Open innovation, Zucchetti acquisisce la startup Smart Touch | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Strategie

Open innovation, Zucchetti acquisisce la startup Smart Touch

17 Ott 2016

Il gruppo italiano di software rileva la maggioranza della società fornitrice di un servizio destinato all’industria alberghiera per ordinare con lo smartphone direttamente dal tavolo. L’importo dell’operazione non è stato svelato. È la quarta acquisizione di neo aziende in 3 anni da parte della compagnia

Continua la strategia di open innovation di Zucchetti attraverso acquisizioni di startup e aziende. Il grande gruppo italiano di software con oltre 386 milioni di fatturato e più di 105.000 clienti annuncia l’acquisizione della maggioranza di Smart Touch, startup fondata nel 2013 e specializzata nel Mobile Proximity Commerce & Payment, “Commercio e Pagamenti elettronici di prossimità con dispositivi mobili”, che si sta rivelando un mercato in forte crescita. Smart Touch offre infatti un innovativo servizio di self-ordering di prossimità attraverso il quale i clienti ordinano con il proprio smartphone direttamente dal tavolo. L’idea è nata nel 2012 dall’incontro tra vecchi amici. Al momento dell’acquisizione la startup era composta da 5 soci e 4 collaboratori con competenze complementari ed esperienze professionali in ambiti diversi.

La nuova società costituitasi a seguito dell’operazione, avvenuta tramite aumento di capitale, si chiamerà Zucchetti Smart Touch e giocherà un ruolo importante nel mercato Horeca (Hotellerie-Restaurant-Café, il settore delle imprese alberghiere), con un ampio ventaglio di soluzioni e integrazioni da offrire ai clienti. La cifra dell’operazione non è stata resa nota.

È l’ultima di una serie di acquisizioni da parte del gruppo Zucchetti. Nel 2103 ha acquisito EasyStaff, nel 2014 è stata la volta di Macnil, che offre Gps per flotte aziendali ed è stata co-fondata da Mariarita Costanza, già giurata di Shark Tank Italia. Lo scorso maggio l’acquisizione ha riguardato FABtotum, startup milanese specializzata in stampanti 3D, e a luglio è stato il turno di Getronic, società italiana che produce sistemi di sicurezza per autoveicoli, abitazioni e uffici.

Open innovation, Zucchetti: “Così scegliamo le nostre startup”

“Siamo sicuri che questa acquisizione porterà risultati positivi ai nostri clienti, sempre affamati di novità e

soluzioni all’avanguardia, al passo con il loro business – afferma il presidente Alessandro Zucchetti –. Vogliamo continuare la nostra espansione in questo settore, perché scorgiamo realtà giovani e dinamiche come Smart Touch che hanno tutte le carte in regola per proporre soluzioni innovative al mercato delle PMI e degli utenti”.

“Zucchetti vede grandi possibilità di investimento nel settore della ristorazione: questa è soltanto l’ultima di una serie di acquisizioni che puntano in questa direzione – dichiara Angelo Guaragni, responsabile soluzioni Zucchetti area ristorazione e hospitality –. Lo scorso maggio abbiamo avviato una partnership con Smart Touch per integrare la nostra soluzione gestionale ZMenu con Smart Touch Menu, l’innovativo servizio di self-ordering  di prossimità: questa alleanza è stata l’arma vincente che ci ha permesso di essere scelti proprio perché ci differenziamo dal resto della concorrenza”.

Anche Massimiliano D’Urso, amministratore unico di Smart Touch, si dichiara soddisfatto dell’accordo raggiunto: “In questi mesi, Zucchetti ha dimostrato di apprezzare notevolmente le nostre soluzioni e di voler investire nel loro sviluppo; ora che siamo all’interno di un grande gruppo industriale, il primo in Italia per quanto riguarda il mercato del software applicativo, siamo certi che garantiremo ai nostri clienti maggior affidabilità e visibilità, con la possibilità di continuare a crescere e fare innovazione”. (L.M.)

 


 

Luciana Maci
Giornalista

Ho partecipato al primo esperimento di giornalismo collaborativo online in Italia (Misna). Sono dal 2013 in Digital360 Group, prima in CorCom, poi in EconomyUp. Scrivo di innovazione ed economia digitale

Articoli correlati