UniCredit Start Lab, ultimi giorni per partecipare alla call per giovani imprenditori | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

IL BANDO

UniCredit Start Lab, ultimi giorni per partecipare alla call per giovani imprenditori

05 Apr 2018

C’è tempo fino al 9 aprile per candidarsi alla quinta edizione del programma di accelerazione per realtà innovative organizzato dalla banca. Settori di riferimento: Life Science, Clean Tech, Digital e Innovative Made in Italy. Ai selezionati traning manageriale, mentorship e supporto finanziario

Scadono il 9 aprile le candidature per partecipare a UniCredit Start Lab, il programma di accelerazione di Unicredit nato per sostenere i giovani imprenditori, l’innovazione e le nuove tecnologie. L’iniziativa dell’istituto di credito guidato dal francese Jean-Pierre Mustier, giunta quest’anno alla sua quinta edizione, si è contraddistinta nel tempo come una delle iniziative di maggior impatto a supporto di startup e pmi innovative italiane, anche grazie alla quantità di organizzazioni che è riuscita a coinvolgere: oltre 350 realtà tra incubatori, acceleratori, parchi scientifici e tecnologici, investitori, corporation. Le candidature possono essere inviate tramite il sito dedicato all’iniziativa “UniCredit Start Lab”.

Potranno iscriversi startup già costituite da non più di 5 anni, pmi Innovative o progetti imprenditoriali in via di costituzione. I settori di riferimento sono Life Science, Clean Tech, Digital e Innovative Made in Italy, che si possono candidare sul sito fornendo tutta la documentazione richiesta

In particolare per innovative Made in Italy si cercano aziende ad alto potenziale in settore chiave dell’imprenditoria italiana, tra cui agrifood, moda, design, nanotecnologie, robotica. Il digital è rivolto a idee imprenditoriali legate a sistemi cloud, hardware, app mobile, internet of things, servizi e piattaforme B2B e fintech). Il clean tech è pensato per progetti in ambito efficienza energetica, energie rinnovabili, mobilità sostenibile trattamento dei rifiuti). Life science è dedicato a progetti di biotecnologie e farmaceutica, medical device, digital health e tecnologie assistive.

Il supporto che offre UniCredit Start Lab ai vincitori non è solo finanziario: le startup vincitrici avranno a disposizione per un anno la possibilità di fruire di training manageriale, di una rete di mentor, che quattro volte l’anno offrono supporto pro-bono, di un Relashionship manager di UniCredit. Potranno inoltre essere selezionate per presentarsi davanti a business angel e fondi di venture capital e partecipare a iniziative con i clienti Corporate di UniCredit qualora vi siano i requisiti. Sempre se ci sono i presupposti, potranno accedere alla piattaforma “Digitalb2b” e utilizzare gli spazi del Business Center UniCredit di Milano come Working Area.

Per iscriversi alla competizione è sufficiente iscrivere il proprio progetto e “uplodare” tutta la documentazione richiesta sul sito www.unicreditstartlab.eu. Il sito accetta le richieste di partecipazione alla call 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana. Per promuovere l’iniziativa UniCredit ha previsto un roadshow che si è svolto in diverse località italiane.

Nel 2017 sono stati selezionati oltre 40 progetti.

Naturale evoluzione di Unicredit Start Lab è un altro progetto appena lanciato da Unicredit, che si chiama Founders’ Club ed è mirato a sostenere le scaleup italiane (le “sorelle maggiori” delle startup) a più alto potenziale nel proprio percorso di crescita e nelle decisioni strategiche che le vedranno protagoniste nell’immediato futuro.

Founders’ Club, ecco il progetto di Unicredit per 50 scaleup italiane

La prima edizione prevede una serie di workshop lungo l’intero arco del 2018 per le 50 scaleup prescelte, impegnandole in 4 workshop tecnici su tematiche finanziarie come ad esempio IPO ed M&A, e in 3 networking dinner, occasioni di confronto per i founder con opinion leader e investitori industriali e finanziari su scala internazionale.

Articoli correlati