Arese Lucini, dopo Uber riparte con la startup fintech Oval Money | Economyup
Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Personaggi

Arese Lucini, dopo Uber riparte con la startup fintech Oval Money

19 Gen 2016

La ex general manager in Italia dell’azienda californiana è il CEO di una nuova società, fondata con Claudio Bedino ed Edoardo Benedetto, che sta per per lanciare un’app che permette di risparmiare e di fare prestiti peer-to-peer. Ecco come funziona

Benedetta Arese Lucini
Da manager a imprenditrice. Benedetta Arese Lucini torna in campo, con una startup. L’ex general manager di Uber Italia è tra i fondatori di Oval Money, che sta per lanciare un’app dedicata ai prestiti personali.

Benedetta Arese Lucini ha guidato in Italia la società fondata da Travis Kalanick dal marzo 2013 all’agosto 2015. Suo malgrado è diventata, soprattutto nel 2014, la più nota country manager di una startup globale nel nostro Paese. Presa di mira dai tassisti, spesso anche in modo violento e intimidatorio, la giovane manager, adesso 32enne, è stata al centro di un acceso dibattito su innovazione, corporazioni e norme da rinnovvare alla luce dell’avanzata della sharing economy.

[Arese Lucini: “Le app ci stanno cambiando la vita” – L’INTERVISTA]

Arese Lucini ha risolto “consensualmente” il rapporto di lavoro con Uber nell’agosto del 2015. Ma n on è rimasta per molto tempo con le mani nelle mani. Nel database di TechCrunch, CrunchBase, si legge che OvalMoney è stata fondata nell’ottobre 2015. Si tratta di una startup fintech con base a Londra creata insieme a Claudio Bedino, ceo e fondatore di Starteed, piattaforma che fornisce soluzioni tecnologiche per il crowdfunding ed è partner di realtà come WCap, e ad Edoardo Benedetto, che di Starteed è user experience & user interaction designer.

Oval Money – si legge nella presentazione della startup – è un’app legata a conto corrente bancario e carta credito che si propone di dare aggiornamenti e statistiche in tempo reale sulle abitudini di spesa dell’utente per aiutarlo a risparmiare. L’applicazione provvede a creare un “salvadanaio” digitale personale in cui finiscono automaticamente gli “spiccioli” di resto di ogni transazione. Gli utenti poi possono chiedere dei piccoli prestiti peer-to-peer ad altri utenti Oval Money per emergenze, donazioni, regali o altre necessità e restituire la somma con micropagamenti giornalieri.

Nella startup è proprio Benedetta Arese Lucini a ricoprire la carica di Ceo, mentre Bedino è Chief operating officer e Benedetto Head of design. Il fintech non è ovviamente una novità per Bedino, che opera nel settore dal 2012, quando ha fondato Starteed. Per Arese Lucini, invece, sarebbe un esordio, anche se nel suo curriculum c’è un’esperienza nel mondo bancario-finanziario all’interno del team di Technology investment banking di Credit Suisse. (m.d.l.)

  • Ago7

    Parlate di imprenditrice, presa di mira dai tassisti in modo violento….Nessun tassista si è comportato in modo violento con la Lucini, anche se svolgeva il suo lavoro in maniera completamente illegale, per le leggi italiane ed anche europee, difatti Uber sta per essere messa al bando un po’ da per tutto……….

  • Redazione

    Salve. A noi sembra che esporre uno striscione davanti a casa di una donna, chiunque sia, con insulti sessisti come quelli esposti davanti a casa della Lucini sia una grave violenza.

    http://milano.repubblica.it/cronaca/2015/02/12/foto/milano_lo_striscione_sessista_contro_la_manager_uber-107140539/1/

Articoli correlati