satispay come sistema di pagamento, tra questi: Esselunga, Coop, Eataly, Pam, Yamamay, Motivi, Trenord, Benetton, Caffè Vergnano, Venchi, Grom, MyChef, Gruppo Cigierre, Total Erg, Kasanova, Repsol, Freddy, Moleskine, Arcaplanet, MC2 St. Barth, Sorelle Ramonda, Vivigas. Satispay è integrato anche con PagoPA per i pagamenti di multe, tasse, bolli e ticket sanitari, che possono essere effettuati direttamente dall’area Servizi dell’app, dove è attivo anche il servizio di ricariche telefoniche per tutti i principali operatori.

Satispay, la startup per dire addio ai contanti fa pagare il pieno con lo smartphone

Satispay SpA è una startup innovativa frutto dell’intenso lavoro di un team di giovani italiani. Grazie a diversi round di finanziamento, la società ha raccolto ad oggi complessivamente circa 42 milioni di Euro.

 

Articoli correlati