Porsche progetta l'auto del futuro con una startup della Sapienza di Roma | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OPEN INNOVATION

Porsche progetta l’auto del futuro con una startup della Sapienza di Roma

di Concetta Desando

31 Ago 2017

La holding che controlla anche Volkswagen e Audi ha affidato la realizzazione di software per la mobilità intelligente a PTV. Un’altra società che ha in pancia SISTeMA, spinoff dell’ateneo romano nato per sviluppare soluzioni per prevedere il traffico e gestire la mobilità. Il founder Guido Gentile racconta com’è andata

Porsche è pronta a giocare la sua partita sull’auto del futuro grazie a uno spinoff italiano. Si chiama SISTeMA, e la sua storia passa da un’acquisizione all’altra. “Una startup può avere tutte le tecnologie del mondo e le migliori intelligenze a disposizione, ma se non è supportata da un’azienda che ha in mano il mercato e che ha la possibilità di finanziarla nel momento in cui ha bisogno di progredire, non va da nessuna parte”. Guido Gentile ne è convinto. E quando presenta SISTeMA, spinoff dell’Università La Sapienza che sviluppa soluzioni per l’ingegneria dei sistemi di trasporto e infomobilità, dice: “Questa è la storia del pesce piccolo che mangia il pesce grande”. Un modello che può funzionare. Anche per uno spinoff. Non a caso oggi SISTeMA è stata acquisita dalla società tedesca Ptv che a sua volta è stata rilevata da Porsche se.

Guido Gentile, founder di SISTeMA

Ma andiamo con ordine. Docente di Ingegneria dei Trasporti alla Sapienza, alla fine del 2009 Guido Gentile fonda con i colleghi Lorenzo Meschini e Natale Papola, uno spinoff che realizza software per le centrali del traffico: “ci occupiamo sia di monitoraggio che di controllo, dai semafori al trasporto pubblico” spiega. Alla fondazione dello spinoff partecipa, oltre all’ateneo romano, Ptv, società tedesca che realizza software per la logistica e la pianificazione dei trasporti. “È stato il nostro primo asso nella manica – racconta il docente -. Il dipartimento di ingegneria della Sapienza conosceva già la società tedesca e la sua fama di leader mondiale nel settore. In passato si era rivolta a noi proprio per sviluppare alcune tecnologie. Quando gli abbiamo proposto l’idea dello spinoff ha sposato l’iniziativa con entusiasmo” continua Gentile. Ptv, dunque, entra nel capitale di SISTeMA e, già dopo un anno, ha il 50% della società. “È stato un processo di acquisizione progressiva e di open innovation. Una volta giunti sul mercato, ci siamo resi conto che le commesse italiane non bastavano. Per crescere avevamo bisogno di una visione globale. Così, i docenti soci hanno venduto le proprie quote a Ptv Group, pur rimanendo all’interno del team; poi è stata la volta della Sapienza”.  Oggi la realtà nata nell’ateneo romano si chiama Ptv SISTeMA e progetta soluzioni software e servizi per la gestione e la previsione del traffico, per la pianificazione dei viaggi e per le applicazioni di info-mobilità. “Offendo strumenti per la stima e la previsione della mobilità di persone e merci vogliamo permettere ai nostri clienti non solo di osservare i dati di traffico, ma anche di ottenere informazioni utili su cui basare le decisioni per la mobilità” continua il docente imprenditore.

Automotive, 7 tendenze che stanno rivoluzionando le quattro ruote

In sei anni, è lo spinoff è diventato un’azienda con oltre 30 dipendenti (molti dei quali provenienti dalla Sapienza e con un dottorato di ricerca alle spalle) e un fatturato di 3 milioni. “Grazie a Ptv abbiamo sviluppato software per il traffico di Dubai, Vienna, Mosca. Il sostegno dell’azienda tedesca è stato fondamentale. Per due motivi: senza l’aiuto di una grossa realtà uno spinoff in Italia è destinato a morire. Le banche non concedono finanziamenti, spesso è difficile avere tutte le caratteristiche per partecipare ai bandi, non si ha la possibilità di assumere personale e quindi di crescere” continua il docente, oggi presidente dello Scientific Advisory Board di Ptv Group. “In secondo luogo un gruppo che sostiene uno spinoff permette a ricercatori e personale con elevate skill professionali di poter lavorare in Italia in un contesto internazionale mettendo a frutto le sue competenze e le sue capacità”.

Imprese e innovazione, 10 casi di open innovation di successo

Nel 2017 inizia il secondo capitolo della vita di SISTeMA. Porsche se acquista PTV e affida al gruppo la realizzazione di software sulla mobilità intelligente. Obiettivo: giocare così la sua partita sul futuro dell’automotive. Per SISTeMA, già in mano a PTV, si tratta dunque di un’acquisizione nell’acquisizione. “Porsche è la holding che possiede uno dei più grandi gruppi automotive del mondo. È proprietaria di Volkswagen, che a sua volta è proprietaria di Audi, Lamborghini, Ducati, giusto per fare qualche nome. Proprio grazie a questo processo di acquisizioni, da semplice spinoff , SISTeMA può partecipare alla trasformazione dell’auto futura, che non sarà più solo motore e quattro ruote, ma intelligenza e software sempre più sofisticati” continua Gentile. Che puntualizza: “Quando le acquisizioni non sono ostili, cioè quando l’azienda acquirente mantiene personale e know how della realtà rilevata, i vantaggi sono tanti per entrambi: da una parte c’è chi ha la possibilità di crescere, dall’altra c’è chi diventa più competitivo sul mercato grazie alle soluzioni innovative sviluppate dalla società acquisita”.

 

  • 264 Share
Concetta Desando
Giornalista

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network

Articoli correlati