Atooma, addestra lo smartphone e domina la tecnologia | Economyup

La startup più premiata

Atooma, addestra lo smartphone e domina la tecnologia



Giudicata migliore app del mondo, ha vinto il premio Techcrunch Europe e, a cinque mesi dal lancio, conta oltre 130 mila download totali: è l’application ideata da alcuni giovani romani per istruire il cellulare a una serie di compiti. E ora è alla ricerca di 500mila euro per crescere

di Redazione EconomyUp

08 Lug 2013


Addestrare il proprio smartphone a mandare ogni giorno alle 8.00 un messaggio di buongiorno alla persona amata: con Atooma si può, anche non si è particolarmente esperti di nuove tecnologie. Grazie all’app per Android ideata da alcuni giovani di Roma si può istruire il cellulare affinché esegua una serie di compiti: per esempio postare foto su Facebook soltanto quando si è in vacanza, attivare il vivavoce quando si è in macchina o eliminare la suoneria se si è al lavoro. Un modo per non essere più schiavi della tecnologia, ma imparare a dominarla.

All’origine della start-up c’è la tesi di laurea di Francesca Romano, oggi Ceo di Atooma. La squadra di lavoro, di cui fanno parte anche Gioia Pistola, Andrea Meriggioli e Fabrizio Cialdea (tutti sotto i 30 anni), si è conosciuta nel 2011 all’Innovation Lab,  ha ricevuto un finanziamento seed da EnLabs, ha seguito il successivo programma di accelerazione del fondo Mind The Seed e ora è tra le “pupille” di Luiss Enlabs.

Se fosse un testo teatrale, Atooma sarebbe in tre atti: il primo consiste nello scaricare l’applicazione che permette di personalizzare le funzioni del proprio smartphone Android, creando tante ‘azioni’ o mini-app in grado di svolgere determinate funzioni,  senza che sia necessario conoscere o lavorare su alcun codice di programmazione. L’interfaccia grafica è comoda e intuitiva, basta saper usare bene la schermata “If” e quella “Do”, dando ordini del tipo “Se la mia batteria scende al di sotto del 20%, disabilita il wi-fi”.

Nel secondo atto la protagonista è la community: in pratica nella scheda Wall si possono visualizzare le mini-app degli altri utenti e, pescando tra le creature altrui, si può trovare quello che ci serve già pronto.

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Il terzo atto consiste nella “suggestion”, ovvero la possibilità di inviare dei tag che permettono di trovare l’Atooma giusta al momento giusto: per il lavoro, la musica, i viaggi e altro ancora.

A 5 mesi dal lancio l’app conta oltre 130.000 download totali e ha fatto incetta di premi: ha vinto il Premio Techcrunch Europe, è stata giudicata “migliore app del mondo” nel 2013 al Mobile World Congress di Barcellona, il suo team è stato premiato da Technology Review come Best Entrepreneur under 35.

Ma il gruppo non si ferma ed è ancora in cerca di finanziamenti per 500.000 euro per poter sviluppare al meglio la tecnologia.

L.M.

Redazione EconomyUp