DoveVivo, 72 milioni per l'espansione all'estero della startup italiana del co-living | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PROPTECH

DoveVivo, 72 milioni per l’espansione all’estero della startup italiana del co-living



La società, che consente di affittare stanze secondo il modello del co-living ma anche di investire sull’immobiliare in modo innovativo, ha ottenuto 50 milioni in equity e 22,5 milioni in linee di debito da illimity Bank. Principale finanziatore, dopo gli stessi founder Fonseca e Maggio, è Tikehau Capital

29 Lug 2019


Arrivano 72 milioni di euro per DoveVivo, co-living company italiana. La realtà del proptech (tecnologia applicata al settore immobiliare) ha chiuso una raccolta di capitali ripartita in circa 50 milioni di equity e 22,5 milioni di linee di debito assicurate da illimity Bank.  Ora l’obiettivo è dare nuovo impulso alla crescita della società, che punta all’espansione in Italia e all’estero.

Per la parte di equity, l’operazione è stata sottoscritta per 29 milioni di euro da Tikehau Capital, un gruppo di alternative asset management quotato all’Euronext di Parigi, attraverso Tikehau Growth Equity II, un fondo di private equity pan europeo specializzato in investimenti a sostegno della crescita di aziende. Si sono uniti alla cordata anche ISA – Istituto Atesino di Sviluppo SpA – e Seac Fin SpA per un totale di oltre 7 milioni di euro. Si è aggiunta all’aumento di capitale per circa 12 milioni di euro anche DV Holding SpA, holding dei due founders Valerio Fonseca e William Maggio, che restano quindi alla guida del gruppo. L’aumento di capitale è stato aperto anche a tutto il team DoveVivo che investirà circa mezzo milione di euro.

Che cosa fa DoveVivo

DoveVivo è una delle poche fast growing company italiane inserite per tre anni consecutivi nella classifica FT1000: Europe’s Fastest Growing Companies. Negli ultimi 5 anni ha registrato +40% cagr del giro d’affari. Fondata nel 2007, oggi gestisce un portafoglio di circa 1.000 abitazioni in 5 città, grazie a un network di oltre 350 proprietari e investitori ai quali offre un servizio di gestione e valorizzazione immobiliare che massimizza il profitto nel lungo termine, riducendo al minimo rischi e oneri. I clienti finali costituiscono una community di oltre 4.000 inquilini che riconosce in DoveVivo un punto di riferimento per vivere in città, permettendo di concentrarsi su studio e lavoro.

DoveVivo consente all’utente di trovare la stanza ideale. Può scegliere di affittare una camera singola o una camera in condivisione a Milano e hinterland, Bologna, Roma, Torino e Como. Tutte le camere in affitto sono all’interno di case ristrutturate, ben arredate, dotate di wi-fi e di tanti servizi. La formula offerta è all-inclusive, comprende anche le spese e non ha costi di agenzia.

Che cos’è Tikehau Capital

Tikehau Capital è un gruppo di asset management ed investimento con 22,4 miliardi di euro in gestione ed un patrimonio netto pari a 3,0 miliardi di euro (al 31 marzo 2019, incluso l’aumento di capitale conclusosi a giugno 2019). Il Gruppo investe in diverse asset class che includono private debt, real estate, private equity e strategie liquide, per conto di investitori istituzionali e privati. Controllato dai propri manager insieme ad alcuni primari partner istituzionali, Tikehau Capital impiega oltre 440 persone (al 31 marzo 2019) nei suoi uffici di Parigi, Londra, Bruxelles, Madrid, Milano, New York, Seoul, Singapore e Tokyo.

Che cosa farà DoveVivo con i nuovi fondi

Grazie a questa operazione, la società intende portare avanti un piano industriale ambizioso che punti a posizionarla come player di riferimento nel co-living in Europa per studenti e young professional. La crescita – che avverrà sia per linee interne che esterne – sarà basata su tre direttrici principali: incremento degli asset immobiliari in gestione, sviluppo di business addizionali come lo student housing e internazionalizzazione, puntando a chiudere il 2023 a oltre 150 Milioni di fatturato dai 21 milioni di euro del 2018.

“Siamo orgogliosi di aver raccolto intorno al progetto un azionariato così importante, qualificato e sinergico che promuove un modello di impresa inclusiva nella quale io e William abbiamo sempre creduto” ha commentato Valerio Fonseca, CEO di DoveVivo. “Questa operazione è una pietra miliare nella costruzione di una DoveVivo Corporate: una realtà con una identità distintiva, un piano chiaro, un’organizzazione forte senza pari in Italia e in Europa nel proprio settore. La nostra ambizione è diventare la casa per una community di decine di migliaia di studenti e giovani professionisti accompagnandoli nella loro esperienza di vita in condivisione. Il mio principale ringraziamento va a tutto il team per l’entusiasmo, la qualità e la determinazione che mette a disposizione di questo progetto ogni giorno”.

Luca Bucelli, Head of Tikehau Capital in Italia, ha aggiunto: “Siamo entusiasti alla prospettiva di supportare lo sviluppo di DoveVivo in Italia ed in Europa. DoveVivo rappresenta la nostra prima operazione di growth equity in Italia, e sintetizza perfettamente le caratteristiche che cerchiamo nei nostri investimenti: società leader ad alta crescita e profittabilità, mercato di riferimento sostenuto da evidenti macro trend positivi, management team fenomenale e fortemente allineato, e concreti elementi che, come investitore istituzionale, possiamo portare sul piatto oltre al capitale”. “

Siamo felici di contribuire allo sviluppo di un progetto imprenditoriale altamente innovativo. DoveVivo, società pioniera di un nuovo modello abitativo, si pone in tal modo l’obiettivo di rendere sempre più efficiente e trasparente il mercato immobiliare, creando vantaggi sia per i proprietari degli immobili che per gli inquilini” – commenta Ilaria Vescovi, Presidente di ISA. A seguito dell’aumento di capitale DoveVivo vede DV holding come controllante al 61%, Tikehau secondo azionista al 19%, ISA al 5% e la restante quota di capitale suddivisa fra altri investitori, dipendenti e business angels per circa il 15%.