Una pezza sulla ruota bucata di un'auto pronta per lo sfascio | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Decreto Lavoro

Una pezza sulla ruota bucata di un’auto pronta per lo sfascio

01 Lug 2013

Gli incentivi decisi dal governo rischiano di favorire lo sviluppo di lavoratori despecializzati. Dietro sembra esserci la visione di un popolo largamente impiegato nelle fabbriche. Ma le nostre industrie devono essere altre: dal turismo alle green technogies, dal design alle nanotecnologie

Una pezza sulla ruota bucata di un’auto pronta per lo sfascio. Capisco l’emergenza sociale, ma il Decreto Lavoro si occupa solo di rimpolpare la classe operaia favorendo l’assunzione di quelli che diventeranno lavoratori despecializzati.

In realtà abbiamo drammaticamente bisogno di un approccio opposto: dobbiamo tracciare una visione futura dell’intero sistema dell’economia italiana, di definire un’economia sostenibile e fondata sulle nostre peculiarità e sul ruolo che riteniamo di poter avere nel Mondo, per poi agire di conseguenza sul piano legislativo.

La politica italiana sembra ancora legata alla visione di un popolo largamente impiegato in fabbriche di automobili ed industrie siderurgiche, una versione povera e malandata del modello tedesco.

Mentre le nostre industrie trainanti, su cui non avremmo concorrenza, dovrebbero essere ben altre: Turismo, Enogastronomia, Design e Servizi alla Persona, unite a comparti avanzatissimi della ricerca come le Life Sciences, tutte le Green Technologies e le Energie Rinnovabili, le Nanotecnologie, fino ad Avionica e Difesa. L’Italia ha bisogno di essere ridisegnata intorno a questi comparti.

Gianmarco Carnovale

  • Nasini

    Eppure, basterebbe poco. Un po’ di miopia in meno, un po’ di vision di medio periodo il più, un pizzico di coraggio che i nostri governanti non hanno mai avuto negli ultimi trent’anni.

    Anche quella degli attuali occupati in settori non salvabili è un falso problema, almeno in buona parte: basterebbe avviare dei seri piani di formazione ed aggiornamento, gestiti da formatori validi, ed in breve tempo avremmo cervelli e braccia per i nuovi lavori. E per qualcuno di quelli vecchi, che opportunamente valorizzati (anche dal punto di vista sociale) hanno ancora un enorme mercato.

    Ma la formazione fa paura da sempre, c’è il rischio che qualcuno poi inizi persino a ragionare con la sua testa.