Henry Chesbrough: che cosa ci insegna Nokia sulle prospettive di innovazione di Tesla | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANALISI

Henry Chesbrough: che cosa ci insegna Nokia sulle prospettive di innovazione di Tesla



Economista, padre dell’open innovation, Chesbrough spiega su Forbes l’andamento del prezzo delle azioni di Tesla partendo dall’errore commesso da Nokia con l’iPhone e dalle innovazioni dell’azienda di auto, che la porranno sempre in una posizione di leadership

12 Feb 2020


Elon Musk

Tesla e l’innovazione: secondo Henry Chesbrough, economista e autore statunitense, padre dell’open innovation, questa è una prospettiva ancora poco trattata. Ma che potrebbe fare luce sull’andamento del prezzo delle azioni dell’azienda, aumentato di recente per poi precipitare improvvisamente. Firma di Forbes, Chesbrough analizza l’argomento su questa testata. Partendo da un paragone interessante: l’errore commesso da Nokia con l’iPhone. Ecco la sua analisi (qui in versione originale su Forbes).

Chi è il padre dell’open innovation, Henry Chesbrough, e perché la sua teoria aiuta le imprese a crescere

Il prezzo delle azioni di Tesla è aumentato di recente, per poi precipitare improvvisamente. Il valore delle azioni è salito a oltre 960 dollari martedì 4 febbraio ed è sceso a soli 700 dollari due giorni dopo. C’è un grande dibattito sulle prospettive per l’azienda, con “tori” e “orsi” che prospettano visioni diametralmente opposte della società e del suo valore. I rialzisti mettono in luce il crescente flusso di cassa dell’azienda, la sua capacità di produrre centinaia di migliaia di veicoli l’anno (pur ammettendo che c’è stato un agonizzante “inferno produttivo”) e la soddisfazione dei clienti per i loro veicoli. I ribassisti si fanno invece beffe del volume di produzione minuscolo, che è solo 1/10 di quello di Ford o GM, e ritengono che un’azienda così piccola, e ancora non molto redditizia, non possa giustificare un valore di mercato di oltre 100 miliardi di dollari (il valore combinato di Ford e GM). E con decine di veicoli elettrici dei produttori tradizionali in procinto di arrivare sul mercato, la posizione attuale di Tesla potrebbe soffrire molto nel prossimo futuro.

Tesla e l’innovazione

Ma c’è una dimensione in Tesla che non ho visto molto trattata, e che guarda alle prospettive dell’azienda dal punto di vista dell’innovazione. Di recente ho acquistato sia una Toyota RAV4 sia una Tesla Model 3, e l’esperienza di ognuna mi suggerisce che nel dibattito manchi qualcosa di importante. Ma lasciatemi tornare indietro di oltre un decennio per spiegare che cosa manca.

L’errore di Nokia sull’iPhone

Nel 2007, quando uscì il primo iPhone, noi di Berkeley stavamo lavorando a progetti di ricerca sull’innovazione con Nokia, che aprì un laboratorio proprio accanto al campus di Berkeley. I tecnici di Nokia erano ben consapevoli dell’iPhone e procedettero a un’analisi completa del dispositivo. Una volta fatto questo, furono molto sollevati. Ogni componente principale del dispositivo proveniva da un fornitore che Nokia conosceva bene, e Nokia aveva fatto affari con quasi tutti. E, a causa del suo volume di produzione molto più grande in quel momento, Nokia stava ottenendo prezzi migliori sui componenti rispetto ad Apple. Quindi la loro valutazione complessiva fu: bel design, ma niente che non possiamo eguagliare e superare.

Bene, sappiamo tutti come è andata a finire. L’iPhone era molto più di un insieme di componenti. All’epoca il suo software e la sua interfaccia utente erano di gran lunga superiori a quelli di Nokia, e Apple ha investito molto nel migliorare ulteriormente il software con ogni nuova versione dell’iPhone. Quindi il software Nokia (anch’esso migliorato nel tempo) non si è mai avvicinato a quello di Apple. E Apple ha cambiato le basi della concorrenza nel mercato della telefonia, legandola strettamente alla musica, alla fotografia, alle applicazioni di terzi tramite l’App Store, ecc. Nokia aveva anche alcuni di questi stessi elementi, ma non ha mai avuto lo stesso grado di integrazione, di facilità d’uso, che Apple aveva raggiunto. E Nokia non ha mai attratto nulla di simile al volume di fornitori di applicazioni di terze parti sulla piattaforma creata da Apple per iPhone. Anche dopo che l’attività telefonica di Nokia è stata acquisita dalla potente Microsoft, l’azienda non ha potuto raggiungere Apple, nonostante tutto il denaro, l’esperienza e la base di clientela di Microsoft.

Tesla continuerà a migliorare

Guardando indietro, questo ci aiuta a vedere da un’altra prospettiva il dibattito attuale sul prezzo delle azioni di Tesla. Avendo acquistato una Toyota e una Model 3 negli ultimi mesi, posso affermare inequivocabilmente che il software Tesla è molto, molto più avanti di quello di Toyota. L’interfaccia utente di Tesla è abbastanza intuitiva e ritengo che il software sia progettato per rendere la mia vita più semplice e divertente (esiste persino un’applicazione per misurare il rumore delle scoregge, chiamato eufemisticamente “test di emissione”, che Tesla include nel software del veicolo). Il software di Toyota, invece, sembra imbullonato sul veicolo: è talmente ingombrante (interferisce perfino con la connessione del mio iPhone al veicolo e cerca di guidare tutto attraverso il suo software Entune) che ho imparato ad evitare di usarlo ogni volta che posso. Naturalmente, Toyota col tempo migliorerà il suo software. Anche Nokia lo ha fatto. Ma, semplicemente, non riesco a vedere come Toyota possa raggiungere Tesla con il suo software. Tesla continuerà a migliorare e continuerà ad aggiornare il suo sistema operativo da remoto, mentre io, finora, ho scelto di non aggiornare il mio software Entune.

Il valore aggiunto di Tesla

Un’altra dimensione di potenziale valore per Tesla è il valore derivante dall’accumulo dei dati sull’utilizzo dei suoi veicoli. Tesla tiene traccia di tutto ciò che sto facendo, e ha fatto lo stesso con tutti i veicoli che ha venduto. Toyota non lo sta facendo, e sospetto che non saprebbe cosa fare con i dati se anche venissero raccolti. Se e quando grandi quantità di dati validi sull’esperienza utente aiuteranno a creare un nuovo valore per i produttori di auto, Tesla sarà in una posizione di leadership forte. Con una guida autonoma all’orizzonte, i dati di alta qualità saranno fondamentali per il successo nel settore.

Concorrenza e soddisfazione del cliente possono cambiare il mercato

L’esperienza Nokia ci insegna come le basi della concorrenza, dell’esperienza utente e della soddisfazione possano cambiare in un mercato, e come possano farlo in modo relativamente rapido. Ciò è fondamentale da tenere a mente quando si cerca di valutare un’azienda come investitore. Tesla sembra essere in una posizione di leader sia sul software sia sui dati utente/veicolo, rispetto alle case automobilistiche tradizionali, e queste capacità potrebbero diventare ancor più centrali in futuro per il successo aziendale. Se ciò accadrà, sarà un grande vantaggio per Tesla. Ed escludendo gravi scivoloni da parte di Tesla, è difficile immaginarsi come Toyota e gli altri possano recuperare.

Leggi tutti gli articoli su Tesla