Startup, ecco i nuovi spazi del PoliHub | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Ecosistema

Startup, ecco i nuovi spazi del PoliHub

16 Nov 2016

L’incubatore gestito dalla Fondazione Politecnico di Milano il prossimo 21 novembre inaugurerà altri tre piani nella sede del campus Bovisa. EconomyUp ha visionato in anteprima i nuovi uffici e intervistato il CEO Stefano Mainetti, che rilancia: «Le startup cresceranno ancora»

Crescono le startup in PoliHub, l’incubatore gestito dalla Fondazione del Politecnico di Milano, e crescono anche gli spazi. Il prossimo 21 novembre verranno inaugurati altri tre piani della sede nel campus della Bovisa. E così i 1300 metri quadri occupati fin dall’inizio diventeranno oltre 4mila. EconomyUp ha visitato i nuovi spazi in anteprima insieme a Stefano Mainetti, consigliere delegato di PoliHub, che ha raccontato quanto è cresciuto l’incubatore negli ultimi mesi e quali progetti ci sono in cantiere per il nuovo anno.

«Il 21 novembre si avvera quello che nel 2014, quando abbiamo inaugurato la sede, avevamo solo sognato – racconta Mainetti – e cioè riempire tutto l’edificio. Finalmente dopo i tre piani iniziali abbiamo avuto la possibilità di aggiungerne altri quattro. Il messaggio importante che voglio condividere è che le startup incubate continuano a crescere, siamo arrivati a circa settanta realtà incubate e abbiamo altri venti progetti in accelerazione. Tutte idee che sperano di diventare le nuove realtà imprenditoriali di PoliHub, e occupare i nuovi spazi».

Con l’apertura dei nuovi spazi, PoliHub – che converge sempre di più verso la dimensione di “distretto dell’innovazione” ovvero un luogo in cui si incontrano imprese hi-tech e startup e dove andare alla ricerca della ricetta giusta per lo sviluppo, partendo dai contatti e le competenze per arrivare ai capitali. I piani di prossima inaugurazione ospiteranno infatti quelle imprese un po’ più strutturate alla ricerca di spazi di lavoro indipendenti e personalizzabili. «Si tratta di spazi di collaborazione – continua Mainetti – che noi definiamo di distretto, ovvero luoghi in cui ci si può avvalere sempre delle competenze di PoliHub ma perseguendo una propria strategia».

Le porte del “nuovo” PoliHub si apriranno anche a un laboratorio interdipartimentale di neuromarketing: «Ospiteremo startup – spiega Mainetti – che si occupano di fornire servizi particolarmente innovativi presenti sul mercato, che partono dalla tradizionali ricerche e finiscono con un’applicazione che ha il compito di valutare la risposta sensoriale dell’individuo».

A questo punto non resta che aspettare l’appuntamento inaugurale del 21 novembre – che si terrà nella sala Arena in via Durando 39 – per scoprire tutti i dettagli e le ulteriori novità in arrivo per tutti gli attori dell’incubatori. All’evento inaugurale saranno presenti molti dei protagonisti dell’ecosistema dell’innovazione italiano, dalle startup ai giornalisti, passando per gli investitori. Ad aprire i lavori sarà il professor Ferrucio Resta, Delegato del Rettore per la valorizzazione della ricerca e trasferimento tecnologico del Politecnico di Milano, a seguire sarà aperta una serie di tavole rotonde per discutere sui temi legati all’innovazione e all’imprenditorialità moderate dal giornalista del Sole24Ore Luca Orlando.

Ecco il reportage di EconomyUp e l’intervista a Stefano Mainetti:

Fabrizio Marino
Giornalista

Sono stato responsabile della sezione Innovazione e Tecnologia de Linkiesta, ho gestito la comunicazione di Innogest, sono Content Creator per PoliHub. Per EconomyUp mi occupo di innovazione e startup.

Articoli correlati