Venture capital: perché Indaco Venture e Invitalia hanno investito 8 milioni su Sweetguest, partner di AirBnb | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MERCATO IMMOBILIARE

Venture capital: perché Indaco Venture e Invitalia hanno investito 8 milioni su Sweetguest, partner di AirBnb



Il più grande fondo di venture capital italiano (con dentro Intesa Sanpaolo e Fondazione Cariplo) è lead investor nel nuovo round di finanziamento per la startup che offre a chi affitta casa su AirBnb una serie di servizi, dal check-in alle pulizie. Co-investitore il fondo di Invitalia. Ora la società punta allo scaleup

29 Apr 2019


Airbnb

I fondi di investimento credono nel mercato immobiliare. Indaco Venture Partners SGR (il più grande fondo di venture capital italiano, lanciato un anno fa), insieme al fondo Italia Venture I ha co-investito 8 milioni di euro in Sweetguest, startup che si occupa della gestione degli affitti a breve e medio termine.

Come è nata e come funziona SweetGuest

Fondata nel 2016 a Milano, Sweetguest offre un servizio di gestione degli immobili a 360 gradi. L’azienda trova espressione nella volontà di valorizzare il patrimonio turistico e immobiliare italiano e nell’offrire soluzioni innovative alle esigenze di un settore in continua evoluzione. Ad aprire la società è stato Rocco Lomazzi, imprenditore all’epoca ventottenne con un passato nel mercato immobiliare. “L’idea di fondare Sweetguest mi è venuta quasi per caso durante il periodo di Expo 2015 – ha spiegato Lomazzi – quando un mio vicino di casa mi ha chiesto di gestire l’affitto del suo appartamento. Da lì è stata un’escalation. Da maggio 2015 a ottobre 2015, con il solo passaparola, sono arrivato a gestire da solo ben trenta appartamenti”. Da qui l’idea di approfondire le opportunità di mercato e metter su un sistema organizzato. “Dopo un’analisi del mercato ho capito che potevano esserci delle opportunità di mercato interessanti, così ho deciso di coinvolgere due miei amici, Edoardo Grattirola e Jacopo Vanetti (già fondatore di Jusp, ndr) per sviluppare un software in grado di sfruttare le potenzialità della piattaforma più conosciuta, ma al tempo stesso più facile da utilizzare, nell’ambito degli affitti a breve termine: Airbnb”.

Sweetguest, un milione per la startup nata grazie ad Airbnb

Sweetguest ottimizza la gestione degli annunci pubblicati su Airbnb fornendo agli host una serie di servizi complementari a quello del portale online. Il proprietario di casa contatta Sweetguest attraverso il sito per avere una valutazione gratuita e, una volta approvata la casa, il sistema si occupa di una serie di azioni per rendere l’immobile più ricercato. L’azienda infatti ottimizza la visibilità e le prenotazioni su Airbnb, affiancando la gestione di servizi operativi necessari per gli affitti: pulizie, servizio lavanderia, shooting fotografico degli spazi, check-in, gestione del rapporto e delle comunicazioni con gli ospiti.

Dopo tre anni di attività, Sweetguest ha quattro sedi, a Milano, Firenze, Roma e Venezia, un team di oltre 40 dipendenti e 50 collaboratori, oltre 12 milioni di euro di valore generato per gli immobili gestiti, più di 90.000 ospiti accolti e più di 1000 immobili gestiti su Airbnb. Sweetguest è stata selezionata da Airbnb come primo partner italiano “Professional Co-Host”, il titolo riconosciuto alle aziende che hanno ottenuto i migliori risultati nello svolgimento del ruolo di “host” Airbnb per conto dei proprietari di immobili e per l’eccellenza nella gestione dei profili e degli immobili, per i risultati e standard qualitativi garantiti sia ai proprietari, sia ai viaggiatori.

[Vuoi sapere cosa c’è dietro a una scaleup che cresce del 50% ogni anno da 6 anni? Iscriviti al webinar “Digital360 si presenta: numeri, persone, modello di business” il 9 maggio dalle 14.00 alle 15.00. QUI il link per l’iscrizione]

Chi ha investito in Sweetguest

Lead Investor del round da 8 milioni di euro è Indaco Venture Partners SGR, con il co-investimento di Invitalia Ventures SGR.

Indaco Ventures I è il più grande fondo di Venture Capital italiano, Ianciato a maggio 2018 da Indaco Venture Partners SGR, gestore indipendente di Venture Capital, specializzato in investimenti in società innovative con focus sulla fase “growth”. Ha un obiettivo di raccolta di 200 milioni di euro, di cui 134 milioni di euro già sottoscritti da Intesa Sanpaolo, Fondo Italiano d’Investimento, Fondazione Cariplo, H-invest e dal management Indaco Ventures I.

Venture capital, al via il più grande fondo italiano (con dentro Intesa Sanpaolo e Fondazione Cariplo)

Invitalia Ventures SGR gestisce oltre 230 milioni di euro con il fondo di venture capital “Italia Venture I”, dedicato a co-investimenti in startup e PMI innovative, e il fondo “Italia Venture II – Fondo Imprese Sud”, che ha l’obiettivo di accelerare la competitività e la crescita dimensionale delle PMI del Mezzogiorno anche attraverso acquisizioni e/o aggregazioni.

L’operazione finanziaria è stata condotta dai due fondi di venture capital, dai due fondatori di Sweetguest Rocco Lomazzi ed Edoardo Grattirola, dal CFO di Sweetguest Pierre-Edouard Jumel e dagli studi legali advisor Orrick e Bird & Bird. Obiettivo: sostenere la leadership dell’azienda sul territorio nazionale, potenziare gli asset aziendali e ampliare le aree di business.

Tutti gli investitori hanno creduto nel progetto e nel piano presentato dalla startup, che prevede uno sviluppo in linea con quello già sperimentato dal 2016 a oggi, che ha portato a decuplicare il fatturato aziendale.

Sweetguest, nuovi fondi per lo scaleup

“Siamo orgogliosi di questo aumento di capitale così importante, che testimonia la fiducia che gli investitori hanno nel nostro progetto, nei risultati ottenuti sino a questo momento e nel nostro piano di sviluppo”, ha dichiarato Rocco Lomazzi, CEO e Founder di Sweetguest. “Grazie al loro supporto siamo certi di poter proseguire una crescita che ci vedrà impegnati nel potenziare la struttura aziendale e continuare a innovare per offrire il miglior servizio sul mercato, tramite una gestione a tutto tondo degli affitti a breve e medio termine”.

Antonella Beltrame, Co-Founder di Indaco Venture Partners, ha sottolineato: “Uno dei più importanti fattori che determinano il successo di una iniziativa sono le persone che la guidano e in Sweetguest abbiamo trovato due imprenditori di talento e determinati. La società, che consente ai proprietari di immobili una gestione flessibile degli affitti a breve e medio termine, ha registrato importanti tassi di crescita, in un settore, a livello internazionale, sempre più caratterizzato dalla presenza di fondi Venture Capital e da operazioni di M&A. Il round servirà per sostenere lo sviluppo commerciale e gli investimenti in tecnologia. In Italia, il mercato ancora frammentato potrebbe consentire una crescita anche attraverso acquisizioni”.

Sergio Buonanno, AD di Invitalia Ventures SGR, ha dichiarato: “In tutto il mondo il settore cosiddetto del property technology o “prop-tech” è in forte crescita e l’Italia rappresenta uno dei principali mercati per il prop-tech turistico. Da qualche anno il settore ha attratto l’interesse dei venture capitalist, anche in Italia, dove tuttavia il panorama delle startup del settore resta ancora immaturo e frammentato. Sweetguest è la prima startup italiana del settore che ha dimostrato grandi capacità commerciali che le hanno consentito di diventare il primo operatore sul mercato italiano in meno di tre anni. Con questo investimento vogliamo sostenere lo sviluppo del leader nel settore, rafforzando la crescita e fornendo all’azienda i capitali necessari per lo scaleup”.