Open innovation: un'azienda acquista il brevetto di River Cleaning, startup della green economy | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO

Open innovation: un’azienda acquista il brevetto di River Cleaning, startup della green economy



Dopo aver vinto il contest “Dall’Idea all’Impresa Green” organizzato dall’acceleratore Seedup, River Cleaning, prototipo di mulino galleggiante auto-alimentato dalla corrente fluviale, in grado di intercettare rifiuti e indirizzarli verso un contenitore, ha venduto il brevetto a una società, Mold Srl. Ecco come ha fatto

08 Gen 2020


River Cleaning, una startup uscita da SeedUp, acceleratore di idee con sede a Napoli, ha venduto il proprio brevetto ad un player industriale, Mold Srl per 100mila euro: un caso di open innovation nell’ambito della green economy.

Che cosa fa River Cleaning

Il River Cleaning System è un sistema di pulizia ambientale che sfrutta un piccolo mulino alimentato dalla corrente del fiume e protetto da una cupola trasparente. Sui bordi sono inoltre presenti delle spazzole in grado di intercettare i rifiuti ed impedir loro di proseguire la corsa verso l’oceano mentre sono in acqua. I piccolini mulini sono progettati per essere ancorati al fondo e rimanere a galla: in questo modo tale possono essere sempre visibili per le imbarcazioni in mare. Il sistema è nato dall’idea di Andrea Citton e altri 3 amici di Bassano Del Grappa (Alex Citton, GiorgioMattiello e KrissGheno).

River Cleaning e SeedUp

River Cleaning  è stata vincitrice nell’aprile 2019 della terza edizione del contest “Dall’Idea all’Impresa Green” organizzato da Seedup.

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Alla vittoria, dopo l’usuale fase di due diligence, è seguito l’avvio, a fine giugno, del percorso di accelerazione. Seedup ha assistito River Cleaning mettendo a disposizione il proprio network di riferimento per esplorare ogni possibile iniziativa strategica e commerciale. Intanto veniva ulteriormente sviluppato il prototipo di mulino galleggiante auto-alimentato dalla forza della corrente fluviale, che una volta allineato con altre unità dello stesso tipo permette di intercettare rifiuti galleggianti e indirizzarli verso un contenitore in grado di essere svuotato successivamente senza bisogno di alimentazione esterna e senza manutenzione costante.

Ad inizio anno è stato raggiunto un accordo tra River Cleaning e Vanni Covolo, titolare di Mold Srl, per ottenere il suo aiuto nel progetto. Mold Srl è un’azienda che opera nel settore delle materie plastiche, con particolare attenzione per le soluzioni Automotive, specializzata nella progettazione e creazione stampi. “Vanni ha molta esperienza in progettazione di oggetti fisici e stampi per materie plastiche – sottolinea Andrea Citton – avendo anche lavorato per decenni su progetti Automotive di  Ferrari, Mercedes , Volkswagen, Porsche, Lamborghini e Bosch. Covolo – prosegue – è stato colpito dal progetto per la grande innovazione tecnologica e, dopo la vittoria del contest indetto da Seedup, la ditta Mold srl ha ulteriormente investito nella progettazione e sviluppo di un prodotto finemente industrializzato. Successivamente si sono realizzati i prototipi mediante le stampanti 3D per testare la funzionalità dei nostri dispositivi. Abbiamo inoltre esteso il brevetto a livello mondiale e abbiamo partecipato ad ulteriori eventi in cui siamo stati ulteriormente premiati”.

Alla fine di novembre 2019 Mold srl ha deciso di acquistare investendo 100.000 euro per la restante parte del  brevetto dai fratelli Citton, così da ottenere anche una completa capacità decisionale per quanto riguarda l’ulteriore sviluppo e commercializzazione del progetto. “Seedup è stato un valido consulente, molto flessibile e preparato nelle varie sfide che una startup incontra – ha concluso Andrea Citton – ed è per questo che ho consigliato a Mold srl di incontrare SeedUp ed affidarsi a loro per l’ulteriore crescita del progetto”.