GEC2015, piccole associazioni crescono (e si aggregano) | Economyup
Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

GEC2015, piccole associazioni crescono (e si aggregano)

di Federico Barilli

12 Mar 2015

In occasione dell’evento che si terrà a Milano dal 16 al 19 marzo, Italia Startup lancia una call per altri soggetti europei di rappresentanza associativa. Obiettivo: operare in modo congiunto alla creazione di imprese innovative nel nostro continente

Federico Barilli
Tutto è partito meno di un anno fa quando France Digitale, l’Associazione transalpina delle startup e degli investitori, ha chiamato a raccolta associazioni e organizzazioni no profit dei diversi ecosistemi startup da tutto il mondo. È cominciato allora (era il giugno 2014) un primo dialogo tra soggetti no-profit che rappresentano questo comparto ancora giovane e pertanto di (relative) piccole dimensioni, soprattutto in Europa.

Approfittando di GEC Milano 2015 – la grande manifestazione mondiale promossa da Kauffman Foundation che per la prima volta, grazie anche a Meta Group, approda nel nostro Paese – Italia Startup si fa promotrice di una call nei confronti di alcuni soggetti europei di rappresentanza associativa, omologhi dell’Associazione italiana, per fare il punto sul comparto e per avviare un dialogo che auspicabilmente si consolidi nel tempo. Hanno accettato di partecipare le Associazioni di Francia (France Digitale), Germania (German Startup Association) e Spagna (Tetuan Valley, soggetto no profit che ha elaborato un manifesto a sostegno delle startup spagnole e che presto si trasformerà in associazione di giovani imprese innovative). Il workshop è in programma  martedì 17 marzo alle ore 11

Due i filoni che guidano il workshop voluto dall’Associazione italiana: a) un confronto tra ecosistemi nazionali, in termini di investimenti, di attori in gioco, di mappa degli stessi; b) un confronto tra modelli associativi.

L’obiettivo di fondo è di capire – oltre alla struttura e alle prospettive di ciascun ecosistema, di potenziale e reciproco interesse  per investitori, startup e aziende, che vogliono conoscere mercati diversi da quello di appartenenza – se ci sono le condizioni perché organizzazioni tra loro simili e con finalità analoghe, possano lavorare insieme in futuro, sia per scambiarsi dati, integrare modelli e sviluppare azioni di reciproco supporto (fertilizzazione incrociata tra attori dei diversi ecosistemi), sia per operare in modo congiunto rispetto a politiche europee più favorevoli alla creazione e allo sviluppo di imprese innovative nel nostro continente.

Le Associazioni coinvolte hanno accettato con grande piacere l’invito di Italia Startup e di GEC (contenitore che si presta ottimamente a ospitare un evento di questo tipo, per la presenza di tante delegazioni mondiali legate dal tema e dalla competenza sull’intraprendere) e sono tutte convinte che insieme, si potrà fare un buon lavoro, a vantaggio dei propri soci e dei propri ecosistemi.

Per Italia Startup è anche l’occasione di presentare, insieme alla School of Management del Politecnico di Milano, un aggiornamento dell’Osservatorio sulle Startup e del progetto WhoisWho illustrati lo scorso ottobre a Smau Milano (seconda edizione della ricerca).

*Federico Barilli, segretario generale di Italia Startup

Federico Barilli

Articoli correlati