Batterie per l’auto elettrica, Toyota e Panasonic insieme per migliorare costi e qualità | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CO-INNOVAZIONE

Batterie per l’auto elettrica, Toyota e Panasonic insieme per migliorare costi e qualità



Joint Venture tra Toyota e Panasonic per le batterie per l’auto elettrica: la nuova società, Prime Planet Energy & Solutions, svilupperà da aprile batterie prismatiche, le cui celle, di forma prismatica, sono contenute in moduli piatti e sottili come le batterie dei cellulari.

04 Feb 2020


Toyota accelera sull’auto elettrica. Dopo aver siglato una partnership con Edison per la mobilità sostenibile, il player giapponese ha annunciato di aver firmato un accordo con Panasonic per la costituzione di una joint venture che avrà il compito di sviluppare, a partire dal mese di aprile, batterie per l’auto elettrica in risposta all’atteso aumento di domanda di questi componenti per via della crescita del settore.

Co-innovazione, Toyota e Edison siglano una partnership per la mobilità sostenibile

Toyota e Panasonic insieme per le batterie prismatiche: che cosa sono

La nuova società, battezzata “Prime Planet Energy & Solutions” (controllata per il 51% da Toyota e per il restante 49% da Panasonic), svilupperà batterie prismatiche (le cui celle, di forma prismatica, sono contenute in moduli piatti e sottili come le batterie dei cellulari) che verranno poi messe a disposizione di tutti i produttori.

Perché puntare sulle batterie per l’auto elettrica

Auto elettrica, che cos’è e come sceglierla: vantaggi e svantaggi di un’innovazione che corre

EVENTO
Quattroruote Professional e l'AI: uno dei casi utenti protagonisti dello streaming IBM Cloud on Air
Automotive

L’obiettivo dichiarato delle due società giapponesi è quello di produrre batterie “economiche, sicure e con qualità e prestazioni eccellenti”, diventando con la loro joint venture tra i principali player al mondo nella produzione di batterie per l’industria automobilistica, elementi fondamentali per spingere sulla commercializzazione e sull’adozione di veicoli elettrici come risposta ai criteri sempre più restrittivi sulle emissioni.

“Le batterie quali come soluzioni per fornire energia alle automobili e varie altre forme di mobilità e come soluzioni per vari tipi di problemi ambientali – hanno spiegato Toyota e Panasonic in un comunicato congiunto – dovrebbero svolgere un ruolo centrale nella società in futuro”.

Panasonic, l’alleato ideale di Toyota

E se Toyota che, con la Prius, è stata tra i pionieri degli ibridi già nel 1997, prevede che nel 2025 la metà delle proprie vendite saranno rappresentate da veicoli elettrici, ed è quindi naturale che investa sul settore delle batterie, Panasonic sembra essere l’alleato ideale. La società è infatti già il fornitore esclusivo di accumulatori per Tesla, che nei suoi veicoli utilizza però batterie cilindriche standard (le 18650 e, per la nuova Model 3, le 21700) collegate in serie, ma ha deciso di espandere la propria quota di mercato dedicandosi alla progettazione e alla costruzione delle batterie prismatiche, che sono largamente più utilizzate nell’industria dell’auto (e in generale dell’elettronica di consumo, come computer e cellulari) grazie alla maggiore capacità, al minore peso e all’utilizzo più efficiente dello spazio. Ma che, al momento, sono anche più care e hanno un ciclo di vita più breve. E quindi riuscire a realizzare pacchi di batterie prismatiche a basso costo e ad alte prestazioni potrebbe rivoluzionare l’industria dell’auto elettrica.

 

Concetta Desando

Due menzioni speciali al premio di giornalismo M.G. Cutuli, vincitrice del Premio Giuseppe Sciacca 2009, collaboro con testate nazionali. Per EconomyUp mi occupo di startup, innovazione digitale, social network